Salute tiroidea: troppe ore di lavoro associate ad un rischio di suo malfunzionamento

L’ipotiroidismo è una condizione in cui la ghiandola tiroidea nel collo (di fronte alla trachea) non riesce a produrre abbastanza ormoni tiroidei, che sono cruciali per il metabolismo e la sintesi proteica. La condizione è generalmente causata dal sistema immunitario che colpisce la tiroide o da alcuni trattamenti per la tiroide iperattiva (ipertiroidismo) o il cancro alla tiroide. I due principali ormoni prodotti dalla ghiandola tiroidea sono la tiroxina (T4) e la triiodo-tironina (T3). Quando i livelli di ormoni tiroidei sono bassi, il metabolismo del corpo rallenta. Segni e sintomi della condizione variano, a seconda del grado di carenza ormonale. Le persone potrebbero non manifestare alcun sintomo nelle prime fasi o semplicemente attribuirle all’invecchiamento, ma alla fine l’ipotiroidismo può portare a una serie di condizioni di salute. Gli esempi includono aumento di peso e obesità, diabete, affaticamento, dolori articolari, depressione, infertilità, debolezza muscolare e malattie cardiache. Circa l’1-2% delle persone sviluppa ipotiroidismo e la condizione è dieci volte più comune tra le donne che tra gli uomini. Ora un nuovo studio ha scoperto che le persone che lavorano per lunghe ore hanno maggiori probabilità di avere una tiroide ipoattiva o ipotiroidismo rispetto alle persone che lavorano meno ore.

I risultati hanno mostrato che l’associazione tra lunghe ore lavorative e una maggiore prevalenza di ipotiroidismo si è verificata indipendentemente dal genere o dallo stato socioeconomico, sebbene la condizione sia generalmente più diffusa tra le donne rispetto agli uomini. Lo studio, che secondo il principale investigatore è il primo a dimostrare questa associazione, è stato accettato per la consegna durante l’incontro annuale della Endocrine Society – ENDO 2020 – ed è stato recentemente pubblicato come parte del supplemento speciale nel Journal of the Endocrine Society. Il giovane Ki Lee, del National Cancer Center di Goyang-si, Corea del Sud, ha dichiarato: “Il sovraccarico di lavoro è un problema prevalente che minaccia la salute e la sicurezza dei lavoratori in tutto il mondo. A nostra conoscenza, questo studio è il primo a dimostrare che i lunghi orari di lavoro sono associato a ipotiroidismo “. Per lo studio, Lee e colleghi hanno riunito i dati per 2.160 adulti che lavorano a tempo pieno che hanno partecipato al sondaggio nazionale sulla salute e la nutrizione in Corea tra il 2013 e il 2015. Una tiroide ipoattiva è stata identificata utilizzando le registrazioni dei campioni di sangue prelevati dai partecipanti.

I ricercatori hanno scoperto che tra le persone che lavoravano tra le 52 e le 83 ore settimanali, la prevalenza dell’ipotiroidismo era più del doppio rispetto alle persone che lavoravano da 36 a 42 ore settimanali, al 3,5% contro l’1,4%. Secondo Lee, per ogni dieci ore in più le persone lavoravano alla settimana, il rischio di ipotiroidismo era del 46% maggiore rispetto alle persone che lavoravano dieci ore in meno alla settimana. Il dottor Lee afferma che sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire se lavorare per lunghe ore provoca lo sviluppo della condizione: “Se viene stabilita una relazione causale, può essere la base per raccomandare una riduzione dell’orario di lavoro per migliorare la funzione tiroidea tra individui sovraccarichi di ipotiroidismo. Inoltre, lo screening per l’ipotiroidismo potrebbe essere facilmente integrato nei programmi di screening sanitario dei lavoratori utilizzando semplici test di laboratorio. Nel 2018, è stata introdotta una legge in Corea del Sud che ha ridotto il numero massimo di ore che una persona può lavorare ogni settimana da 68 a 52. Se lunghi orari di lavoro causano davvero ipotiroidismo, la prevalenza di ipotiroidismo in Corea potrebbe diminuire leggermente con la diminuzione delle ore”.

Non sono stati discussi o indagati meccanismi dietro l’associazione trovata dai ricercatori. Tuttavia, è noto che l’ipofisi reagisce a fattori ambientali come lo stress e le variazioni di temperatura e che troppo stress innalza il cortisolo, il famigerato ormone dello stress. Ma quest’ultimo innalza anche il TSH, poiché lo stress mima una condizione di continua vigilanza. Il TSH, a sua volta, stimola la produzione di ormoni tiroidei e questi accelerano cuore e metabolismo, fino a che la stessa produzione di T3 e T4 comincia a dare segni di cedimento che si manifesta con ipotiroidismo. Sebbene l’ipotiroidismo alla fine possa portare a sintomi come aumento di peso, affaticamento e depressione, Lee riferisce che nella maggior parte dei casi di studio in cui è stato identificato l’ipotiroidismo, le persone presentavano una forma lieve della malattia che non era ancora diventata sintomatica.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lee YK et al. Cancer Res Treat. 2019 Oct; 51(4):1430-1436. 

Bueno JPR, Gotardo LRM et al. Int J Biometeorol. 2020 Feb 27. 

Stamatouli A et al. Front Endocrinol (Lausanne) 2020 Jan 9; 10:888.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2227 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments