Bullismo e psiche: gestire le emozioni emerge come fattore protettivo, ma non tutti sono in grado

È noto che le vittime di bullismo possono avere maggiori rischi di futuri problemi di salute e sociali. Tuttavia, diverse vittime sperimentano una vasta gamma di risposte e alcune potrebbero non soffrire affatto. Il bullismo online o il cyberbullismo non è un nuovo fenomeno, ma poiché il mondo diventa più dipendente dalla comunicazione online, diventa una minaccia maggiore. I ricercatori hanno ritenuto che ciò implicasse che potrebbero esserci fattori che potrebbero proteggere da alcune conseguenze del bullismo. In uno studio condotto su oltre 6.000 adolescenti in Giappone, hanno trovato un forte candidato nella moderazione di ciò che è noto come competenza emotiva. L’autore principale Yuhei Urano, il Professore associato Ryu Takizawa e il Prof. Haruhiko Shimoyama del Dipartimento di Psicologia Clinica dell’Università di Tokyo e il loro team hanno studiato i fattori protettivi per gli effetti negativi della vittimizzazione del cyberbullismo. Hanno analizzato i dati di 6.403 adolescenti dai 12 ai 18 anni (1.925 maschi, 4.478 femmine) per il loro studio. Hanno scelto gli utenti di un’app di social network come partecipanti allo studio perché avevano probabilmente più interazioni online di altri.

Il dottor Yuhei Urano, autore principale dello studio, ha spiegato: “I sondaggi hanno esplorato casi di vittimizzazione del cyber bullismo e una sezione trasversale di altre informazioni personali e sociali. Questi ci hanno permesso di indagare se la capacità di gestire le emozioni, chiamata competenza emotiva, fosse correlata alla gravità delle ripercussioni del cyberbullismo. Abbiamo pensato che la competenza emotiva intrapersonale mostrasse effetti tampone contro il cyberbullismo perché si sa che la capacità di gestire le proprie emozioni ha un impatto positivo sulla nostra salute mentale. D’altra parte, abbiamo pensato che la competenza emotiva interpersonale mostrasse l’effetto opposto. Perché la capacità di comprendere gli stati emotivi negli altri può incoraggiare gli individui a soffermarsi sulle intenzioni del bullo”. Ciò che i ricercatori hanno scoperto può inizialmente sembrare controintuitivo, ma dopo un’attenta analisi, i loro risultati hanno mostrato che le capacità emotive più elevate non erano sempre associate a una migliore salute mentale: possono effettivamente peggiorare le cose a seconda del contesto sociale.

Ciò dipende dalla specifica competenza emotiva dell’individuo, definita come la capacità di identificare, comprendere, esprimere, regolare e usare le emozioni. Esiste una competenza emotiva intrapersonale, la capacità di gestire le proprie emozioni e la competenza emotiva interpersonale cioè di gestire le emozioni degli altri. I ricercatori sperano che questo studio possa aprire la strada alle indagini sui diversi ruoli della competenza emotiva intrapersonale e interpersonale, sia sugli effetti positivi che negativi che possono avere. Tuttavia, data la complessità intrinseca dell’argomento in questione, suggeriscono che per determinare correttamente le relazioni causali alla base dei loro risultati, in futuro dovrebbero essere condotti più studi longitudinali. Inoltre, è stato dimostrato che il bullismo cambia e influisce su molte abitudini personali, tra cui fare o saltare la colazione, abitudini o preferenze alimentari, schemi di sonno e così via. Cambiare un modello alimentare regolare per un povero può dare una risposta all’obesità, come riconosciuto dalla comunità scientifica.

Essere obesi può agire come un meccanismo del cane che si morde la coda: l’obesità durante l’infanzia e l’adolescenza ha dimostrato di essere stigmatizzante e probabilmente di provocare avversità sociali. Entrando nella scuola elementare, è probabile che i giovani obesi e in sovrappeso sperimentino un giudizio relativo al peso e risultati sociali come il rifiuto da coetanei o la perdita di amici. Oltre alle percezioni distorte del proprio peso, la ricerca precedente suggerisce che essere obesi o in sovrappeso contribuisce alla probabilità di diventare vittime del bullismo tradizionale. Precedenti studi che hanno esaminato l’impatto dell’indice di massa corporea (BMI) sulla vittimizzazione tra pari hanno scoperto che i bambini in sovrappeso e obesi avevano maggiori probabilità di essere vittime di specifiche forme di bullismo (verbale, relazionale, fisico) rispetto a quelli con peso normale. Data la diffusa propensione all’obesità, i bambini in sovrappeso avevano maggiori probabilità di sperimentare prese in giro specifiche per peso, perpetrate dai coetanei in generale rispetto ai bambini non in sovrappeso.

Nonostante solo pochi risultati empirici, la stigmatizzazione dell’obesità o del sovrappeso e il rischio di vittimizzazione tra pari sono evidenti nel cyberspazio. Secondo uno studio più recente su pazienti in strutture residenziali per obesità grave, gli adolescenti obesi avevano una probabilità significativamente maggiore di subire atti di bullismo via Internet rispetto ai loro coetanei normalmente ponderati. Inoltre, l’insoddisfazione del corpo è correlata alla vittimizzazione del cyberbullismo In parole povere, i giovani che sono vittime del cyberbullismo hanno il doppio delle probabilità di percepire il proprio corpo come “troppo grasso” rispetto a quelli che non sono stati vittime. Ora, non tutti i bambini o gli adolescenti hanno la capacità di gestire correttamente le loro emozioni, per resistere al fenomeno. Questo può dipendere dall’ambiente familiare o culturale in cui sono stati cresciuti, dagli educatori scolastici o da qualsivoglia fattore esterno o interno ai bambini o ragazzi. Una componente di resistenza o migliore gestione emotiva potrebbe dipendere dalla natura caratteriale del bambino stesso. Ma quanto ciò influisca non è stato indagato e gli esperti non hanno abbastanza informazioni.

Nel loro essere più fragili e vulnerabili, i bambini hanno e “devono” avere l’appoggio pieno di chi gestisce le loro vite, a partire dai primi “maestri di vita” che sono i genitori. Gli educatori scolastici e altre figure di supporto possono mettersi in fila per garantire la prevenzione attiva contro comportamenti fra coetanei, che possono essere responsabili di “ferite” psicologiche fonte di problemi fisici e mentali futuri.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Urano Y et al. Journal of Adolesc 2020 Apr; 80:182-191.

Lee B et al. BMC Public Health 2018 May 30; 18(1):674. 

Ogden C, Carroll M et al. JAMA. 2016; 315:2292-2299.

Herge W, La Greca A et al. J Pediatr Psych. 2016; 41:15–27.

O’Dea B et al. Stud Health Technol Inform. 2012; 181:212.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2376 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments