Industria dei polimeri e malattie autoimmuni: il caso danese dello stirene

La sclerosi sistemica, l’artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, la vasculite dei piccoli vasi e la sindrome di Sjögren sono malattie reumatiche autoimmuni per le quali si sa poco dei fattori di rischio ambientale. La predisposizione genetica è importante; tuttavia, i tassi di concordanza tra i gemelli monozigoti sono bassi e indicano che i fattori ambientali giocano un ruolo importante nell’eziologia di queste malattie. Il fumo è un fattore di rischio ben descritto per l’artrite reumatoide e diversi studi epidemiologici hanno collegato l’esposizione professionale al quarzo respirabile con la sclerosi sistemica, l’artrite reumatoide, la vasculite dei piccoli vasi e il lupus sistemico. La comparsa della sclerosi sistemica è stata associata all’esposizione professionale a tricloroetilene (o trielina), toluene o xilene. Le attività lavorative auto-riportate e i dati delle matrici di esposizione lavorativa hanno indicato associazioni tra esposizione a solventi non specificata e artrite reumatica. Singoli studi hanno collegato la sindrome di Sjögren con solventi aromatici e clorurati e vasculite dei piccoli vasi con esposizione a solventi non specificati.

Lo stirene è un solvente aromatico con effetti neurotossici ben documentati ed è probabilmente associato a tumori del sangue e fibrosi polmonare. Lo stirene è anche un idrocarburo ad alto volume di produzione utilizzato come monomero nella produzione di diversi polimeri e rivestimenti plastici. Livelli elevati di esposizione allo stirene si trovano nell’aria della sala di lavoro dell’industria delle plastiche rinforzate durante la laminazione manuale di barche, pale del rotore di mulini a vento e altri prodotti in plastica rinforzata. Livelli di esposizione particolarmente elevati sono stati osservati prima degli anni ’90. La Danimarca aveva un totale di 456 aziende che producevano prodotti in plastica rinforzata dall’inizio degli anni ’60. Questo è il motivo per cui un team di ricercatori ha studiato quale fosse l’impatto dell’esposizione allo stirene tra i lavoratori di queste aziende. I dati di un gruppo di 72.000 persone viventi sono stati esaminati insieme a casi identificati di malattie reumatiche autoimmuni nel National Patient Registry 1977–2012. Sono stati identificati 718 casi di autoimmunità: 527 di artrite reumatoide, 31 di sclerosi sistemica, 38 con lupus sistemico, 80 con vasculite e 42 con sindrome di Sjögren.

Inoltre, tra gli uomini, ma non tra le donne, gli scienziati hanno osservato un aumento non significativo del rischio di artrite reumatoide confrontando l’esposizione cumulativa alta con quella bassa. Le analisi dell’artrite reumatoide sottoclassificate in casi sieropositivi e sieronegativi hanno rivelato un aumento del tasso di artrite reumatoide sieropositiva tra le donne ad alta esposizione, ma non tra gli uomini ad alta esposizione, e un aumento dei rapporti di tasso di artrite reumatoide sieronegativa tra gli uomini ad alta esposizione, ma non tra le donne. Il rischio di sclerosi sistemica tendeva ad aumentare con la durata dell’impiego, l’intensità media di esposizione e la probabilità media di esposizione tra le donne e meno tra gli uomini. Dall’esposizione cumulativa allo stirene maturata in diverse finestre temporali si è evinto un aumento del rischio tra gli uomini di sclerosi sistemica, artrite reumatoide e microvasculite dopo l’esposizione ricevuta più di 10 anni prima. Nessun modello simile è stato visto tra le donne.

La conoscenza del meccanismo patogeno dello stirene alla base delle malattie reumatiche autoimmuni è lungi dall’essere completa. È stata sviluppata una conoscenza più approfondita dell’effetto cancerogeno di questo composto. Infatti, oltre all’effetto cancerogeno ufficialmente dichiarato dello stirene (IARC), un altro team danese dell’Università di Aarhus ha dimostrato che nella stessa coorte l’incidenza del cancro era superiore alla media tra i lavoratori. In un modello di laboratorio, invece, è stato dimostrato che lo stirene aumenta i livelli di interleuchine IL-4, IL-5, IL-13 e interferone-ɣ. Nella sclerosi sistemica IL-4 e IL-13 svolgono un ruolo cruciale nel differenziare i linfociti T in cellule T helper di tipo 2 (Th2) e nel promuovere la fibrosi. Questa forte risposta Th2 sembra essere specifica per la sclerosi sistemica e non presente per le altre malattie autoimmuni. È difficile dire adesso se questi risultati per la sclerosi sistemica possano essere generalizzati ad altri solventi organici oltre allo stirene, perché comprendono una vasta gamma di sostanze chimiche con diversi profili tossicologici.

In conclusione, questo studio suggerisce un’associazione tra l’esposizione professionale allo stirene e la sclerosi sistemica. Questa è una nuova scoperta e deve essere replicata su altre coorti di lavoratori esposti professionalmente al composto, prima che si possano trarre conclusioni sicure.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Boudigaard SH et al. Occup Environ Med 2020; 77:64.

Christensen MS et al. Epidemiology 2018; 29:342–351.

Blanc PD, Järvholm B et al. Am J Med 2015; 128:1094.

Marie I, Gehanno JF et al. Autoimmun Rev 2014; 13:151.

Finckh A, Cooper GS et al. Arthritis Rheum 2006; 54:3648.

Maître A, Hours M, et al. J Rheumatol 2004; 31:2395–401.

Garabrant DH et al. Am J Epidemiol 2003; 157:493–500.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it