Dieta chetogenica: qualche settimana basta, se non vuoi essere costretto tutta la vita

Una dieta chetogenica – che fornisce il 99% delle calorie dai grassi e solo l’1% dai carboidrati – produce benefici per la salute a breve termine, ma effetti negativi dopo circa una settimana, i ricercatori di Yale hanno scoperto in uno studio sui topi. I risultati offrono indicazioni precoci che la dieta cheto potrebbe, per periodi di tempo limitati, migliorare la salute umana riducendo il rischio di diabete e l’infiammazione. Rappresentano inoltre un importante primo passo verso possibili sperimentazioni cliniche sugli esseri umani. La dieta cheto è diventata sempre più popolare poiché le celebrità, tra cui Gwyneth Paltrow, Lebron James e Kim Kardashian, l’hanno pubblicizzata come un regime dimagrante. Tuttavia, sono ancora necessari studi clinici a lungo termine sugli esseri umani per convalidare le affermazioni aneddotiche sui benefici per la salute di cheto. In uno studio di quest’anno, pubblicato su Nature Metabolism, i ricercatori hanno scoperto che gli effetti positivi e negativi della dieta si riferiscono entrambi a cellule immunitarie chiamate linfiociti T gamma-delta, cellule protettive dei tessuti che riducono il rischio di diabete e infiammazione.

Una dieta cheto induce il corpo a bruciare i grassi Quando il livello di glucosio del corpo si riduce a causa del basso contenuto di carboidrati della dieta, il corpo s.i comporta come se fosse in uno stato di fame – anche se non lo è – e inizia a bruciare grassi invece di carboidrati. Questo processo a sua volta produce sostanze chimiche chiamate corpi chetonici come fonte alternativa di carburante. Quando il corpo brucia corpi chetonici, le cellule T gamma delta protettive dei tessuti si espandono in tutto il corpo. Questo riduce il rischio di diabete e infiammazione e migliora il metabolismo del corpo. Vishwa Deep Dixit, autore principale, Zedtwitz Professore di medicina comparata e di immunobiologia, Yale School of Medicine, ha spiegato: “Quando il corpo è in questa modalità” affamato-non-affamato”, l’accumulo di grasso avviene anche contemporaneamente alla scomposizione del grasso, il i ricercatori hanno scoperto. Quando i topi continuano a mangiare la dieta ad alto contenuto di grassi e a basso contenuto di carboidrati oltre una settimana, consumano più grassi di quelli che possono bruciare e sviluppano diabete e obesità. Perdono le cellule T gamma delta protettive nel grasso.

Prima che una tale dieta possa essere prescritta, è necessario un ampio studio clinico in condizioni controllate per comprendere il meccanismo alla base dei benefici metabolici e immunologici o di qualsiasi potenziale danno alle persone in sovrappeso e pre-diabetici. “Ci sono buone ragioni per proseguire gli studi: secondo i Centers for Disease Control, circa 84 milioni di adulti americani – o più di uno su tre – hanno il prediabete, che in teoria è prevenibile. Questa condizione li metterebbe a maggior rischio di sviluppare diabete di tipo 2, malattie cardiache e ictus. Più del 90% delle persone con questa condizione non sa di averla. Con le ultime scoperte, i ricercatori ora comprendono meglio i meccanismi al lavoro nei corpi sostenuti dalla dieta cheto e perché la dieta può portare benefici per la salute per periodi di tempo limitati. In precedenza, il team ha scoperto che il consumo di una dieta chetogenica (KD) a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi protegge i topi da infezioni e malattie letali dell’influenza A. L’alimentazione chetogenica ha determinato un’espansione delle cellule T γδ nel polmone che ha migliorato le funzioni di barriera, aumentando così la resistenza antivirale.

La Dr.ssa Emily Goldberg, la PhD che ha scoperto che la chetodieta espande le cellule T gamma-delta nei topi, ha commentato: “L’obesità e il diabete di tipo 2 sono malattie legate allo stile di vita; la dieta consente alle persone di avere il controllo. I nostri risultati evidenziano l’interazione tra metabolismo e sistema immunitario e come coordina il mantenimento della funzione sana dei tessuti. Se la lunghezza ideale della dieta per i benefici per la salute nell’uomo è oggetto di studi successivi, scoprire che la dieta cheto è migliore a piccole dosi è una buona notizia. Dopo tutto, chi vuole stare a dieta per sempre?”

A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Goldberg EL et al. Nature Metab 2020; 2(1):50-61.

Goldberg EL et al. Sci Immunol. 2019 Nov 15; 4(41).

Schreck KC et al. Nutr Neurosci 2019; 22(7):522-27.

Lima RCP et al. Food Funct 2017; 8(4):1519-1525.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it