HomeLAVORO & SALUTEIdratazione: quanto è adeguata sulle varie tipologie di lavoro?

Idratazione: quanto è adeguata sulle varie tipologie di lavoro?

 

Una recente pubblicazione scientifica riporta che la sicurezza sul lavoro e le prestazioni giornaliere in 7 lavoratori su 10, di diverse industrie europee, sono influenzate negativamente da una combinazione di stress termico e fallimento a mantenere il bilancio idrico. Lo studio combina osservazioni sul campo e test motorio-cognitivi in ​​laboratorio, ed è stato condotto dal progetto Pan-European Heat-Shield coordinato dai ricercatori del Dipartimento di Nutrizione, Esercizio e Sport dell’Università di Copenaghen. L’importanza di prevenire la disidratazione ha ricevuto molta attenzione negli avvisi sulla salute e sulla sicurezza sul lavoro, oltre che evidenziata nei media durante i periodi caldi. È quindi sorprendente che 7 lavoratori su 10 non siano adeguatamente idratati già all’inizio del lavoro. In relazione agli effetti della disidratazione sulle prestazioni in compiti cognitivi o funzionali, non direttamente dipendenti dalla capacità di esercizio dei partecipanti, le discrepanze osservate tra gli studi possono riguardare la complessità del compito, la durata del test, l’entità dello stress da calore e la combinazione del test applicato.

Recentemente è stato osservato che l’ipertermia compromette complesse prestazioni motorie valutate con il monitoraggio visuo-motorio, mentre non vi è alcuna influenza sulla capacità di eseguire un semplice compito motorio e le prestazioni anche invariato in uno sforzo prevalentemente cognitivo (addizioni matematiche). Pertanto, la complessità della batteria di test utilizzata potrebbe in parte spiegare il risultato contrastante riportato dagli studi di laboratorio. In secondo luogo, i progetti sperimentali impiegati finora non hanno permesso di valutare l’impatto separato e combinato della disidratazione e dello stress da calore sulle prestazioni cognitive e motorie. Da una parte, è stato osservato che una lieve disidratazione (~ 1% di deficit idrico) aumenta la frequenza degli errori durante un’attività di guida monotona e Lindseth et al. ha riportato prestazioni peggiori per voli simulati in piloti disidratati rispetto a uno stato idratato. Inoltre, Gopinathan e colleghi hanno valutato le prestazioni mentali con riconoscimento di parole, aggiunta seriale e test di marcatura di prova e hanno riportato prestazioni inferiori quando i livelli di disidratazione dei partecipanti erano pari o superiori al 2% nella perdita di peso corporeo.

Durante i due anni precedenti, il progetto Heat-Shield ha valutato lo stato di idratazione all’inizio e alla fine del turno di lavoro in cinque diversi settori europei. Lo studio ha incluso 139 lavoratori provenienti da quattro diversi paesi; Danimarca, Cipro, Grecia e Spagna, e rispettivamente come lavoratori dell’industria manifatturiera (nell’industria dell’alluminio) o come lavoratori agricoli, agenti di polizia, lavoratori del turismo e lavoratori edili. L’altissima prevalenza della disidratazione è stata una sorpresa per li scienziati, e la potenziale influenza sulla funzione cognitiva dei lavoratori e le prestazioni motorie nelle industrie chiave è piuttosto problematica, perché aumenta notevolmente il rischio di commettere errori e quindi minaccia sia la sicurezza che la produttività. Lo studio combina i dati delle funzioni cognitive e motorie e dimostra come la combinazione di disidratazione e stress da calore sia una minaccia reale per la produttività e la sicurezza. Le prestazioni cognitive e motorie alterate saranno problematiche in molte occupazioni, poiché si basano sulla funzione cognitiva del lavoratore, ad es. la loro capacità di concentrarsi sul compito e reagire adeguatamente alle sfide professionali.

Per i lavoratori agricoli la disidratazione è un problema che si aggrava durante i turni di lavoro, ma in tutti i settori è soprattutto la mancata reidratazione di giorno in giorno che causa uno stato di disidratazione da lieve a moderata. Di per sé un problema di salute, tuttavia quando combinato con lo stress da calore ha notevolmente influenzato la capacità di eseguire compiti complessi. Questo può davvero influenzare la produttività, ma soprattutto può rappresentare una minaccia per la sicurezza nei luoghi di lavoro con alte temperature ambientali. Andreas Flouris, professore associato presso l’Università di Salonicco, e responsabile degli studi sul campo condotti nell’Europa meridionale sottolinea: “Il problema può essere ancora più grande nel prossimo futuro: di fronte al peggioramento climatico con ondate di calore più frequenti, è di fondamentale importanza per i lavoratori adottare migliori abitudini di idratazione e per le aziende sviluppare strategie efficaci. Considerando che molti compiti professionali come la gestione di macchinari industriali dipendono dalla prontezza e dalla capacità del lavoratore, è di grande importanza informare su conseguenze della disidratazione ed esigenze adottando una prevenzione appropriata”.

Questi risultati suggeriscono che i piani di prevenzione con l’attuazione di strategie di idratazione e/o reidratazione adeguate e più efficaci, sono garantiti nei luoghi di lavoro per minimizzare gli effetti negativi della disidratazione sulle prestazioni dei lavoratori, quando sono esposti a stress da calore sul posto.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Piil JF et al., Nybo L. PLoS One. 2018; 13(10):e0205321. 

Spector JT, Krenz J et al. Applied Ergon. 2018; 67:1–8.

Piil JF, Lundbye-Jensen J et al. Temperature 2017; 1–9.

Watson P, Whale A et al. Physiol Behav. 2015; 147:313. 

Armstrong LE, Ganio MS et al. Nutr. 2012; 142:382-88.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI