A tempo di musica sul ritmo del cuore: come reagiscono battiti ed onde in risposta all’emozione musicale

La musica è un canale che unisce molte culture e da sempre ha accompagnato l’uomo giorno per giorno. Sin dai tempi degli antichi imperi, la musica non era solo un piacere di intrattenimento di corte; tutte le civiltà del passato si accorsero ben presto che anche lavorare con a senza l’accompagnamento della musica aveva effetti sulla resa molto diversi. Egiziani, Greci e Romani sapevano bene questo trucco ed il lavoro dei campi era molto spesso accompagnato da un pifferaio. Passando dai tempi medioevali fino a quelli relativamente più moderni, il canto e l’intrattenimento musicale presso i lavoratori agricoli sono stati costantemente presenti per rendere il lavoro meno faticoso. La musica però, ha anche effetti terapeutici: svariati studi controllati e non, assieme alle esperienze personali raccontate da conoscenti o estranei, hanno potuto confermare che la musicoterapia è di notevole aiuto o supporto per condizioni come la depressione, il disturbo autistico e il disturbo da stress protratto, per citarne qualcuno. Ci sono state recensioni e prove sperimentali molto recenti che hanno sondato l’effetto di una musicoterapia di reparto, per migliorare la degenza ed il recupero clinico, ad esempio nei reparti di chirurgia ed in quello di terapia intensiva.

La musicoterapia abbassa anche la pressione arteriosa negli ipertesi, sgravando parte del carico cardiaco. E sul cuore, infatti, si indirizza il nuovo studio sperimentale che si riporta. Riproduci lo stesso brano musicale per due persone e i loro cuori possono rispondere in modo molto diverso. Questa è la conclusione di un nuovo studio pubblicato su EHRA Essentials 4 You, una piattaforma scientifica della European Society of Cardiology (ESC). Questa ricerca pionieristica ha rivelato in che modo la musica innesca effetti individuali sul cuore, un primo passo fondamentale per lo sviluppo di ricette musicali personalizzate per disturbi comuni o per aiutare le persone a rimanere vigili o rilassate. Precedenti studi che studiano le risposte fisiologiche alla musica hanno misurato i cambiamenti nella frequenza cardiaca dopo aver ascoltato diverse registrazioni semplicemente classificate come “tristi”, “felici”, “calme” o “violente”. In questa ricerca gli scienziati, guidati dalla professoressa Elaine Chew del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS), hanno usato metodi precisi per registrare la risposta del cuore alla musica e hanno scoperto che ciò che è calmante per una persona può suscitare un’altra. Questo piccolo studio (solo otto persone) ha adottato un approccio più preciso, caratterizzato da diversi aspetti unici.

Tre pazienti con insufficienza cardiaca lieve che richiedono un pacemaker sono stati invitati a un concerto di pianoforte classico dal vivo. Poiché tutti indossavano un pacemaker, la loro frequenza cardiaca poteva essere mantenuta costante durante l’esecuzione. I ricercatori hanno misurato l’attività elettrica del cuore direttamente dalle derivazioni del pacemaker prima e dopo 24 punti del punteggio (e delle prestazioni) in cui si sono verificati forti cambiamenti di tempo, volume o ritmo. In particolare, hanno misurato il tempo necessario al recupero del cuore dopo un battito cardiaco. La frequenza cardiaca influenza questo tempo di recupero, quindi mantenendo tale costante potremmo valutare i cambiamenti elettrici nel cuore sulla base di una risposta emotiva alla musica. I ricercatori sono interessati al tempo di recupero del cuore (piuttosto che alla frequenza cardiaca) perché è collegato alla stabilità elettrica del cuore e alla suscettibilità a pericolosi disturbi del ritmo cardiaco. In effetti, in alcune persone, i disturbi del ritmo cardiaco potenzialmente letali possono essere scatenati dallo stress. Gli esperti di musica possono studiare in modo sicuro come lo stress (o la leggera tensione indotta dalla musica) altera questo periodo di recupero.

I ricercatori hanno scoperto che il cambiamento nel tempo di recupero del cuore era significativamente diverso da persona a persona nelle stesse giunture della musica. Il tempo di recupero si è ridotto di ben 5 millisecondi, indicando un aumento dello stress o dell’eccitazione. E i tempi di recupero si sono allungati di ben 5 millisecondi, il che significa un maggiore rilassamento. Il professor Chew ha osservato che mentre il numero di pazienti nello studio è piccolo, i ricercatori hanno accumulato gigabyte di dati.  E ha commentato: “Anche se due persone potrebbero avere cambiamenti statisticamente significativi attraverso la stessa transizione musicale, le loro risposte potrebbero andare in direzioni opposte. Quindi per una persona, la transizione musicale è rilassante, mentre per un’altra sta suscitando o inducendo stress. Ad esempio, una persona che non si aspetta una transizione dalla musica soft a quella ad alto volume potrebbe trovarla stressante, portando a un tempo di recupero del cuore abbreviato. Per un’altra persona potrebbe essere la risoluzione a un lungo accumulo di la musica e quindi un rilascio, con conseguente allungamento del tempo di recupero del cuore. Comprendendo come il cuore di un individuo reagisce ai cambiamenti musicali, abbiamo in programma di progettare interventi musicali su misura per ottenere la risposta desiderata. Ciò potrebbe essere per ridurre la pressione sanguigna o ridurre il rischio dei disturbi del ritmo cardiaco senza gli effetti collaterali dei farmaci”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sokoloskvis J et al. Front Psychol 2018 Nov 26; 9:2292.

Rui M, Lee JE et al. Surgery 2018 Apr; 163(4):894-900. 

Vaquero L et al. Neuroimage. 2016 Feb 1; 126:106-19.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2444 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments