Cavoli, broccoli e brassiche: i protettori delle arterie

Le verdure crocifere appartengono al genere Brassica, ed includono rucola, cavolo, cavolfiore, broccoli, cavoletti di Bruxelles, rape, ravanelli, crescione, cavoli verdi e altri. Sono ricche fonti di: fibra; vitamine C, E e K; diversi carotenoidi, acido folico e minerali. Contengono anche composti di zolfo noti come glucosinolati, che spiegano il loro sapore un pò amaro pungente. Quando cuciniamo e mangiamo verdure crocifere, i glucosinolati contenuti al loro interno si scindono in composti bioattivi, come nitrili, indoli, isotiocianati e tiocianati. Prove da studi su cellule e su animali già suggeriscono che alcune di queste sostanze possono ridurre il rischio di cancro, specie mammario e polmonare. Un nuovo studio sulle donne anziane che vivono in Australia trova che mangiare più verdure crocifere, come broccoli, cavoli, cavoletti di Bruxelles e cavolfiore, potrebbe aiutare a prevenire le arterie ostruite o l’aterosclerosi, una delle principali cause di infarto e ictus. In una serie di articolo pubblicati su riviste specialistiche, un team della School of Medical and Health Sciences, Edith Cowan University, Joondalup, Australia, sottolinea che una dieta ricca di verdure crocifere può proteggere contro le malattie vascolari. Il team scrive: “Questo è uno dei pochi studi che ha esplorato il potenziale impatto di diversi tipi di verdure sull’aterosclerosi sub-clinica, la causa sottostante di malattie cardiovascolari”.

Nel loro studio i ricercatori osservano che la ricerca mostra costantemente la prova di un legame tra un maggiore consumo di verdure e un ridotto rischio di malattie cardiache e ictus. Spiegano come misurare lo spessore delle pareti delle arterie carotidi nel collo può aiutare a valutare il rischio di infarto e ictus, perché è un indicatore affidabile di aterosclerosi, la “causa sottostante di queste malattie cardiovascolari”. Gli autori discutono di come la dieta mediterranea, la dieta vegetariana e altre diete con elevate prese vegetali siano state collegate a un minore ispessimento della parete dell’arteria carotide. Tuttavia, il ruolo delle singole componenti alimentari, come le verdure, è incerto. Inoltre, si nota che vi sono state poche indagini sui legami tra tipi specifici di verdure e “riduzione dell’aterosclerosi”, motivo per cui, per il loro studio, hanno esaminato i legami tra l’assunzione di verdura e le misure dell’arteria carotidea dell’aterosclerosi. Già lo scorso ottobre, il team aveva pubblicato un’altra ricerca preliminare dove dimostrava che il consumo di crocifere ed altre verdure del genere Allium (aglio, cipolla, porro e congeneri), era inversamente associato ad un rischio di morte cardiovascolare in un periodo di 15 anni a carico di una coorte di quasi 16.000 persone.

Il rischio si è abbassato del 20% per tutti coloro che avevano incluso costantemente nella loro dieta alliacee e crocifere. I ricercatori anche qui hanno esaminato i collegamenti con i tipi di verdura. Hanno analizzato i dati su 954 donne che vivevano in Australia che avevano 70 anni o più nel 1998, quando hanno compilato questionari dettagliati sull’assunzione di cibo. Tra le altre cose, questi questionari hanno posto domande sulla frequenza del consumo di verdure, su una scala di 10 punti che variava da “mai” a “tre volte o più al giorno”. Le donne hanno anche notato, da una scelta di 24 tipi, quali verdure hanno mangiato, come ad esempio: giallo, arancione e rosso; legumi; verdure a foglia verde; verdure crocifere; e Alliacee come cipolle, scalogni, aglio e porri. Nel 2001, tutte le donne sono state sottoposte a esami di ecografia che misuravano lo spessore delle carotidi e hanno valutato la gravità dell’accumulo di placca. I risultati hanno mostrato che le donne che consumavano più verdure avevano, in media, pareti dell’arteria carotidea che erano 0,05 millimetri più sottili delle donne che consumavano il minor numero di verdure. Questa differenza è probabilmente significativa, perché una diminuzione di 0,1 millimetri dello spessore della parete carotidea è associata ad una diminuzione del 10-18% del rischio di ictus e infarto.

Il team ha anche scoperto che per ogni 10 grammi in più di verdure crocifere consumate al giorno, c’era una riduzione dello 0,8% dello spessore medio della parete dell’arteria carotide. Nessun collegamento di questo tipo è stato trovato per altri tipi di verdure. In particolare, dopo aver adattato lo stile di vita, i fattori di rischio di malattie cardiovascolari (incluso l’uso di farmaci) e altri tipi di verdure e fattori dietetici, i nostri risultati hanno continuato a mostrare un’associazione protettiva tra le verdure crocifere e lo spessore delle pareti delle arterie carotidi. È importante notare che, a causa delle limitazioni del disegno dello studio, i risultati non dimostrano che mangiare più verdure crocifere previene o riduce l’ispessimento delle pareti delle arterie. Tuttavia, nessuno dei due contraddice l’idea.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Blekkenhorst LC et al. Eur J Nutr. 2020 Feb; 59(1):217-230.

Blekkenhorst LC et al. J Am Heart Assoc. 2018 Apr 4; 7(8).

Blekkenhorst LC et al. J Am Heart Assoc. 2017 Oct; 6(10). 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2306 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it