Home RICERCA & SALUTE Lichen planus: dei segnali sono comuni alle autoimmunità, così pure il primo...

Lichen planus: dei segnali sono comuni alle autoimmunità, così pure il primo farmaco

Prurito costante, protuberanze dolorose, braccia e gambe squamose e unghie danneggiate rendono il lichen planus una malattia infiammatoria della pelle che è sia frustrante che dolorosa per i pazienti che cercano di mantenere la qualità della vita. Il lichen planus è una malattia con molte forme cliniche diverse e spesso un aspetto variabile e può coinvolgere la pelle, i capelli, le unghie e le aree della mucosa della bocca e dei genitali. Colpisce circa l’1% della popolazione generale. Sulla pelle può lasciare macchie scure irregolari, perdita di capelli e perdita o cicatrici permanenti delle unghie. Nelle aree vaginali e nella bocca può causare piaghe dolorose e molte persone non sono in grado di mangiare correttamente. La malattia infiammatoria della pelle, molto probabilmente innescata da un disturbo immunitario sottostante, può anche portare nel tempo a cicatrici significative. Inoltre, il lichen planus è associato ad un aumentato rischio di cancro nelle lesioni di lunga durata, una complicanza devastante di questa malattia. Sebbene in passato esistessero poche opzioni terapeutiche, i dermatologi della Michigan Medicine hanno recentemente scoperto di più su come si sviluppa il lichen planus. I loro risultati, pubblicati su Science Translational Medicine, suggeriscono che un farmaco per l’artrite potrebbe essere usato per curare l’eruzione cutanea in futuro.

Johann E. Gudjonsson, MD, professore associato di Dermatologia presso l’Università del Michigan e direttore del Centro basato sulle risorse per la biologia della pelle e le malattie, finanziato dal National Institutes of Health, come ha spiegato l’autore senior: “Abbiamo trovato il percorso dietro la risposta immunitaria che provoca lichen planus, che ha un forte impatto sulla qualità della vita. Clinicamente, il lichen planus può assomigliare ad altre malattie autoimmuni nelle sue manifestazioni e crediamo che il lichen planus sia probabilmente anche una malattia autoimmune. “Ma poiché non si sa ancora molto sulla patogenesi del lichen planus, Gudjonsson osserva che manca il confronto con altre malattie infiammatorie. Spiega perché il miglioramento delle cure per il lichen planus si è rivelato difficile e in che modo il suo team sta aprendo la strada verso trattamenti futuri: “Credo che la ragione principale di ciò sia che la malattia non è stata studiata molto, ed è notevolmente indietro rispetto ad altre malattie della pelle in termini di risorse che sono state dedicate alla ricerca. Questo è anche il motivo per cui non ci sono stati studi clinici importanti per identificare i trattamenti per questa malattia. In tal modo, i trattamenti attualmente usati per trattare il lichen planus sono presi in prestito da altre malattie”.

Per identificare le vie molecolari sotto la malattia, il team di ricerca del Dr. Gudjonsson ha utilizzato campioni di tessuto di circa 40 pazienti con una diagnosi consolidata di lichen planus per identificare le vie infiammatorie chiave coinvolte. Sono stati in grado di dimostrare in un sistema modello di pelle che la malattia è mediata principalmente da una citochina infiammatoria chiamata interferone-gamma. Il suo mediatore immunitario opera attraverso uno specifico percorso di segnalazione infiammatoria che utilizza le molecole di segnalazione JAK2 e STAT1. Il primo è una proteina chinasi cellulare attivata in realtà dalla maggior parte dei recettori delle citochine conosciuti, e talvolta anche dai recettori dei fattori di crescita. In media, i recettori delle citochine usano l’asse JAK2-STAT3; l’interferone gamma, invece, utilizza il percorso JAK2-STAT1. Gli STAT sono fattori di trascrizione che richiedono l’attivazione da parte delle chinasi JAK; una volta attivati, si spostano dal citosol nel nucleo cellulare per stimolare una specifica espressione genica. Dal momento che esistono trattamenti attualmente approvati per l’artrite e i tumori che colpiscono questo stesso percorso, gli scienziati hanno fornito alcune prove nel loro sistema modello di pelle che i farmaci che mirano a questo percorso sono probabilmente efficaci nel lichen planus.

Gudjonsson ha concluso: “Questo lavoro chiarisce il ruolo e i meccanismi dell’interferone-gamma nella patogenesi del lichene e fornisce prove dell’uso terapeutico degli inibitori JAK per limitare la citotossicità mediata dalle cellule nei pazienti con questa malattia. Baricitinib sembra il primo e immediatamente disponibile, ma resta ancora da fare un lavoro significativo. Mentre i nostri dati suggeriscono che gli inibitori di JAK sarebbero efficaci nel lichen planus, sono necessari studi clinici prospettici randomizzati prima di sapere quanto sarebbero efficaci e sicuri nel trattamento del lichen”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Shao S et al., Gudjonsson JE. Sci Transl Med. 2019 Sep 25; 11(511).

Berthier CC et al., Kahlenberg JM. J Clin Med. 2019 Aug 17; 8(8). 

Ma RJ, Tan YQ, Zhou G. Immunobiology. 2019 May; 224(3):455-461.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI