Integratori sportivi (II): i numeri di mercato sempre più orientati verso la consapevolezza della salute

Gli integratori di proteine ​​e aminoacidi sono ampiamente commercializzati per gli atleti e i consumatori abitualmente attivi in ​​quanto la crescita muscolare e i prodotti che migliorano le prestazioni e le diete ad alto contenuto proteico e a basso contenuto di carboidrati sono tradizionalmente applicate per perdere peso. Tuttavia, la conoscenza del significato nutrizionale e degli effetti delle proteine ​​alimentari e dei prodotti di integratori sportivi varia notevolmente tra gli sportivi e gli utenti dello stile di vita, in particolare in relazione al livello di attività sportiva individuale e alla dieta e allo stato metabolico generali. Le proteine ​​sono una componente nutrizionale essenziale nella dieta umana per tutta la vita, poiché assicurano la crescita durante l’infanzia, supportano il metabolismo muscolare e osseo, assicurano il mantenimento e lo sviluppo di un normale sistema nervoso e aiutano a sostenere la massa muscolare e le prestazioni fisiche nelle età più anziane, per esempio. Tuttavia, solo raramente la normale dieta occidentale quotidiana non fornisce abbastanza proteine ​​per soddisfare le esigenze quotidiane.

Gli atleti possono avere elevati fabbisogni proteici fisiologici, per mantenere un’adeguata sintesi proteica e produzione di energia, nonché una funzione immunitaria sufficiente e una buona integrità intestinale nelle condizioni multi-stress di routine di allenamento mirate, frequenti, intense e / o prolungate. Il fabbisogno proteico aumenta insieme all’aumentare dell’intensità e della durata di una prestazione atletica; pertanto, le proteine ​​dovrebbero essere incluse nei pasti prima e dopo le prestazioni effettive e regolarmente durante il giorno per garantire una fornitura efficiente di aminoacidi essenziali o indispensabili. Per soddisfare queste specifiche esigenze nutrizionali, sono stati sviluppati numerosi alimenti e integratori. Ad esempio, l’integrazione di aminoacidi a catena ramificata (BCAA) viene spesso utilizzata dagli atleti ed è stata proposta per ridurre il dolore muscolare dopo un intenso esercizio fisico e migliorare le prestazioni di allenamento.

La supplementazione di BCAA potrebbe avere un ruolo nella regolazione della produzione di alcuni neurotrasmettitori cerebrali e quindi nello sviluppo della fatica durante l’esercizio. Inoltre, a causa della rapida digestione e assorbimento, gli integratori di proteine ​​del siero di latte sono una fonte proteica popolare per atleti. È molto comune anche per i frequentatori di palestra regolari, assumere integratori di proteine, aminoacidi e creatina. Spesso questi integratori vengono consumati in aggiunta ad altri alimenti ricchi di proteine ​​e senza alcuna guida da parte di esperti nutrizionisti professionisti. Il carico di lavoro dei comuni partecipanti alla palestra raramente raggiunge il livello di atleti professionisti, quindi è stato suggerito che i requisiti proteici per le persone normali con stili di vita attivi non differiscono dalle linee guida fornite per la popolazione adulta media. Tuttavia, le raccomandazioni non sono chiare e talvolta sono incoerenti.

Mentre i prodotti per la nutrizione sportiva sono sviluppati e mirati principalmente agli atleti per migliorare l’assunzione di nutrienti, le prestazioni e la crescita muscolare, i segmenti in più rapida crescita per questi prodotti sono gli sportivi ricreativi e gli utenti dello stile di vita. Ciò è stato esaminato dalle autorità di regolamentazione dell’Unione europea nella relazione della Commissione al Parlamento Europeo e al Consiglio sugli alimenti destinati agli sportivi. Il rapporto definisce gli “sportivi” come “persone che praticano sport una volta alla settimana o più” e “utenti dello stile di vita” come persone che consumano cibo e integratori destinati agli sportivi ma “praticano lo sport meno di una volta alla settimana o non lo fanno affatto”. La crescita del settore deve molto all’aumento della consapevolezza della salute, ma anche al facile accesso dei consumatori ai prodotti di nutrizione sportiva, come integratori, barrette e polveri energetiche e nutrizionali, bevande sportive e così via.

Bisogna includere anche bevande sportive non gassate e contenenti caffeina e senza caffeina. Nell’Unione Europea, gli integratori alimentari sono stati definiti come segue: “Alimenti il ​​cui scopo è integrare la dieta normale e che sono fonti concentrate di nutrienti o altre sostanze con un effetto nutrizionale o fisiologico, da sole o in combinazione, commercializzate in dose forma, vale a dire forme come capsule, pastiglie, compresse, pillole e altre forme simili, bustine di polvere, fiale di liquidi, flaconi dosatori a goccia e altre forme simili di liquidi e polveri progettate per essere assunte in piccole quantità misurate”. Poiché la nutrizione sportiva si concentra principalmente sul miglioramento delle prestazioni atletiche, l’impatto di questi integratori alimentari sulla salute degli sportivi ricreativi e degli utenti dello stile di vita dovrebbe essere attentamente considerato. Tra parentesi, il mercato dietro questi prodotti non è affatto indifferente.

Il valore al dettaglio della nutrizione sportiva nell’Unione europea ha raggiunto 3,07 miliardi di euro nel 2014, con le maggiori quote di mercato per Inghilterra (732 milioni), Spagna (491 milioni), Germania (452 ​​milioni) e Italia (358 milioni). Negli integratori alimentari, l’Italia è stata il paese leader con un valore di mercato di 1,4 miliardi nel 2015, seguito da Germania (967 milioni), Russia (888 milioni) e Inghilterra (737 milioni). Alla luce di questi numeri, anche considerando che oltre il 40% degli atleti riferisce di utilizzare integratori, è chiaro che la vendita di integratori non è più solo spiegata dall’uso degli atleti e l’aumento del consumo è stimolato da sportivi ricreativi e consumatori dello stile di vita. L’aumento della consapevolezza della salute, le necessità di una dieta equilibrata e la spinta al controllo del peso hanno portato i consumatori a integrare la loro dieta con integratori alimentari.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dallas DC et al. Crit Rev Food Sci Nutr 2017, 57:3313–31.

Thomas DT et al. J Acad Nutr Diet 2016; 116:501–528.

Phillips SM et al. Appl Phys Nutr Metab 2016; 41:565–572.

Steinert RE et al. Am J Clin Nutr 2015; 102:820–827.

Lustgarten MS et al. Med Sci Sports Exerc 2015; 47:1659.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2480 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it