Quando il “potere intossica”: essere il più forte non significa sempre essere il più capace

Essere l’individuo più forte, più grande e più aggressivo in un gruppo potrebbe renderti dominante, ma non significa che tu prenda tutte le decisioni. Un nuovo studio sul comportamento dei pesci pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences mostra che gli individui dominanti possono influenzare un gruppo con la forza, ma gli individui passivi sono molto più bravi a portare un gruppo al consenso. Lo studio, pubblicato da un team internazionale del Max Planck Institute of Animal Behaviour dell’Università di Konstanz e dell’Università del Texas ad Austin, ribalta i presupposti secondo cui anche gli individui dominanti hanno la maggiore influenza sui loro gruppi e fa luce sul potenziale di individui prepotenti per ostacolare una comunicazione efficace nelle organizzazioni.

L’autore senior Alex Jordan, un leader del gruppo presso l’Istituto Max Planck di comportamento animale e presso l’Università di Konstanz ha spiegato cosa c’è dietro: “Gli stessi tratti che ti rendono potente in un contesto possono ridurre attivamente la tua influenza negli altri, specialmente nei contesti in cui gli individui sono liberi di scegliere chi seguire. Gli individui dominanti possono forzare la loro volontà sul gruppo essendo invadenti, ma questo li rende anche socialmente avversi. Quando si tratta di portare i coetanei al consenso durante compiti più sofisticati, sono gli individui meno aggressivi che esercitano la maggiore influenza. I nostri risultati dimostrano che, sebbene individui dominanti il ​​più delle volte ascendano a posizioni di potere, possono in realtà creare le strutture di influenza meno efficaci allo stesso tempo”.

Per districare gli effetti del dominio e dell’influenza, i ricercatori hanno studiato gruppi di un pesce ciclide sociale, Astatotilpia burtoni. Questa specie forma gruppi con rigide gerarchie sociali, in cui i maschi dominanti controllano le risorse, il territorio e lo spazio. Gli scienziati si sono chiesti: i maschi dominanti colorati, che sono aggressivi, centrali nei loro social network e risorse di controllo, sono i più influenti? O se i maschi subordinati grigi esercitano la maggiore influenza, nonostante siano passivi, non territoriali e abbiano poco o nessun controllo sulle risorse. I ricercatori hanno separato gli effetti del dominio sociale dall’influenza sociale esaminando il modo in cui le informazioni fluiscono tra i maschi dominanti o subordinati e i loro gruppi in due diversi contesti: comportamento sociale di routine o un compito di apprendimento sociale più complesso.

Nel più complesso compito di apprendimento sociale, i pesci maschi dominanti o subordinati venivano addestrati a far sì che una certa luce colorata su un lato dell’acquario significasse che il cibo sarebbe presto arrivato in quella posizione. Questi individui “informati” sono stati quindi inseriti in nuovi gruppi di individui non informati, e ai ricercatori è stato chiesto quale gruppo – quelli con maschi dominanti o subordinati informati – imparasse più rapidamente ad associare una luce colorata al cibo. I ricercatori hanno osservato il movimento del pesce e hanno scoperto che nelle interazioni sociali di routine i maschi dominanti esercitavano la massima influenza inseguendo e spingendo il gruppo in giro. Ma nel compito più complesso, in cui l’influenza non era forzata sul gruppo, ma piuttosto gli individui avevano una scelta su chi seguire, erano i maschi subordinati che esercitavano la maggiore influenza nei loro gruppi sociali.

In gruppi con un maschio subordinato come dimostratore, i pesci giunsero rapidamente a un consenso su quale luce seguire, muovendosi insieme come un’unità coerente per avere successo nel compito. Con un maschio dominante come informatore, i gruppi erano molto più lenti a raggiungere il consenso, ammesso che lo avessero fatto. Utilizzando un ulteriore monitoraggio degli animali basato sull’apprendimento automatico, impiegando tecniche all’avanguardia sviluppate nelle scienze informatiche, i ricercatori sono stati in grado di abbattere le differenze comportamentali tra maschi dominanti e subordinati: i maschi dominanti erano centrali nei social network comportamentali (interagivano spesso con gli altri) ma occupavano posizioni periferiche nelle reti spaziali (erano evitate da altri). La tecnologia ha fornito intuizioni mai prima disponibili, rivelando i meccanismi di influenza e il risultato.

Il primo autore Paul Nührenberg, ha spiegato di più: “Catturando dati comportamentali impossibili da misurare ad occhio nudo, i nostri metodi di tracciamento automatizzato hanno rivelato che non era la differenza di posizione sociale tra dominante e subordinato di per sé, ma piuttosto in il modo in cui si muovevano e interagivano con gli altri. Queste differenze comportamentali portano direttamente a differenze nell’influenza sociale. Questo risultato tocca l’evoluzione delle società animali e delle strutture di leadership nelle organizzazioni. In molte società, animali o umane, individui in posizioni di potere possiedono tutti una serie simile di tratti, che sono aggressività, intimidazione e coercizione. Ma una comunicazione efficace richiede la presenza di una varietà di voci, non solo quella più forte. I nostri risultati da un sistema naturale mostrano che consentire percorsi alternativi a posizioni di potere, può essere utile per creare strutture consultive, governative ed educative più forti”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rodriguez-Santiago M et al. PNAS USA. 2020 Aug; 117(31):18566-573. 

Bose APH, Windorfer J. Proc Biol Sci. 2020 May; 287(1927):20200127. 

Bath E, Biscocho ER et al. PLoS One. 2020 Apr 29; 15(4):e0229633.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments