Il cancro cerebrale trova un nuovo nemico: un antimalarico che gli toglie la resistenza

Il glioblastoma multiforme (GBM) o l’astrocitoma di tipo 4 è una forma aggressiva di cancro derivata da astrociti (cellule non neuronali del cervello), che è altamente aggressiva e tipicamente fatale. Mentre l’attuale standard di cura, che coinvolge le radiazioni e il farmaco antitumorale temozolomide, può prolungare marginalmente la vita dei pazienti con tumori cerebrali, la resistenza del GBM a queste terapie è frequente. Inoltre, il tasso di sopravvivenza a cinque anni dei pazienti con GBM trattati con lo standard di cura è inferiore al 6% e nessuna terapia attuale impedisce la ricorrenza. Ma le nuove scoperte dei ricercatori del VCU Massey Cancer Center e del VCU Institute of Molecular Medicine (VIMM) potrebbero aiutare ad aumentare l’efficacia dei più comuni trattamenti attuali con l’aggiunta di lumefantrina, un farmaco approvato dalla FDA usato per curare la malaria. I ricercatori si sono concentrati sulla scoperta di farmaci approvati dalla FDA e agenti più rari che potrebbero potenzialmente aiutare a contrastare la resistenza del glioblastoma e l’efficacia del trattamento.

In particolare, la lumefantrina può inibire un elemento genetico coinvolto nello sviluppo e nella progressione del cancro, Fli-1, che controlla la resistenza del glioblastoma multiforme alle radiazioni e alla temozolomide. Durante gli studi in vitro (condotti con cellule coltivate in coltura) i ricercatori hanno scoperto che l’incorporazione della lumefantrina durante il trattamento del glioblastoma ha ucciso le cellule tumorali e ha soppresso la crescita delle cellule tumorali. Ciò si è verificato sia nelle cellule sensibili al glioblastoma che in quelle che altrimenti sarebbero resistenti alle radiazioni e alla temozolomide. Inoltre, durante gli studi in vivo (condotti utilizzando topi contenenti un glioblastoma multiforme umano trapiantato nel cervello), la lumefantrina ha inibito la crescita tumorale causata da cellule di glioblastoma sia sensibili alla terapia che resistenti alla terapia. La scoperta della capacità della lumefantrina di neutralizzare la resistenza del corpo alle radiazioni e alla chemioterapia, è avvenuta attraverso approcci genetici e molecolari che hanno identificato il nuovo elemento genetico chiamato Fli-1.

Questa scoperta è diventata un punto focale della ricerca attuale. I ricercatori hanno scoperto che la “proteina da shock termico B1”, nota anche come HSPB1, è importante nei tumori del glioblastoma e la sua espressione è regolata da Fli-1. Strategie di screening innovative per gli inibitori del Fli-1 hanno identificato la lumefantrina come un potenziale agente che potrebbe legarsi al Fli-1, inattivarlo e quindi sopprimere l’espressione di importanti geni che regolano la crescita, la sopravvivenza e l’oncogenicità del glioblastoma. Inoltre, due processi chiave essenziali per l’invasione e la diffusione del cancro, noti come rimodellamento della matrice extracellulare (ECM) e transizione mesenchimale epiteliale (EMT) sono importanti fattori che regolano la capacità del glioblastoma di rispondere e resistere alle radiazioni e alla chemioterapia. Questi due processi sono regolati da Fli-1 e sono inibiti dalla lumefantrina. Per aiutare a curare il glioblastoma, i ricercatori esploreranno ulteriormente altri mezzi per contrastare la resistenza alla terapia indotta da Fli-1.

Il dottor Paul B. Fisher, MPh, PhD, il caporicerca dello studio, ha spiegato: “I nostri studi hanno scoperto una nuova potenziale applicazione del farmaco antimalarico, come possibile terapia per il glioblastoma multiforme resistente allo standard di cura che comporta radiazioni e temozolomide. studi preclinici forniscono una solida logica per l’inibizione della Fli-1 / HSPB1 con la lumefantrina come potenziale nuovo approccio per la gestione del glioblastoma. L’identificazione di farmaci come la lumefantrina da agenti terapeutici approvati dalla FDA e da fonti non comuni, offre l’opportunità di ampliare l’ampiezza e la versatilità della corrente regimi terapeutici per pazienti multiforme con glioblastoma”. Inoltre, secondo gli scienziati, i risultati attuali potrebbero avere implicazioni più ampie del semplice trattamento del glioblastoma. Oltre al glioblastoma, un’espressione elevata di Fli-1 può essere vista in tumori come melanoma, carcinoma ovarico, carcinoma mammario e altri, hanno detto i ricercatori, suggerendo che il blocco degli effetti di Fli-1 che promuovono il cancro potrebbe aiutare anche altri malati di cancro.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rajesh Y et al. Proc Natl Acad Sci USA 2020 May 14. 

Omoruyi SI, Ekpo OE et al. Apoptosis. 2020 Apr; 25(3-4):261-274. 

Rajesh Y et al. Oncotarget 2020 Mar 31; 11(13):1097-1108.

5 1 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments