Aphantàsia: la condizione che non permette di focalizzare pensieri e sognare ad occhi aperti

Immagina il sole che tramonta sull’oceano. È grande sopra l’orizzonte, diffondendo un bagliore rosa-arancio attraverso il cielo. I gabbiani volano sopra la testa e le dita dei piedi sono nella sabbia. Molte persone saranno state in grado di immaginare il tramonto in modo chiaro e vivido, quasi come vedere la cosa reale. Per altri, l’immagine sarebbe stata vaga e fugace, ma ancora lì. Se la tua mente era completamente vuota e non riuscivi a visualizzare nulla, allora potresti essere uno dei 2-5% delle persone che hanno l’aphantàsia, una condizione che comporta la mancanza di tutte le immagini visive mentali. L’aphantasia sfida alcune delle nostre assunzioni di base sulla mente umana. Molti di noi credono che le immagini visive siano qualcosa che ognuno ha, qualcosa di fondamentale per il modo in cui vediamo e ci muoviamo nel mondo. Ma cosa significa avere una “mente cieca” per i viaggi mentali che facciamo ogni giorno quando immaginiamo, ricordiamo, sentiamo e sogniamo? Alexei Dawes, PhD Candidate presso la UNSW School of Psychology è l’autore principale di un nuovo studio sull’aphantasia, pubblicato su Scientific Reports.

Spiega: “Abbiamo scoperto che l’aphantasia non è solo associata a immagini visive assenti, ma anche a un modello diffuso di cambiamenti ad altri importanti processi cognitivi. Le persone con aphantasia hanno riferito di una ridotta capacità di ricordare il passato, immaginare il futuro e persino sognare “. Ha intervistato oltre 250 persone che si sono identificate con l’aphantasia, rendendolo uno dei più grandi studi sull’aphantasia ancora. I partecipanti allo studio hanno completato una serie di questionari su argomenti come la forza e la memoria delle immagini. I risultati sono stati confrontati con le risposte di 400 persone distribuite su due gruppi di controllo indipendenti. Ad esempio, ai partecipanti è stato chiesto di ricordare una scena della loro vita e di valutare la vividezza usando una scala di cinque punti, con uno che indica “Nessuna immagine, so solo che sto richiamando la memoria”, e cinque che indicano “Perfettamente chiaro e vivido come la visione normale”. Questi dati hanno rivelato un’estesa “impronta” cognitiva dell’aphantasia caratterizzata da cambiamenti alle immagini, alla memoria e al sogno.

Mentre le persone con aphantasia non sarebbero state in grado di immaginare l’immagine del tramonto sopra menzionata, molti avrebbero potuto immaginare la sensazione di sabbia tra le dita dei piedi, o il suono dei gabbiani e le onde che si infrangono. Tuttavia, il 26% di afantasici i partecipanti allo studio hanno riferito di una più ampia mancanza di immagini multisensoriali, tra cui l’immaginazione di suono, tatto, movimento, gusto, olfatto ed emozione. Il professor Joel Pearson, autore senior del documento, ha commentato: “Questi sono i primi dati scientifici che abbiamo dimostrato che esistono potenziali sottotipi di aphantasia. Le immagini spaziali – la capacità di immaginare la distanza o il rapporto di localizzazione tra le cose – era l’unica forma di immaginario sensoriale che non ha avuto cambiamenti significativi tra gli aphantasici e le persone che potevano visualizzarli. Le capacità spaziali degli aphantasici riportate erano alla pari con i gruppi di controllo attraverso molti tipi di processi cognitivi. Ciò includeva quando si immaginavano nuove scene, durante la memoria spaziale o la navigazione, e anche quando si sogna “.

In azione, la cognizione spaziale potrebbe essere giocare a Tetris e immaginare come una certa forma si adatterebbe al layout esistente o ricordare come spostarsi da A a B durante la guida. Mentre visualizzare un tramonto è un’azione volontaria, anche le forme involontarie di cognizione – come il sogno – si sono verificate meno nelle persone con aphantasia. Gli afantasici hanno riferito di sognare meno spesso e i sogni che raccontano sembrano essere meno vividi e più bassi nei dettagli sensoriali. Ciò suggerisce che qualsiasi funzione cognitiva che coinvolge una componente visiva sensoriale – sia essa volontaria o involontaria – rischia di essere ridotta in aphantasia. Gli individui afantasici hanno anche sperimentato ricordi meno vividi del loro passato, e hanno riportato una capacità significativamente inferiore di ricordare gli eventi della vita passata in generale. Il presente lavoro è il primo a dimostrare che gli individui afantasici mostrano anche una ridotta capacità di ricordare il passato e le prospettive per il futuro. Ciò suggerisce che le immagini visive potrebbero svolgere un ruolo chiave nei processi di memoria.

In effetti, il dott. Dawes ha commentato: “Se sei uno dei milioni di australiani con aphantasia, cosa fai quando il tuo insegnante di yoga ti chiede che ti venga chiesto di “visualizzare una luce bianca” durante una pratica di meditazione? Come ricordi il tuo ultimo compleanno o immaginarti di rilassarti su una spiaggia tropicale mentre sali sul treno per tornare a casa? Com’è sognare di notte senza immagini mentali e come “conti” le pecore prima di addormentarti? Per quello che sappiamo, fino a un milione di australiani potrebbero avere l’aphantasia, ma relativamente poco si sa a riguardo. Ad oggi, ci sono meno di 10 studi scientifici sulla condizione. Sono necessarie ulteriori ricerche per approfondire la nostra comprensione dell’aphantasia e di come influisce sulla vita quotidiana di coloro che la vivono”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dawes AJ et al.  Sci Reports 2020 Jun 22; 10(1):10022.

Thorudottir S et al., Starrfelt R. Brain Sci. 2020 Jan 21; 10(2):59. 

Pearson J. Nat Rev Neurosci. 2019 Oct; 20(10):624-634. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2449 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments