Home ATTUALITA' & SALUTE COVID-19: dove è giunta la conoscenza di diffusione, prevenzione ed interventi?

COVID-19: dove è giunta la conoscenza di diffusione, prevenzione ed interventi?

Il punto degli sviluppi sul COVID-19

Negli ultimi decenni sono stati fatti diversi tentativi per sviluppare vaccini contro l’infezione da coronavirus umano. Ma il grado di protezione incrociata fornito da tali vaccini è notevolmente limitato a causa dell’ampia diversità nelle varianti antigeniche anche all’interno dei ceppi di un sottogruppo filogenetico. Per quanto riguarda i coronavirus MERS e SARS, non sono disponibili fino ad ora trattamenti antivirali o vaccini specifici autorizzati. Tuttavia, pochi dei progressi compiuti nello sviluppo di vaccini e terapie per SARS-CoV e MERS-CoV potrebbero essere sfruttati per contrastare il COVID-19. Ma dal momento che gli sforzi per progettare e sviluppare qualsiasi vaccino o agente antivirale per affrontare il patogeno del coronavirus attualmente emergente richiederebbero del tempo, quindi fino ad allora dobbiamo fare ampio affidamento sull’applicazione di misure di prevenzione e controllo altamente efficaci per ridurre al minimo il rischio di trasmissione 2019-nCoV e diffuso nella migliore misura possibile.

La maggior parte dei vaccini in fase di sviluppo per i coronavirus ha come obiettivo la glicoproteina Spike o la proteina S. Ciò è principalmente dovuto al fatto che la proteina S è il principale induttore di anticorpi neutralizzanti. Diversi tipi di vaccini e farmaci antivirali basati sulla proteina S sono stati precedentemente valutati. Tra questi, i vaccini a base di proteine ​​S includono vaccini a base di proteine ​​S a lunghezza intera, vaccini a base di vettori virali, vaccini a base di DNA, vaccini a base di proteine ​​S ricombinanti e RBD ricombinanti. Mentre le terapie antivirali a base di proteine ​​S includono bloccanti RBD-ACE2, inibitori della scissione S, bloccanti del nucleo di fusione, anticorpi neutralizzanti, inibitori della proteasi, inibitori della proteina S e piccoli RNA interferenti. Anche se tali opzioni terapeutiche si sono dimostrate efficaci negli studi in vitro, tuttavia la maggior parte di queste non è stata sottoposta a studi randomizzati su animali o umani e quindi sono di uso limitato nel nostro attuale scenario.

Remdesivir è un nuovo profarmaco analogo nucleotidico destinato a essere utilizzato per il trattamento della malattia da virus Ebola. Possiede anche attività anti-coronavirus grazie alla sua azione inibitoria sulla replicazione di SARS-CoV e MERS-CoV. Al momento, si stanno compiendo sforzi per identificare e sviluppare anticorpi monoclonali specifici ed efficaci contro il nuovo coronavirus. La terapia di combinazione con anticorpi monoclonali specifici e remdesivir può essere considerata l’opzione terapeutica ideale per l’attuale COVID-19. È necessaria un’ulteriore valutazione prima di confermare l’efficacia di tale terapia di associazione. Una varietà di diversi approcci terapeutici e di progettazione di vaccini contro i coronavirus sono in fase di esplorazione e devono ancora essere valutati in termini di potenza, efficacia e sicurezza, ma si spera che il processo di valutazione sarà accelerato nei prossimi giorni.

Le vie di diffusione del virus

La via maggiore di contagio col SARS CoV-2 è sicuramente quella aerea. La normale conversazione permette l’emissione dalla bocca di goccioline di vario diametro (droplets e non) che possono girare nell’atmosfera o depositarsi sulle superfici. Se l’uso delle mascherine si capisce, adesso si comprende la necessità di disinfettare le superfici. Dagli studi riportati finora risulta che il tratto gastrointestinale è un altro sito di replicazione di SARS-CoV-2 e facilita la diffusione attraverso le feci. La trasmissibilità del COVID-19 nella comunità è una delle principali preoccupazioni che non può essere ignorata, conoscendo la capacità di altri virus diffondersi di causare la trasmissione per via acquosa per via fecale-orale. In generale, i virus enterici facilitano la trasmissione a una dose infettiva molto bassa (<20 particelle) necessaria per causare la malattia. Finora sono stati riportati cariche basse di SARS-CoV-2 nei campioni di feci. La persistenza dell’RNA virale nelle feci per 33 giorni dopo che il paziente è risultato negativo al test non può essere ignorata.

Il punto su prevenzione e misure di controllo

Considerando il possibile ruolo degli animali nell’infezione COVID-19, l’OMS nei suoi consigli per il pubblico raccomandava di evitare il contatto non protetto sia con gli animali della fattoria che con gli animali selvatici. I mercati di animali vivi, come quello cinese, potrebbero fornire opportunità ai CoV animali di essere trasmessi agli esseri umani e questi mercati possono agire come luoghi critici per l’origine di nuovi patogeni zoonotici e comportare rischi elevati per la salute pubblica durante un’epidemia. L’emergenza patogeni potrebbe essere contrastata optando per sforzi di collaborazione internazionale immediati e tempestivi, sforzi di cooperazione tra i settori della salute umana e animale. Altre misure efficaci includono l’implementazione di strategie efficaci di prevenzione e controllo, comunicazione rapida e networking ed esplorazione dei progressi medico-tecnologici per lo sviluppo diagnostico, il miglioramento della sorveglianza e del monitoraggio delle malattie e l’implementazione di rigorose misure di biosicurezza.

Nell’attuale scenario di assenza di agenti antivirali e vaccini ad azione diretta, la rigorosa attuazione di un’elevata vigilanza per il COVID e appropriate misure di prevenzione e controllo sono della massima importanza per controllare l’ulteriore diffusione e controllo di questo virus. I ricercatori e le autorità (OMS, CDC Atlanta e altri) in tutto il mondo stanno lavorando per combattere l’attuale epidemia COVID in corso, identificando la possibile origine di questo nuovo virus e per progettare e sviluppare vaccini e terapie efficaci. Nel frattempo, la responsabilità di ognuno nell’osservare le disposizioni ministeriali e governative sulle manovre di prevenzione, dovrebbe prevalere sulla superficialità ed egoismo intesi come “normalità”. È dallo scorso marzo che i media martellano la cittadinanza sulle norme preventive per scongiurare una seconda ondata, e nonostante tutto la seconda ondata è diventata una realtà. Non ci sono scusanti per quello che sta succedendo come conseguenza.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.
Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI