Screening mammario e dieta dedicata: la guardia contro il tumore non si deve abbassare

La chiave per individuare il cancro al seno e ridurre il rischio di malattie mortali è la diagnosi precoce e lo screening. La diagnosi precoce della malattia aiuta a migliorare i risultati sulla salute. Una nuova ricerca mostra che la partecipazione allo screening mammografico riduce sostanzialmente il tasso di carcinoma mammario avanzato e fatale. Un team di ricercatori del Falun Central Hospital in Svezia ha scoperto che lo screening mammografico riduce il rischio di carcinoma mammario fatale del 41% entro dieci anni dalla diagnosi e una riduzione del 25 percento del tasso di carcinoma mammario avanzato. Lo screening del cancro al seno in Svezia viene condotto utilizzando la mammografia a due viste. La politica del paese prevede lo screening di donne di età compresa tra 40 e 54 anni ogni 18 mesi; e donne di età compresa tra 55 e 69 anni ogni due anni. Studi precedenti hanno dimostrato il vantaggio di mammografie e screening precoce. Sebbene alcuni esperti abbiano legato i benefici ai miglioramenti nella cura del cancro al seno, il nuovo studio potrebbe fornire una visione dell’importanza reale delle mammografie nella lotta a questo tumore.

I risultati dello studio fanno luce sull’importanza dello screening nelle malattie, in particolare il cancro. I ricercatori hanno analizzato i dati di una popolazione di oltre 500.000 donne, che copre circa il 30% della popolazione ammissibile allo screening in Svezia. Per arrivare ai loro risultati, il team ha confrontato i tassi di carcinoma mammario avanzato che erano fatali entro dieci anni dalla diagnosi per le donne che avevano mammografie e quelle che non lo avevano fatto. Il team ha raccolto dati dai registri nazionali in Svezia su ciascuna diagnosi di carcinoma mammario e sulla data di morte di ciascun caso. Hanno anche notato le caratteristiche del tumore da centri di cancro regionali. Hanno scoperto che il tempo medio di insorgenza del carcinoma mammario che è stato fatale entro dieci anni dalla diagnosi è di 13 anni e 22 anni per la malattia avanzata. Nel complesso, il team ha scoperto che c’era una riduzione del 60% del carcinoma mammario fatale entro dieci anni dalla diagnosi tra le donne che avevano lo screening rispetto a quelle che non lo facevano.

Il dottor László Tabár, professore nel dipartimento di mammografia presso il Falun Central Hospital in Svezia, ha dichiarato: “Alcuni potrebbero ritenere che i recenti miglioramenti nel trattamento del carcinoma mammario rendano meno importante la diagnosi precoce. Il nostro studio dimostra che nulla può sostituire la ricerca precoce del carcinoma mammario. Questo studio dimostra che la partecipazione allo screening riduce sostanzialmente il rischio di avere un carcinoma mammario fatale, poiché il confronto tra la partecipazione con persone non partecipanti è stato contemporaneo – con lo screening mammografico e il trattamento del carcinoma mammario appartenenti allo stesso periodo – non lo è colpiti da potenziali cambiamenti nel trattamento del carcinoma mammario nel tempo. In questo confronto contemporaneo di donne partecipanti rispetto a quelle non partecipanti sono state riscontrate riduzioni sostanziali del tasso di incidenza dei tumori al seno che erano fatali entro dieci anni dalla diagnosi e del tasso avanzato di carcinoma mammario. nello screening. Questi benefici sembravano essere indipendenti dalle recenti modifiche apportate a regimi di trattamento”.

I ricercatori hanno sottolineato i vantaggi della partecipazione allo screening mammografico, che è essenziale per salvare vite umane grazie alla diagnosi precoce. Un loro studio separato evidenzia l’importanza di avere un’alta assunzione di fibre per prevenire il cancro al seno. Lo studio fornisce una visione del legame tra l’assunzione di fibre e il rischio di carcinoma mammario. Una metanalisi di effetti casuali di studi osservazionali prospettici, aveva già dimostrato che un elevato consumo totale di fibre era associato a un ridotto rischio di cancro al seno. Questo risultato è stato coerente per le fibre solubili e per le donne con carcinoma mammario in pre-menopausa e post-menopausa. Pertanto, gli autori dello studio hanno eseguito una revisione sistematica e una meta-analisi di studi prospettici per giungere ai loro risultati. Il team ha scoperto che le donne che consumano una dieta ricca di fibre, tra cui frutta, verdura e cereali integrali, possono aiutare a ridurre il rischio di cancro al seno in modo sostanziale. Lo studio ha riunito i dati di 20 studi sul consumo di fibre e sull’incidenza del cancro al seno. C’era un rischio ridotto dell’8% di cancro al seno per quelli con una dieta ricca di fibre.

Questo vuol dire che le fibre alimentari concorrono a determinare una fetta del rischio; un’altra fetta la determina la tipologia globale di alimentazione, un’altra il fumo di sigaretta, un’altra ancora fattori infettivi o ambientali e così via.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Duffy SW, Tabár L, Yen AM, Dean P et al. Cancer 2020 May 11.

Tabár L et al. J Med Screen 2020 May 5:969141320921210. 

Dibden A, Offman J et al. Cancers (Basel) 2020 Apr 15; 12(4).

Farvid MS, Spence ND, Holmes M et al. Cancer 2020 Apr 6. 

Zhong GC, Wang K, Peng Y et al. Int J Cancer 2020 Mar 6. 

Farvid MS et al. Int J Cancer 2019 Apr 1; 144(7):1496-1510. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2376 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments