Dolcificanti sintetici: le prove che compromettono il metabolismo

Negli ultimi anni, l’assunzione eccessiva di zucchero è stata associata in modo definitivo a obesità, diabete e malattie cardiovascolari. Mentre la dolce reputazione dello zucchero diventava sempre più acida, i dolcificanti artificiali colsero l’opportunità di diventare famosi. Oggi decine di migliaia di prodotti includono dolcificanti artificiali, che li rendono uno degli additivi alimentari più utilizzati al mondo. Con zero calorie, fanno bevande dietetiche e spuntini ipocalorici abbastanza dolci da essere gustati anche dai consumatori più golosi. Ma, come spesso si dice, “tutto ciò che luccica non è oro”. Passato lo spauracchio che alcuni dolcificanti sintetici potessero essere cancerogeni, le prove ora stanno montando che il consumo di grandi quantità di queste sostanze chimiche potrebbe anche portare a obesità e disturbi metabolici. Già nel 2016 sono stati pubblicati due lavori che indicano come l’aspartame sia associato a maggiore intolleranza al glucosio nei soggetti obesi. Le scoperte dello studio più recente sui dolcificanti artificiali sono state presentate alla conferenza di Experimental Biology 2018, tenutasi a San Diego, in California, una settimana fa.

La ricerca è stata condotta da Brian Hoffmann, PhD, assistente professore presso il Dipartimento di Ingegneria Biomedica presso la Marquette University e Medical College of Wisconsin a Milwaukee. Hoffmann spiega perché questo argomento lo interessa, dicendo: “Nonostante l’aggiunta di questi dolcificanti artificiali non calorici alle diete quotidiane, c’è stato un drastico aumento dell’obesità e del diabete“. Questo studio è l’esplorazione più approfondita – ad oggi – dei cambiamenti biochimici prodotti da dolcificanti artificiali nel corpo. Per raggiungere questo livello di dettaglio, hanno usato una tecnica chiamata metabolomica imparziale ad alto rendimento. La metabolomica si riferisce allo studio dei prodotti del metabolismo all’interno di cellule, tessuti e animali. Volevano capire in che modo lo zucchero e gli edulcoranti incidono sul rivestimento dei vasi sanguigni – l’endotelio vascolare – nelle colture cellulari e nei ratti. Quindi, si sono concentrati su due zuccheri (glucosio e fruttosio) e sugli edulcoranti a zero calorie aspartame e acesulfame potassio.

Per confrontare i composti hanno nutriti con i ratti allo stesso modo dolci, ma calorificamente opposti, li e li hanno valutati dopo 3 settimane. È interessante notare che gli esperimenti hanno rivelato che lo zucchero e i dolcificanti artificiali hanno compromesso il funzionamento dei vasi sanguigni. Ma questi svantaggi sono stati raggiunti in diversi modi: sia lo zucchero che i dolcificanti artificiali sembrano presentare effetti negativi legati all’obesità e al diabete, anche se attraverso meccanismi molto diversi l’uno dall’altro. Gli autori concludono che i cambiamenti vascolari osservati possono essere importanti durante l’esordio e la progressione del diabete e dell’obesità. Sia lo zucchero che i dolcificanti artificiali hanno prodotto cambiamenti nei livelli di grassi, amminoacidi e altre sostanze chimiche nel sangue dei ratti. In particolare, i dolcificanti artificiali sembravano cambiare il modo in cui il corpo elabora il grasso e ottiene la sua energia. Inoltre, si è scoperto che il dolcificante acesulfame potassio si accumula lentamente nel corpo. A concentrazioni più elevate, il danno ai vasi sanguigni era più grave.

Un team del Chaim Sheba Medical Center, Tel-Hashomer, Ramat-Gan, invece ha condotto un test di come la saccarina (SAC) o una dieta ad alto contenuto di fruttosio (HFD) possono modificare il metabolismo del glucosio e la sensibilità all’insulina nei ratti. I ratti venivano nutriti con cibo normale, chow con saccarina nella loro acqua, o HFD per sette settimane. I livelli di glucosio, insulina e trigliceridi sono stati misurati al completamento. HOMA-IR è stato utilizzato come test per determinare la resistenza all’insulina. L’espressione dei geni di regolazione del metabolismo del glucosio, SREBP-1c e ChREBP, sono stati considerati markers di insulino-resistenza. Sia HFD che SAC hanno aumentato i livelli di glicemia a digiuno rispetto al controllo. Tuttavia, solo la HFD ha aumentato la secrezione di insulina, i livelli di Tg e l’indice HOMA-IR. I cambiamenti dei trigliceridi nel fegato e l’espressione dei markers è stata significativamente elevata solo nei ratti nutriti con HFD. La saccarina può aumentare la glicemia a digiuno, ma non ha effetti sull’insulino-resistenza epatica.

La domanda a cui tutti noi vogliamo una risposta è che “è più sicuro lo zucchero o il dolcificante?”. Ma, naturalmente, quando si tratta della nostra chimica interna, nulla è dato per scontato. Ancora una volta, sembra che la saggezza sia la migliore scelta da seguire.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Leibowitz A et al., Grossman E. Nutrients. 2018 Mar 12; 10(3). 

Kendig MD, Fu MX et al. Physiol Behav. 2018 May 1; 188:162-172.

Nettleton JE et al. Physiol Behav. 2016 Oct 1; 164(Pt B):488-493.

Kuk JL, Brown RE. Appl Physiol Nutr Metab. 2016 Jul; 41(7):795-98.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it