Silicosi professionale: dalla Spagna e dall’Italia, le allarmi di un problema a portata globale

La silicosi, probabilmente la più antica malattia professionale, è stata tradizionalmente correlata al lavoro di estrazione o cava. È causato dall’inalazione di polvere di silice cristallina che produce cicatrici polmonari permanenti (fibrosi polmonare). La sua incidenza era diminuita nei paesi ad alto reddito a seguito della riduzione delle attività estrattive e dell’attuazione di migliori misure di protezione per i lavoratori e il controllo delle polveri. Tuttavia, negli ultimi dieci anni, la crescente popolarità della pietra artificiale o del quarzo artificiale (AST) per l’uso in controsoffitti di cucina e bagno grazie al suo design e ai suoi colori attraenti ha soppiantato materiali tradizionali come il granito e il marmo. AST è composta da pietra finemente frantumata mescolata con resine sintetiche e ha un alto contenuto di silice. Emette polvere cristallina respirabile (RCS) mentre viene fabbricato e tagliato, modellato e rifinito in piccole industrie, che può causare danni polmonari permanenti e gravi se inalato. Sfortunatamente, lavorare con AST ha portato a una rinascita di casi di silicosi identificati tra i produttori.

Nonostante le seguenti misure di protezione utilizzate per la manipolazione della pietra naturale, questi lavoratori sono stati comunque feriti dal livello più elevato di silice cristallizzata contenuta nell’AST (93%) rispetto alla pietra naturale (5-30%). Sono state implementate misure per ridurre la concentrazione di polvere respirabile, come l’uso di tecniche di soppressione dell’acqua e di ventilazione di scarico, ma i livelli dannosi di polveri cristalline respirabili (RCS) sono ancora documentati nei luoghi di lavoro, generalmente in piccole fabbriche. Un nuovo studio apparso sulla rivista Chest, documenta una maggiore incidenza di silicosi, che è passata rapidamente alla massiccia fibrosi polmonare in una percentuale significativa di pazienti che avevano precedentemente lavorato agglomerato o conglomerato di pietra artificiale, un nuovo popolare materiale da banco, nonostante la cessazione dell’esposizione dopo diagnosi. Lo studio riporta i risultati degli esami di follow-up di 106 lavoratori AS nel sud della Spagna a cui è stata diagnosticata la silicosi o la fibrosi polmonare grave tra il 2009 e il 2018.

Gli investigatori hanno segnalato per la prima volta il legame tra le loro malattie e AST RCS in uno studio pubblicato nel 2014. Mentre il 6,6% dei lavoratori AST è stato inizialmente diagnosticato con fibrosi polmonare massiccia, il 37,7% aveva una malattia più avanzata all’esame di follow-up, anche se avevano lasciato il lavoro e non erano più esposti alla polvere nociva. Nel 25% dei pazienti, il tasso di declino della capacità polmonare è progredito molto rapidamente; e su una nota positiva, quattro anni dopo la fine dell’esposizione, la diminuzione annuale della capacità polmonare sembrava rallentare. Gli investigatori chiedono che vengano sviluppati e testati controlli ingegneristici più aggressivi e nuovi trattamenti. Cioè, evitare la continua inalazione di silice è essenziale ma non è sufficiente. La maggior parte dei pazienti sono giovani e la progressione della malattia, in un numero significativo di loro, prefigura un futuro incerto. I risultati sottolineano la necessità di massimizzare le misure protettive nei pazienti attivi e di trovare nuovi trattamenti che possono ritardare o frenare la progressione della malattia.

La domanda mondiale di controsoffitti in quarzo ingegnerizzato continua a salire (le stime prevedono che i livelli del 2013 triplicheranno entro il 2024). Sebbene i primi pazienti siano stati descritti dieci anni fa in Spagna e Israele, il numero di casi è aumentato in tutto il mondo. In Australia, la situazione è stata considerata un’epidemia professionale nel 2019 e l’emergere di nuovi casi negli Stati Uniti e in Cina avverte che è un problema globale che probabilmente è appena iniziato. In Italia il problema non è sconosciuto ed alcuni gruppi di ricerca hanno riportato casistiche nei loro lavori. L’ultimo lavoro di Guarnieri et al. indica che su 45 lavoratori di conglomerati che avevano lavorato col materiale in un arco di tempo tra i 3 ed i 20 anni, 24 di loro avevano la silicosi. La situazione clinica è stata confermata tramite analisi TC ad alta risoluzione, dai dati spirometrici, radiografici e dal ritrovamento fisico di particelle o fibre nei polmoni dei soggetti colpiti. Anche i ricercatori italiani ammettono che c’è un’incidenza preoccupante di silicosi tra i lavoratori dell’area nord-est dell’Italia. Secondo loro medici generici dovrebbero essere consapevoli di questo rischio professionale appena descritto ed un’anamnesi professionale accurata è fondamentale per evitare diagnosi errate.

In un editoriale di accompagnamento alla ricerca del Dr. Leòn-Jimènez, i ricercatori Robert A. Cohen, MD e Leonard H.T. Go, entrambi affiliati all’Università dell’Illinois presso la Chicago School of Public Health, aggiungono una nota cautelativa ancora più forte: “Data la tossicità di questo materiale e il crescente costo umano del suo utilizzo, se l’ingegneria controlla non può limitare l’esposizione dei lavoratori a concentrazioni pericolose di polveri cristalline, è necessario prendere in considerazione che il quarzo artificiale venga bandito. I controsoffitti colorati non valgono il prezzo pagato da questi lavoratori”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

León-Jiménez A et al. Chest 2020 Jun 2:S0012-3692(20)30542-0.

Pérez-Alonso A et al. Arch Bronconeumol. 2019 Jul; 55(7):394-395.

Guarnieri G et al. Medicina Lav. 2020 Apr 30; 111(2):99-106.

Guarnieri G et al. Occup Environ Med. 2019 Mar; 76(3):178-180. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2445 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments