Dieta Mediterranea e dieta MIND: dall’esercizio alla salute mentale

La dieta occidentale è ricca di grassi trans e saturi, verdure altamente trasformate e altri alimenti, oltre a zucchero e sale raffinati. Al contrario, la dieta in stile mediterraneo è ricca di cereali integrali, noci, frutta, verdura e olio d’oliva e povera di carne lavorata, carne rossa, grassi saturi e zuccheri raffinati. Oltre alla salute del cervello, la dieta mediterranea è stata anche suggerita per avere effetti protettivi contro le malattie cardiovascolari. In un altro piccolo studio dell’Università di St. Louis, i partecipanti a una dieta Mediterranea hanno mostrato prestazioni migliori in termini di resistenza rispetto a quelli che seguono una dieta occidentale convenzionale. I partecipanti hanno percorso cinque chilometri su un tapis roulant, una volta dopo quattro giorni con una dieta mediterranea, e un’altra volta dopo quattro giorni con una dieta occidentale. Dopo questo breve periodo di quattro giorni, la dieta mediterranea ha prodotto una velocità del 6% più veloce, nonostante le frequenze cardiache siano rimaste comparabili durante entrambe le sessioni.

La ragione di questa differenza potrebbe essere dovuta al fatto che una dieta di tipo mediterraneo è più alcalina, ha proprietà anti-infiammatorie ed è elevata in contenuto di antiossidanti. Un’altro studio ha esaminato i partecipanti seguendo una dieta in stile mediterraneo, l’approccio dietetico per fermare l’ipertensione (DASH) e il punteggio di qualità della dieta A Priori (APDQS) (un punteggio di qualità alimentare basato sui benefici nutrizionali di determinati alimenti). Lo studio ha coinvolto oltre 2600 partecipanti, uomini e donne, di età compresa tra 25 e 45 anni. La dieta di ciascun partecipante è stata valutata mediante questionari ripetuti a tre punti, che sono stati utilizzati per determinare l’assunzione alimentare media per ogni individuo. Coloro che seguivano i primi due modelli di dieta avevano la migliore salute cognitiva a 50-55 anni, rispetto al terzo. Perché? Queste diete sono pesanti su grassi monoinsaturi, legumi, proteine, fibre e micronutrienti come tiamina, acido folico, magnesio, ferro e potassio.

Il Dr. Edward Weiss, ricercatore senior dello studio SLU, ha dichiarato: “Il nostro studio dimostra che una dieta che è nota per la salute è anche un bene per le prestazioni fisiche. Ora hanno un ulteriore incentivo a mangiare sano. Va notato, tuttavia, che non sono stati osservati benefici significativi per le attività di carico. Tuttavia, i benefici sono stati anche rapidamente persi quando si è passati alla dieta occidentale, sottolineando l’importanza dell’adesione a lungo termine alla dieta mediterranea”. Molteplici sostanze nutritive nella dieta mediterranea aumentano le prestazioni di esercizio da sole. Ciò può spiegare il beneficio risultante dalla loro combinazione in un singolo schema dietetico. Un terzo studio ha esplorato il modo di mangiare degli australiani, trovando che una dieta sana per il cervello era associata alla stessa riduzione del rischio di declino cognitivo nella loro vita futura. Questo studio ha utilizzato l’Intervento Mediterraneo-DASH per la dieta di Ritardo Neurodegenerativo, o la dieta MIND, per valutare la protezione potenziale di una dieta sana contro l’Alzheimer e altre forme di demenza.

La dieta MIND è stata sviluppata in America dalla professoressa Martha Morris,. Prende in prestito non solo dal piano di dieta di tipo mediterraneo ma anche da un elenco di alimenti che sono noti per il beneficio della salute del cervello, come le bacche ricche di antiossidanti e le verdure a foglia verde. MIND si distingue quindi da altri piani simili per la sua inclusione dettagliata di cibi protettivi per il cervello, oltre ad enfatizzare i cereali integrali, le verdure a foglia verde, l’olio d’oliva e pochissima carne rossa. Complessivamente, contiene 15 componenti. Lo studio ha esaminato se il deficit cognitivo si è sviluppato nell’arco di 12 anni in 1220 adulti australiani di età compresa tra 60 anni e oltre. All’inizio dello studio, gli scienziati hanno intervistato i partecipanti sulla loro dieta e analizzato i risultati utilizzando il punteggio di dieta sana CSIRO, che misura la qualità delle abitudini alimentari. Oltre alle categorie tradizionali come verdure a foglia verde e cereali integrali, il protocollo CSIRO consente il tracciamento separato del tipico occidentale. Ciò ha permesso di ottenere un’immagine più semplice e accurata del modello alimentare.

Le risposte sono state quindi assegnate ai punteggi per raggruppare i partecipanti in due gruppi: uno ha seguito la dieta MIND e l’altro la dieta mediterranea. Il gruppo che ha seguito la dieta MIND ha ridotto il rischio di sviluppare declino cognitivo o demenza di quasi un quinto rispetto alla media. L’altro gruppo che faceva parte della dieta mediterranea tradizionale ha mostrato zero benefici. Quindi, non ci sono dubbi che i numerosi appelli sanitari all’aderenza alla dieta Mediterranea hanno delle basi scientifiche ben solide. Non solo; questa tipologia di dieta può essere plasticamente modellata alla condizione che si intende trattare. Adesso c”è la variante MIND per andare specificamente sul declino cognitivo, anche quello indotto da ictus cerebrale; chissà se è possibile elaborare da essa la variante PARK per la malattia di Parkinson o SLEPT per i problemi di sonno da troppo stress !

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Yerstein O, Mendez MF. Alzheim Dement 2020; 6(1):e12011.

Cherian L et al. J Gerontol A: Biol Sci Med Sci 2020 Feb 21.

Hosking DE et al., Anstey KJ. Alzheim Dement. 2019 Feb 27.

Adjibade M et al., Kesse-Guyot E. J Neurology 2019 Jan 31.

Marcason W. J Acad Nutrition Diet. 2015 Oct; 115(10):1744. 

Morris MC et al. Alzheimers Dement. 2015 Sep; 11(9):1007.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2376 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it