Fumo di sigaretta ed ictus emorragico: insieme ai dati del passato, gli ultimi non fanno che confermare

Il fumo è diffuso in tutto il mondo, soprattutto tra i giovani e nei paesi in via di sviluppo. Sebbene le politiche che utilizzano misure diverse abbiano incoraggiato con successo le persone a smettere di fumare, il numero globale assoluto di fumatori è aumentato a causa della crescita della popolazione. L’ictus, noto come evento cerebrovascolare acuto strettamente correlato alla lesione del tessuto cerebrale, è una delle principali cause di morte e disabilità per uomini e donne adulti in tutto il mondo. Secondo i rapporti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno circa 15 milioni di persone hanno un ictus, con un notevole onere economico. L’ictus può essere suddiviso in diversi sottotipi: l’87% è classificato come ictus ischemico, il 10% è classificato come ictus emorragico intracerebrale (IHS) e il restante 3% è classificato come HS subaracnoide (SHS). Studi epidemiologici hanno rivelato che ci sono differenze di sesso nell’ictus e che il peso dell’ictus nelle donne era in aumento nell’Europa orientale.

L’anno scorso è stata pubblicata una revisione sistematica utilizzando i database PubMed, Embase e Cochrane Central Register per esplorare il rischio reale tra fumo di sigaretta e ictus. In questa meta-analisi, i ricercatori hanno riscontrato un aumento del rischio di ictus nei fumatori rispetto ai non fumatori, il che era coerente con gli studi precedenti. Nella maggior parte dei sottogruppi è stato osservato un aumento del rischio di ictus associato al fumo corrente. Inoltre, c’era una relazione dose-dipendente tra lo stato attuale del fumo e il rischio complessivo di ictus, e il rischio era aumentato del 12% per ogni incremento di 5 sigarette al giorno. Secondo l’analisi stratificata, c’era una relazione tra l’ictus complessivo e lo stato attuale del fumo indipendentemente dal sesso, dalla durata del follow-up o dalla dimensione del campione dello studio. In questa meta-analisi, sono state osservate piccole differenze tra i sessi. Nell’analisi dei sottogruppi, è stato scoperto che c’era un maggior rischio di ictus per le donne.

Un ultimo studio finlandese mostra che coloro che fumano corrono un rischio maggiore di sviluppare emorragia subaracnoidea (SHS). Un decennio fa, in uno studio Nordic Twin Cohort che ha coinvolto 79.664 gemelli provenienti da Danimarca, Finlandia e Svezia, i ricercatori hanno esaminato i fattori di rischio di SHS diversi dai geni. Poiché i gemelli condividono il loro patrimonio genetico, lo studio potrebbe analizzare altri fattori ambientali che potrebbero influenzare il rischio di SHS. Questo studio ha dimostrato che i fattori non genetici determinano principalmente SHS. Tuttavia, non ha rivelato la misura in cui i fattori ambientali potrebbero influenzare il rischio negli individui. Poiché lo studio Nordic Twin Cohort ha mostrato un’influenza non genetica sul rischio di SHS, questo è stato un tentativo di esaminare il fattore di rischio del fumo e la sua influenza sul rischio di SHS. Questo è stato uno studio su 32564 fratelli gemelli per verificare il motivo per cui solo uno dei fratelli ha subito un SHS fatale.

Hanno ipotizzato che il fumo potrebbe essere uno dei fattori di rischio critici per SAH. Per questo studio, il team ha incluso 16.282 coppie di gemelli finlandesi dello stesso sesso. C’erano un totale di un totale di 32.564 individui. Appartenevano alla più vecchia coorte gemella finlandese tra il 1976 e il 2018 e sono stati seguiti da vicino. Il team ha cercato i record per controllare tutti i partecipanti morti per SHS. Da tutti i dati sulla salute e le abitudini dei partecipanti, il team ha raccolto informazioni su abitudine al fumo, consumo di alcol (consumo giornaliero classificato per 10 g di alcol) e attività fisica regolare, presenza di ipertensione, indice di massa corporea e livello di istruzione (anni di scolarizzazione). Lo status di fumatore è stato definito come “mai, occasionale, precedente e attuale”. Lo stato di fumo è stato infine classificato come fumatori (occasionale e attuale) e non fumatori (mai ed ex). Quelli che erano fumatori attuali sono stati ulteriormente classificati in base al numero di sigarette al giorno.

I gemelli sono stati classificati come gemelli monozigoti (identici) o dizigoti (non identici) o come gemelli di zigosità sconosciuta. Hanno controllato tutti i fratelli che erano morti di SHS con l’altro gemello che non era morto. Hanno valutato il rapporto di rischio degli individui dell’intero gruppo partecipante e hanno anche valutato a coppie quando uno dei due era morto di SAH. Quando uno dei fratelli è morto, è stata definita una coppia discordante. Le coppie gemelle concordanti erano quelle in cui entrambi i fratelli gemelli erano morti a causa di ictus. Lo studio ha coinvolto un totale di 869.469 anni-persona di follow-up. Da questo, sono state identificate un totale di 116 coppie gemelle discordanti e 2 concordanti. Un totale di 25 delle coppie di gemelli discordanti erano gemelli monozigoti o identici. I risultati hanno rivelato che lo stato di fumo (occasionale / attuale) era associato a un aumento del rischio di SHS e morte a causa di SHS rispetto ai non fumatori (mai / ex). Tra i gemelli discordanti, il gemello che fumava aveva un rischio maggiore di morte a causa di SHS rispetto al gemello non fumatore.

C’era anche un aumento del rischio di morte a causa di SHS tra coloro che consumavano oltre 21 g di alcol al giorno. Il team afferma che questo studio fornisce una forte evidenza che potrebbe esserci una relazione “causale” tra il fumo e i decessi dovuti a ictus cerebrale emorragico. E questo va ad aggiungersi alle decine di reports analoghi pubblicati negli ultimi 35-40 anni in vari contesti e nazioni del mondo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pan B, Jin X, Jun L et al. Medicine 2019; 98:12(e14872).

Markidan J, Cole JW et al. Stroke 2018; 49:1276–1278.

Feigin VL, Roth GA et al. Lancet Neurol 2016; 15:913-24.

Lackland DT, Roccella EJ et al. Stroke 2013; 45:315–53.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it