Fitoterapia e sclerosi multipla: cosa si sa, se funziona e vi si arriverà presto

La sclerosi multipla (SM) è una malattia autoimmune che si verifica soprattutto nella giovane età adulta. L’eziologia della malattia da sclerosi multipla non è ancora ben compresa, ma sia i fattori genetici che ambientali hanno avuto un ruolo importante nell’avvio o nella progressione della malattia. Nella malattia della SM, le cellule infiammatorie demoliscono la guaina mielinica nel sistema nervoso centrale che indebolisce la potenziale conduzione dell’azione. Due proprietà cardinali della SM sono l’infiammazione acuta associata alla demielinizzazione e un altro è la perdita assonale. Nonostante i potenziali benefici della terapia con cellule staminali nel miglioramento della riparazione della mielina, la sua applicazione clinica è stata ostacolata a causa della possibilità di formazione di teratoma, rigetto cellulare e problemi etici. Pertanto, è ancora necessario sviluppare nuovi farmaci che non abbiano effetti collaterali o meno considerevoli. Al momento, la maggior parte delle strategie nel trattamento della SM sono focalizzate sulla prevenzione dell’infiammazione nel sistema nervoso centrale. L’interferone beta (IFN-beta) è stato inizialmente confermato come farmaco efficace per il trattamento della SM nel 1993. Successivamente sono stati introdotti diversi farmaci per curare la SM come glatiramer acetato, natalizumab, alemtuzumab e fingolimod. Tutti questi farmaci citati sono risultati parzialmente efficaci e i loro notevoli effetti avversi li rendono inadatti per un uso prolungato.

Fino ad ora non è stato trovato alcun trattamento assoluto per la SM, pertanto è ancora in corso il tentativo di trovare un trattamento completamente efficace e sicuro. L’uso della medicina complementare e alternativa (CAM), in particolare i rimedi a base di erbe, è notevolmente aumentato nei pazienti con sclerosi multipla negli ultimi decenni. Precedenti studi hanno riportato che le piante medicinali hanno diversi effetti terapeutici in diversi disturbi come tumori, diabete e malattie neurodegenerative. Recentemente, un numero crescente di scoperte ha indicato che alcuni composti a base di erbe migliorano la riparazione della mielina e portano alla soppressione dell’infiammazione. Inoltre, ci sono molti studi che hanno riportato gli effetti anti-infiammatori e antiossidanti delle piante medicinali, nonché altre proprietà utili che li rendono un rimedio naturale, sicuro e affidabile per il trattamento delle malattie neurodegenerative. La fitoterapia cinese (CHM) è ampiamente utilizzata dai pazienti con SM per migliorare la gravità della malattia. Gli effetti benefici della CHM nella malattia della SM si verificano con la riduzione della gravità della sintomatologia; questo per le proprietà antiossidanti, anti-infiammatorie e promozione della differenziazione delle cellule staminali locali in cellule che producono mielina. I pazienti con SM di solito usano la CAM e le piante medicinali come membri di questa famiglia svolgono un ruolo cruciale per curare la SM e i suoi sintomi associati.

Si raccomandano diversi medicinali a base di erbe per i pazienti con SM, ma la comprensione della loro efficacia non è ben descritta. Secondo le più aggiornate conoscenze, ciò che si sa a riguardo sull’effetto di piante selezionate sul decorso della sclerosi multipla è descritto di seguito.

Ginkgo biloba L. (noto come ginkgo), è una delle più antiche specie di alberi viventi della famiglia Ginkgoaceae. Il Ginkgo è originario della Corea e della Cina, ma ora può essere trovato in tutto il mondo. Gli studi hanno dimostrato che le proprietà antinfiammatorie e inibenti del fattore di attivazione piastrinica (PAF) dell’estratto di ginkgo sono efficaci sulla sclerosi multipla. Il Ginkgolides è il componente principale di G. biloba, il suo effetto sull’attività PAF rappresenta il possibile ruolo terapeutico di questa pianta sulla SM. Il ruolo di PAF nel processo di infiammazione è ovviamente introdotto, quindi il ginkgo può inibire questo processo. Inoltre, il ginkgo inverte il deterioramento cognitivo e riduce l’affaticamento nei pazienti con SM.

Lo zenzero (Zingiber officinale), è una pianta aromatica della famiglia delle Zingiberaceae. Z. officinale è originario dell’India e comunemente coltivato in Asia, Africa tropicale e America Latina. La radice di zenzero viene abitualmente utilizzata come spezia aromatica e farmaco tradizionale. La capacità antinfiammatoria dello zenzero è la ragione del suo consumo da parte dei pazienti con SM. Gingeroli e shogaoli sono i principali componenti dello zenzero che presentano effetti anti-infiammatori. Gli effetti anti-infiammatori del 6-shogaolo sono stati segnalati inibire l’espressione della cicloossigenasi-2 (COX-2) nei macrofagi. Il 10-gingerolo è un altro componente importante dello zenzero che è stato attribuito con effetto anti-infiammatorio nello zenzero fresco, a causa dell’interferenza con le citochine infiammatorie.

La Curcuma longa è una pianta tropicale, originaria dell’Asia tropicale meridionale e sud-orientale. Una sostanza colorante gialla ottenuta dalle radici di C. longa, è chiamata curcumina. La curcuma viene comunemente consumata come rimedio popolare asiatico per il trattamento di disturbi biliari, anoressia, tosse, sinusite e mal di gola.48 Gli studi hanno indicato che la curcumina esercita una vasta gamma di attività biologiche, tra cui effetti antinfiammatori, antitumorali e antiossidanti. La curcumina ha ridotto la gravità dell’encefalomielite autoimmune sperimentale (EAE), come modello animale della malattia della SM, riducendo anche l’infiltrazione di cellule infiammatorie nel sistema nervoso centrale. La curcumina modula il processo infiammatorio diminuendo l’espressione delle diverse citochine pro-infiammatorie e infiammatorie. Inoltre, la curcumina può ridurre la severità della SM bloccando la via di segnalazione dell’IL-12 nelle cellule T.

Hypericum perforatum, meglio noto come erba di San Giovanni è una pianta della famiglia Hypericaceae. H. perforatum è una pianta autoctona in Europa e in Asia, ma oggi si è diffusa in tutto il mondo. Dall’antichità, H. perforatum era una pianta popolare perché aveva una vasta gamma di effetti terapeutici per diverse malattie come ansia, depressione e disturbi mestruali. L’uso di H. perforatum nella malattia della sclerosi multipla è correlato ai suoi effetti antidepressivi. L’ipericina è il principale componente antidepressivo di H. perforatum che stimola il flusso sanguigno capillare nel cervello. Gli studi hanno dimostrato che l’ipericina inibisce fortemente gli enzimi MAO e ha una forte affinità per i recettori Sigma che regolano il livello di dopamina. H. perforatum può essere raccomandato ai pazienti con SM a causa dei suoi effetti antidepressivi, antiossidanti e antinfiammatori.

Il kava kava (Piper methysticum) è un’erba psicoattiva della famiglia Piperaceace, che è stata utilizzata nelle isole del Pacifico per centinaia di anni. La radice di questa pianta è ben nota per le sue proprietà sedative e anestetiche. La combinazione di kava e valeriana sembra essere più efficace per il trattamento dell’insonnia indotta dallo stress rispetto a entrambe le erbe. Il composto attivo di kava sono i kavalattoni, che interagiscono con i recettori GABA-A e riducono l’ansia e i problemi del sonno. Il kava può anche potenziare gli effetti calmanti dei farmaci che di solito vengono utilizzati nella malattia della SM come il Lioresal (Baclofen). Si può concludere che il kava da solo o in combinazione con altri medicinali a base di erbe è un candidato promettente per il trattamento dei disturbi d’ansia dei pazienti con SM.

Il ginseng (Panax quinquefolium), noto anche come ginseng asiatico, è una medicina erboristica tradizionale in Asia da migliaia di anni, che appartiene alla famiglia delle Araliaceae. La radice di ginseng è tradizionalmente usata in polvere per rigenerare il corpo e la mente, aumentare la forza fisica e prevenire l’invecchiamento. Alcune evidenze hanno indicato che il ginseng può ridurre l’infiammazione e l’affaticamento, che possono essere utili nei pazienti con SM. Il ginseng ha ridotto la gravità dell’EAE inibendo la proliferazione dei linfociti T, inibendo la produzione di citochine infiammatorie (FN-γ, IL-1β e IL-17) e l’esaurimento dei linfociti CD25+. Negli studi clinici il ginseng ha portato a un miglioramento della fatica e ha avuto un effetto positivo sulla qualità della vita.

La Vitis vinifera L. (vite comune) è una delle colture di frutta più importanti al mondo della famiglia delle Vitacee. La V. vinifera è coltivata nella maggior parte dei paesi dell’Europa, del Nord Africa e dell’Asia occidentale. Le foglie e i semi di questa pianta hanno varie proprietà medicinali. Il resveratrolo è un composto fenolico nell’uva, segnalato per avere diversi effetti farmaceutici come proprietà antinfiammatorie, antitumorali, antiossidanti e antivirali. Il resveratrolo mostra effetti neuroprotettivi inibendo la microglia, le cellule immunitarie all’interno del cervello. Gli effetti neuroprotettivi e antinfiammatori del resveratrolo sono confermati in decine di ricerche. Ma, soprattutto, può attraversare la barriera emato-encefalica (BBB), quindi può essere un candidato ideale per il trattamento di malattie neuroinfiammatorie e neurodegenerative. Tuttavia, sono necessari studi più specifici per determinare un suo valido ruolo terapeutico nella SM.

La Camellia sinensis L. è nota come thè verde, una delle bevande più antiche al mondo della famiglia Theaceae. Il thè verde presenta proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive. L’epigallocatechina-3-gallato (EGCG) è uno dei più importanti composti attivi del tè verde che è attribuito alle proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive di questa pianta. L’EGCG è un composto polifenolico che inibisce la produzione di mediatori infiammatori come TNF-α, IL-1β e IL-6 e migliora la neuroprotezione nel sistema nervoso. In altri studi, EGCG ha inibito l’attivazione microgliale indotta da LPS e ha protetto da lesioni neuronali dopaminergiche mediate dall’infiammazione. Il thè verde ha effetti anti-infiammatori che possono effettivamente proteggere il SNC dalle malattie neurodegenerative come la SM.

La Cannabis sativa L. è una pianta da fiore del genere Cannabis della famiglia delle Cannabaceae. La C. sativa è originaria dell’Asia occidentale e centrale, ma è ampiamente coltivata in Asia e in Europa. La cannabis è stata tradizionalmente utilizzata per curare i diversi disturbi come allergie, infiammazioni e malattie a trasmissione sessuale. Numerosi studi confermano che la cannabis possiede effetti analgesici, attività antitumorale e antinfiammatoria, attività depressiva del sistema nervoso centrale ed effetto immunomodulatore. La C. sativa è la pianta più importante e più comune utilizzata per il trattamento della SM. Numerosi studi hanno indicato che il consumo di cannabinoidi ha ridotto la rigidità muscolare, i disturbi alla vescica, gli spasmi, il dolore neuropatico e i disturbi del sonno nei pazienti con SM. Sembra che la combinazione di THC e cannabidiolo (CBD) sia stata più efficace per il trattamento della spasticità refrattaria da moderata a grave nei pazienti con SM.

Conclusioni

Sulla base del summenzionato datar, si può concludere che l’effetto antiinfiammatorio è la ragione principale degli effetti terapeutici delle piante medicinali nella malattia della SM, attraverso la quale le piante medicinali migliorano la gravità della malattia e riducono i cambiamenti neuropatologici. Gli effetti anti-infiammatori delle piante medicinali di solito si verificano inibendo l’infiltrazione di cellule infiammatorie nel sistema nervoso centrale, diminuendo la produzione di citochine pro-infiammatorie e infiammatorie. Sono necessari ulteriori studi per rivelare gli esatti meccanismi d’azione, attraverso i quali le piante medicinali mostrano i loro effetti antinfiammatori e neuroprotettivi. Dato che la maggior parte degli studi sugli effetti della terapia a base di erbe nella SM sono stati condotti su modelli animali, è ancora necessario approvare questi studi attraverso studi clinici.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mojaverrostami S et al. Adv Pharm Bull 2018; 8(4):575-590.

Kim S et al. J Altern Complement Med 2018; 24(6):596-602.

Song L, Zhou Q et al. Complement Ther Med 2017; 31:71.

Dayapoglu N, Tan M. Neurology Asia 2016; 21(1):63-71.

Borgelt LM et al. Pharmacotherapy 2013; 33(2):195-209.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2443 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments