Lotta all’infiammazione risparmiando l’immunità: così APPAre agire il nuovo antinfiammatorio naturale

Per essere sani, abbiamo bisogno di un’efficace risposta immunitaria, altrimenti cederemo a infezioni travolgenti, anche da parte dei batteri di tutti i giorni. Tuttavia, a volte il nostro sistema immunitario può diventare iperattivo e causare danni attraverso l’infiammazione, anche in assenza di qualsiasi infezione. Questo a volte può essere estremo. In effetti, molte malattie reumatiche come l’artrite reumatoide e l’artrosi sono causate dall’infiammazione. La ricerca è sempre stata quella di trovare modi per bloccare selettivamente gli effetti dannosi di un sistema immunitario iperattivo, senza pagare il prezzo di blocco della nostra capacità di combattere le infezioni. I neutrofili sono i globuli bianchi più abbondanti nel nostro sangue. Vengono rapidamente portati in siti di infezione, dove svolgono le loro funzioni antimicrobiche salvavita distruggendo gli organismi infettivi e producendo proteine ​​di segnalazione chiamate citochine, che aiutano a coordinare il reclutamento e l’attività di altre cellule immunitarie nella battaglia contro l’infezione. Una nuova ricerca condotta dall’Università di Liverpool e da AKL Research and Development Ltd (AKLRD), evidenzia i potenziali benefici di un nuovo trattamento farmacologico sulla risposta immunitaria del corpo umano nell’infiammazione.

Ci sono molte prove dal lavoro a Liverpool, ora pubblicato sulla rivista Inflammopharmacology, per dimostrare che queste cellule sono attori importanti dietro molte malattie reumatiche. In una serie di condizioni infiammatorie, come l’artrosi, l’artrite reumatoide e, più recentemente, il COVID-19, possono verificarsi gravi complicazioni e un esteso danno tissutale quando il sistema immunitario diventa eccessivamente e incontrollabilmente attivato. Trovare nuovi modi per controllare selettivamente questa attività eccessiva potrebbe avere importanti benefici clinici. In alcune situazioni, se i livelli di citochine sono troppo alti, possono scatenare una reazione infiammatoria estrema chiamata tempesta di citochine. Queste tempeste causano un’infiammazione schiacciante che porta a lesioni dei vasi sanguigni. Ciò può influire sull’intero sistema circolatorio. Le tempeste di citochine possono causare danni immensi, insufficienza multipla di organi, sepsi e persino morte e, sembrano svolgere un ruolo importante nel COVID-19. Per molti decenni scienziati e clinici hanno compreso il potenziale beneficio di sopprimere i neutrofili, ma ogni tentativo di farlo senza indebolire la risposta immunitaria alle infezioni fino ad oggi è fallito.

APPA è un nuovo farmaco in fase di sviluppo da parte di AKLRD per l’uso nell’osteoartrite, un grave problema invalidante a livello mondiale causato da un’infiammazione di basso grado. La prima parte della sua valutazione clinica formale a Liverpool, guidata dal reumatologo prof. Robert Moots, direttore per la ricerca e lo sviluppo presso l’ospedale universitario di Aintree, è stata recentemente completata con successo. Lo studio ha scoperto che l’APPA ha dimostrato chiaramente un potenziale antinfiammatorio ma senza indebolire la difesa dell’ospite alle infezioni. APPA è una combinazione di due sostanze naturali. Il primo è l’apocinina, un chetone aromatico naturale isolato dalla canapa canadese (Apocynum cannabinum) che interferisce con l’attivazione della NADPH ossidasi. Questo è un complesso enzimatico di cui i neutrofili hanno bisogno per lo “scoppio della respirazione” che rilascia radicali liberi per uccidere i batteri. Il secondo è il paeonolo, un altro chetone fenolico isolato dalle peonie e praticamente un derivato della apocinina. È dimostrato che ha attività antiossidanti, antimutagene e antinfiammatorie regolando l’attivazione sia di vie infiammatorie (TLR4 / NF-kB) che antiossidanti (Nrf2).

L’APPA ha anche ridotto l’espressione genica stimolata dalle citochine, inibendo la segnalazione cellulare indotta dalle citochine TNFα e GM-CSF. L’APPA si è dimostrato efficace quanto l’infliximab nell’espressione di chemochine e IL-6 in down-regolazione. Il professor Moots ha commentato: “Abbiamo dimostrato che l’APPA ha il potenziale per smorzare quella cattiva infiammazione che provoca malattie reumatiche, ma non influisce sulla cruciale funzione antimicrobica dei neutrofili. Abbiamo aspettato troppi anni per un farmaco così selettivo. I nostri risultati suggeriscono un ruolo primario per APPA nell’aiutare a modificare in modo sicuro la risposta immunitaria aggressiva, non solo nell’artrite che tratto ogni giorno, ma anche, potenzialmente, in COVID-19″. Il professor Steve Edwards, un esperto dei neutrofili sul progetto dell’Università di Liverpool ha aggiunto: “Questi risultati entusiasmanti sono alla base dei risultati clinici favorevoli osservati nei pazienti con artrosi, mentre suggeriscono anche che l’APPA ha un ruolo importante nel trattamento di una vasta gamma di condizioni in cui è coinvolta l’infiammazione. Mirare terapeuticamente agli effetti dannosi dei neutrofili nell’infiammazione, senza interferire con la loro capacità di combattere le infezioni, è stato un obiettivo a lungo termine di molti scienziati in tutto il mondo. Finalmente potremmo essere in grado di realizzare questo obiettivo”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Cross AL et al. Inflammopharmacology 2020 May 7.

Wang F et al. Pharmazie. 2019; 74(2):101-106.

Sun Y et al. Exp Ther Med. 2017; 13(3):952-960. 

Chou TC. Brit J Pharmacology 139 (6):1146–52. 

Lafeber FP et al. Rheumatology 1999; 38(11):1088. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2308 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments