Antivirali per il COVID-19: il caso dell’Avigan è veritiero o non ha fondamento clinico?

Di recente, ci sono state molte speculazioni mediatiche sul farmaco anti-influenza giapponese favipiravir (marchio Avigan) efficace contro SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Questo perché funzionari cinesi hanno annunciato in una conferenza stampa che il farmaco potrebbe effettivamente curare questo coronavirus. Da allora, i risultati di uno dei due studi clinici citati dai funzionari cinesi sono diventati disponibili. Un gruppo di risultati sono pubblicati in un documento e spiegano perché le persone devono interpretarli con cautela. Qingxian Cai, del National Clinical Research Center for Infectious Diseases presso The Third People’s Hospital di Shenzhen in Cina, è il primo autore del documento, che ora appare sulla rivista Engineering. Come spiegano il dott. Cai e i colleghi nel loro documento, la necessità di agenti antivirali efficaci in grado di combattere COVID-19 è terribile. In questo contesto, un approccio efficace per la scoperta di farmaci sembra essere quello di testare i farmaci antivirali esistenti e vedere se sono adatti o meno per il riutilizzo. Gli operatori sanitari hanno precedentemente utilizzato farmaci come ribavirina, interferone, favipiravir e lopinavir / ritonavir per trattare la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS). Queste sono malattie causate da altri coronavirus. Tuttavia, l’efficacia di alcuni di questi farmaci è discutibile, avvertono i ricercatori.

Detto questo, studi precedenti che Cai e il team citano nel loro articolo hanno dimostrato che il favipiravir, il farmaco antinfluenzale, inibisce con successo la SARS-CoV-2 in alcune cellule coltivate e protegge i topi dall’Ebola. Quindi, gli scienziati hanno iniziato a testare i risultati del trattamento della SARS-CoV-2 usando favipiravir e a confrontare la sua efficacia con quella del lopinavir / ritonavir mix. Lopinavir è un inibitore dell’HIV che è emerso come potenziale trattamento per l’epidemia di SARS nel 2003. I produttori spesso aggiungono ritonavir al lopinavir per aumentare la sua emivita e ridurre i suoi effetti collaterali. Il recente studio è stato un confronto non randomizzato di due regimi di trattamento nel tempo. I partecipanti erano tutti pazienti al Terzo Ospedale del Popolo di Shenzhen. Il primo giorno (all’inizio di febbraio), un gruppo di studio – composto da 35 persone, tutte con una diagnosi confermata di COVID-19 e soddisfatto i criteri di prova, inclusa l’età e la gravità della malattia – ha assunto 800 mg di favipiravir due volte in due dosi separate, più interferone inalato. Il secondo e oltre, questo gruppo ha ridotto il dosaggio a 600 mg due volte al giorno e ha continuato a prendere l’interferone per via inalatoria. Il gruppo di controllo comprendeva 45 pazienti ricoverati nell’ultima settimana di gennaio. Hanno preso lopinavir / ritonavir per 14 giorni alla dose di 400 mg, quindi 100 mg, due volte al giorno, più l’interferone inalato.

Coloro che hanno assunto favipiravir hanno eliminato il virus in media 4 giorni. Quelli del gruppo di controllo lo hanno eliminato in 11 giorni. Anche il gruppo favipiravir “ha mostrato un miglioramento significativo nell’imaging toracico rispetto al braccio di controllo, con un tasso di miglioramento del 91,43% rispetto al 62,22%. I calcoli statistici hanno mostrato che favipiravir era associato in modo indipendente con una più rapida clearance virale. Inoltre, sono state riscontrate meno reazioni avverse nel gruppo favipiravir rispetto al gruppo di controllo. Sebbene le caratteristiche di salute delle persone nei due gruppi fossero statisticamente comparabili all’inizio dello studio, c’erano differenze importanti tra loro che mettevano in dubbio questi risultati. Ad esempio, un numero maggiore di partecipanti nel gruppo favipiravir era più giovane e più magro e ha subito il trattamento dopo l’insorgenza dei sintomi. D’altro canto, un minor numero di partecipanti a questo gruppo aveva la febbre, per esempio. Poiché lo studio era così piccolo, differenze minori come queste possono distorcere i risultati, nonostante gli scienziati abbiano tenuto conto di questi fattori nell’analisi. In altre parole, il minimo errore potrebbe distorcere i risultati. Questo piccolo studio fornisce alcuni risultati interessanti, ma la mancanza di randomizzazione, le differenze di gravità della malattia e di età dei due gruppi e la mancanza di doppio-cieco dei risultati, per i ricercatori mettono in dubbio tutti i risultati.

Il Dr. Cai e colleghi hanno concluso: “In questo studio di controllo non randomizzato in aperto, il favipiravir ha mostrato effetti terapeutici significativamente migliori su COVID-19 in termini di malattia. Se causali, questi risultati dovrebbero essere informazioni importanti per stabilire linee guida di trattamento standard per combattere l’infezione da SARS-CoV-2. Sono necessari studi randomizzati controllati ben condotti prima che i medici possano usare questo farmaco a questo scopo nella pratica clinica”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dong L, Hu S, Gao J. Drug Discov Ther. 2020; 14(1):58-60. 

Shiraki K, Daikoku T. Pharmacol Ther. 2020 Feb 22:107512. 

Delang R et al. Antiviral Res. 2018 May; 153 (1):85-94.

Furuta Y et al. Antiviral Res. 2013 Nov; 100(2):446-54. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments