Pesticidi e leucemia: le ultime recensioni aggiornate parlano di rischio concreto

La leucemia linfocitica cronica (LLC) è una neoplasia linfoide a cellule B mature caratterizzata dalla presenza di una popolazione clonale maligna di linfociti B che si accumula nel sangue periferico, nel midollo osseo, nei linfonodi e / o nella milza. La LLC è la leucemia più comune tra la popolazione adulta con un tasso di incidenza annuale standardizzato per età stimato intorno a 3,8 per 100.000 nel 2000-2002. La sua incidenza è maggiore nei maschi che nelle femmine nella popolazione caucasica e aumenta con l’età. L’eziologia della LLC è scarsamente compresa sebbene un’analisi aggregata di 15186 controlli e 2440 casi di LLC da 13 studi caso-controllo che hanno partecipato al consorzio InterLymph, abbia fornito alcune informazioni. Si ipotizza che gli elevati rischi di LLC osservati tra i lavoratori agricoli siano correlati all’esposizione a diversi prodotti chimici, come i pesticidi. I potenziali meccanismi cancerogeni per l’esposizione ai pesticidi includono stress ossidativo o endocrino ed interruzione della metilazione del DNA, tra i diversi meccanismi ipotizzati.

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato il lindano organoclorurato come cancerogeno per l’uomo per i tumori ematologici (Gruppo 1) mentre altri pesticidi esaminati, come l’erbicida glifosato, i due insetticidi organofosforici malathion e diazinon, nonché il DDT sono stati classificati come probabilmente cancerogeni per l’uomo (Gruppo 2A) mentre l’erbicida 2,4-D è stato considerato possibilmente cancerogeno per l’uomo (Gruppo 2B). I pesticidi sono stati precedentemente collegati alla LLC, sebbene con incongruenze. Tra coloro che esaminano leucemie linfoidi o LLC, alcuni studi, ma non tutti, hanno osservato associazioni positive con l’uso di pesticidi. Tuttavia, sono disponibili poche prove riguardo a quali sostanze attive specifiche contribuiscono a queste osservazioni. Uno studio pubblicato nei mesi scorsi, condotto da un team spagnolo. ha trovato associazione fra esposizione a certi antiparassitari e comparsa di LLC, in particolare gli insetticidi chlorpyrifos, endosulfan e methomyl.

Un dato interessante è stato che la deltametrina, un derivato sintetico del piretro, è risultato attivo fra gli insetticidi piretroidi di sintesi. Un altro studio professionale condotto in Italia ha rilevato che l’esposizione al fungicida captafol, chimicamente simile al captan, era significativamente associata al linfoma non Hodgkin, mentre il paraquat non era significativamente correlato alla LLC. Nel grande studio EpiLymph, sono stati osservati maggiori rischi di esposizione professionale a pesticidi organici e inorganici, con le più alte associazioni tra quelli mai esposti a insetticidi organofosforici. Allo stesso modo, nello studio sull’agricoltura sulla salute, una potenziale coorte di agricoltori e applicatori commerciali di pesticidi con sede negli Stati Uniti, associazioni con terbufos (un organofosforico) e DDT sono state associate alla LLC. Un‘ultima revisione della letteratura di quest’anno ha confermato che su sei studi sull’esposizione agli organofosforici, è stata riscontrata positività di associazione con leucemia per dichlorvos, crotoxiphos e famphur.

L’esposizione al diazinon è stata analizzata in tre studi: una coorte che stimava l’associazione con la leucemia esclusivamente tra soggetti con tempo di esposizione maggiore di 38 giorni durante la vita lavorativa. Il phonophos è stato associato a leucemia solo nelle categorie con il maggior numero di giorni e la maggiore intensità di esposizione durante la vita lavorativa. Tra i pesticidi indagati, gli individui esposti al diazinon per un periodo più lungo, rispetto a quelli non esposti avevano un rischio più elevato di tumori del sangue, LLC e linfoma non Hodgkin. È importante sottolineare il ruolo degli studi epidemiologici nel processo di valutazione della cancerogenicità dei pesticidi. Nonostante la IARC abbia classificato come possibili cancerogeni svariati insetticidi, ponendoli in specifici gruppi, altri studi non hanno trovato associazione diretta. Questo è da imputare alla qualità degli studi, alla considerazione di fattori co-cancerogeni come il fumo di sigaretta, la mancata dichiarazione se i lavoratori agricoli abbiano usato dispositivi di protezione ed altro ancora.

Nel 2017 il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha emesso un avvertimento sulla mancanza di standardizzazione delle leggi che regolano l’uso dei pesticidi nel mondo, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove la pressione per aumentare la produzione generata dall’esportazione di prodotti agricoli ha la conseguenza dell’aumento dell’uso di prodotti agrochimici, senza un’adeguata sicurezza per controllare i rischi associati a questi prodotti. Le lacune nella legislazione in questi paesi possono comportare un rischio maggiore di tossicità a causa dell’autorizzazione a commercializzare prodotti altamente tossici già vietati nei paesi industrializzati. Considerando la questione dell’aumento della produzione agricola nei paesi in via di sviluppo, attira l’attenzione la scarsità di studi da queste regioni che discutono i rischi di esposizione cronica a questi prodotti per la salute umana, in particolare i tumori.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

De Moura LTR et al. Rev Brasil Epidemiol. 2020; 23:E200022.

Leon ME, Schinasi LH et al. Int J Epidemiol. 2019; 48:1519–1535.

Ferri GM, Specchia G et al. J Occup Med Toxicol 2017; 12:31-36.

Schinasi LH, De Roos AJ et al. Ann Epidemiol 2015; 25:803–810.

Coggon D, Ntani G et al. Occup Environ. Med. 2015; 72:435–441.

Guyton KZ, Loomis D et al. Lancet Oncol 2015; 16(5): 490-491.

Costas L, Infante-Rivard C et al. Brit J Cancer 2015; 112:1251-56.

Schinasi L, Leon ME. Int J Envir Res Public Health 2014; 11:4449.

Alavanja MCR, Hofmann JN et al. PLoS ONE 2014; 9:e109332.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it