Obesità nei bambini: le buone abitudini familiari a tavola partono da comunicazione, disciplina e rispetto

Una volta ci si sedeva tutti a tavola per i pasti principali. Non che questo non accada più, ma svariate abitudini familiari si sono deteriorate negli ultimi 50 anni. Colpa dello stile di vita lavorativo? Può darsi: una volta il capofamiglia era il responsabile del lavoro e della stabilità economica complessiva. Oggi possiamo osservare molte realtà differenti: le coppie regolarmente sposate non sono sparite ma sono aumentate quelle che convivono, che spesso non hanno orari coincidenti con i turni lavorativi. Molte persone vivono anche da sole, per scelta o per necessità, sia uomini che donne. C’è chi è separato o divorziato da solo o con uno o tutti i figli a carico. Anche se c’è la possibilità di riunirsi a tavola per formare una “quasi famiglia”, credete che manchino le distrazioni? Dalla televisione che prende il sopravvento sulle discussioni personali, ai bambini che con la mano destra mangiano e con la sinistra che consultano Facebook o giocano a MineCraft col cellulare o col tablet, le discussioni familiari a tavola sono diventate quasi inesistenti. Nessuno, in passato si permetteva persino di alzarsi da tavola se prima non si finiva assieme di mangiare; il padre specialmente era categorico al riguardo.

Quindi, con gli stili di vita (se così si possono chiamare) di oggi non solo il lato familiare viene a menomarsi, anche la cattiva abitudine della sedentarietà viene incentivata. Non parliamo della eventuale componente psicologica di conflittualità fra i genitori separati o divorziati che pesa su una buona fetta dei bambini. Assieme alla sedentarietà, lo stress psicologico è il fomentatore del consumo di snacks, dolciumi di ogni sorta e altre tipologie di alimenti di valore nutritivo scarso o nullo. Ed invero il 60% dei bambini con questo quadro di vita è sovrappeso o francamente obeso. Impegnarsi nei pasti in famiglia può essere una questione di migliorare la comunicazione e il supporto a casa. Un nuovo studio nel Journal of Nutrition Education and Behaviour, collega meno scoraggiamento e migliore comunicazione familiare con una maggiore probabilità di consumare colazioni e pasti serali in famiglia, e non davanti al televisore. I ricercatori hanno studiato 259 genitori che erano anche pazienti presso la Ohio State University o la Wake Forest University accreditata per la gestione del peso e le strutture di chirurgia bariatrica.

Hanno così scoperto che i genitori che avevano una migliore comunicazione familiare e un minore scoraggiamento nel cercare di migliorare le loro abitudini alimentari, avevano maggiori probabilità di partecipare ai pasti della famiglia. Il professor Keeley Pratt, PhD, Ohio State University, ha dichiarato delle conclusioni secondo cui qualsiasi membro della famiglia può influenzare l’adozione e il mantenimento di modelli e comportamenti sani in casa. È importante notare ogni membro della famiglia nella casa ha influenza. Anche se qualcuno non ha il massimo potere di influenzare la famiglia (come i bambini), tutti si influenzano a vicenda. Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’obesità dei genitori è in genere il fattore di rischio più forte per i bambini che hanno uno stato di obesità nel tempo. Gli autori dello studio hanno anche scoperto che i genitori che percepivano il loro bambino in sovrappeso o obeso avevano più di quattro volte più probabilità di parlare con loro del peso del bambino. Sebbene una comunicazione aperta con i bambini sulla salute sia benefica, è importante garantire che la comunicazione diretta sul peso dei bambini non sia dannosa nel loro sviluppo di un’immagine e comportamenti sani del corpo.

Ciò include i bambini più grandi e gli adolescenti che sono maggiormente a rischio di sviluppare disturbi alimentari e comportamenti alimentari disordinati. Non vi era alcuna differenza significativa tra maschi e femmine in questo studio, a parte le famiglie con bambine avevano maggiori probabilità di cenare insieme senza una televisione dalle cinque alle sette volte a settimana. Le famiglie con bambini più piccoli, indipendentemente dal sesso, avevano maggiori probabilità di consumare cene e colazioni in famiglia insieme, mentre i genitori di bambini più grandi avevano maggiori probabilità di parlare del proprio peso con il bambino. È importante indagare il problema di fondo che causa problemi del peso del bambino. Può non essere sempre colpa dei videogiochi o della relazione precaria dei genitori; possono esserci problemi di relazioni scolastiche per cui parlare a tavola è l’opportunità del giorno. Invece oggi i figli si alzano ancor prima di aver finito il secondo, perché è arrivata la notifica su WhatsApp degli amici che stanno organizzando il prossimo giro di Fortnite sulla PlayStation 4.

Ed il vero errore è che gli viene permesso da chi ha le maggiori autorità.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Brown CL et al., Pratt KJ. Obesity Surg. 2020 May 3. 

Albright CA, Pratt KJ et al. Clin Obes. 2020 Apr; 10(2). 

Pratt KJ, Sonney JT. Fam Syst Health 2020; 38(1):1-5. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments