Salute ossea: anti-chemochine per l’osteoporosi ma i suoi bifosfonati vanno all’artrosi

L’osteoporosi è la malattia ossea più comune correlata all’età che colpisce centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Si stima che una donna su tre e un uomo su cinque di età superiore ai 50 anni soffrano di fratture ossee osteoporotiche. L’osteoporosi è causata dall’eccessiva attività delle cellule di riassorbimento osseo, mentre l’attività delle cellule che formano l’osso (osteoblasti) è ridotta. In soggetti sani, un’attività bilanciata di questi due tipi di cellule consente un costante ricambio osseo. Nell’osteoporosi, un riassorbimento osseo sproporzionato porta a una bassa densità minerale ossea e di conseguenza ossa deboli e soggette a fratture. Quando la formazione di nuovo osso non è in grado di raggiungere la perdita ossea, l’osso alla fine si indebolisce e diventa più incline alle fratture. La maggior parte delle attuali terapie per l’osteoporosi includono l’uso di bifosfonati, che bloccano l’attività delle cellule di riassorbimento (osteoclasti) e quindi impediscono un eccessivo riassorbimento osseo.

Tuttavia, il trattamento prolungato con questi farmaci elimina il necessario ricambio osseo con conseguente aumento del rischio di fratture e altri effetti collaterali indesiderati. Pertanto, è urgentemente necessario sviluppare nuove strategie che superino i limiti dei trattamenti attuali. Ora ci sono nuovi progressi in questo settore. Sono stati sviluppati in collaborazione dei professori Christoph Winkler (Dipartimento di scienze biologiche, Università nazionale di Singapore) e Manfred Schartl (Biocenter, Julius-Maximilians-Universität Würzburg, Germania). Utilizzando l’analisi genetica in un piccolo modello di pesce da laboratorio, la medaka giapponese (Oryzias latipes), il team di ricerca ha identificato una piccola proteina, la chemochina CXCL9, che, in condizioni osteoporotiche, si diffonde verso serbatoi che contengono precursori cellulari che riassorbono l’osso. Questi precursori producono un recettore, CXCR3, sulla loro superficie cellulare.

Dopo l’attivazione da parte di CXCL9, i precursori vengono mobilizzati e migrano su lunghe distanze in modo altamente diretto verso la matrice ossea, dove iniziano a riassorbire l’osso. È noto da tempo che sia CXCL9 che il suo recettore CXCR3 modulano la migrazione delle cellule immunitarie verso i siti di infiammazione, ad esempio nella psoriasi e nell’artrite reumatoide. Esistono diversi inibitori chimici che bloccano l’attività di CXCR3 che hanno avuto scarso successo nei test clinici per il trattamento della psoriasi. Il team di ricerca ha dimostrato che questi inibitori sono altamente efficaci nel bloccare il reclutamento delle cellule di riassorbimento osseo e proteggere l’osso dall’insulto osteoporotico. Dall’altro lato, una nuova prova sembra supportare l’impiego di bifosfonati nel trattamento dell’osteoartrite. I ricercatori ritengono che i bifosfonati possano alterare le lesioni del midollo osseo, migliorare il dolore e arrestare la progressione dell’OA.

In alternativa, potrebbero anche alterare le proprietà meccaniche dell’osso, contribuendo potenzialmente a effetti dannosi. Utilizzando i dati della Osteoarthritis Initiative, una coorte longitudinale di persone con o a rischio di OA del ginocchio, i ricercatori hanno identificato le donne che hanno iniziato i bifosfonati e le hanno abbinate a donne che non assumevano il farmaco. Le misurazioni del volume delle lesioni del midollo osseo sono state effettuate all’inizio del trattamento con bifosfonati e poi un anno dopo. Sono state quindi confrontate le variazioni nel volume della lesione del midollo osseo tra i due gruppi. Quando i ricercatori hanno esaminato coloro che avevano lesioni del midollo osseo al basale, abbiamo scoperto che le donne che avevano iniziato i bifosfonati avevano avuto più lesioni del midollo osseo che sono diminuite di dimensioni rispetto alle donne che non hanno iniziato i bifosfonati.

Questi risultati suggeriscono che i bifosfonati non sembrano essere dannosi, almeno per un anno, e forse possono anche aiutare a ridurre le lesioni del midollo osseo in coloro che le hanno già.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Phan QT et al. Proc Natl Acad Sci USA 2020 Jul 27:202006093.

Fan G et al. Medicine (Baltimore). 2020 Apr; 99(15):e18964. 

Cai G, Aitken D et al. JAMA. 2020 Apr 21; 323(15):1456-1466. 

Van Spil WE et al. Biochem Pharmacol. 2019 Jul; 165:41-48.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2445 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments