HomeBIOMEDICINA & SALUTEArtrite reumatoide: il rischio per certi tumori si abbassa, per altri si...

Artrite reumatoide: il rischio per certi tumori si abbassa, per altri si alza

Rispetto alla popolazione generale, sembra che le persone che vivono con l’artrite reumatoide sono a maggior rischio per vari tipi di cancro. I risultati di una varietà di studi nel corso degli anni hanno rilevato che il rischio complessivo di cancro sembra essere maggiore tra le persone con artrite reumatoide (AR) rispetto a persone senza la malattia. Questi studi hanno anche dimostrato che l’incidenza del cancro potrebbe essere più elevata nei primi anni dopo la diagnosi di AR di un individuo. Gli esperti dicono che questa maggiore suscettibilità nei confronti del cancro ha a che fare con una varietà di fattori, tra cui la genetica, lo stile di vita e quali farmaci vengono usati per trattare l’AR. Vale la pena notare che un maggior rischio di malignità non è l’unico legame tra cancro alla AR. Alcuni farmaci usati per trattare l’AR provocano anche il cancro e viceversa. Secondo le recenti scoperte, anche le persone con AR hanno meno probabilità di avere determinati tipi di cancro. Tuttavia, quando hanno avuto quelle forme di cancro, i sintomi erano spesso peggiori.

Ad esempio, c’è un rischio complessivo ridotto per il cancro al seno e per i tumori gastrointestinali, epatici e del colon tra le persone con AR. Tuttavia, c’è una prospettiva peggiore associata a questi tipi di tumori in questi individui. C’è un tasso di mortalità del 40% più alto tra le persone con AR e cancro al seno, rispetto alle persone con cancro al seno ma senza AR. Ci sono stati altri collegamenti tra cancro e AR. Per le persone con carcinoma a cellule AR e squamose, tumori maligni del sangue, tumori allo stomaco o alla prostata, le loro prospettive e la mortalità erano entrambi peggiori, secondo uno studio pubblicato lo scorso dicembre. Le persone che avevano l’AR e il cancro alla prostata avevano un tasso di mortalità del 50% più alto di quelli che avevano il cancro alla prostata ma non l’AR. Lo studio ha anche osservato che le persone con RA hanno dimostrato di avere un’aumentata incidenza di cancro ai polmoni con una prospettiva peggiore e un rischio notevolmente aumentato per le neoplasie linfoproliferative, tra cui il linfoma di Hodgkin e non-Hodgkin.

Tuttavia, le persone che avevano sia linfoma di AR che non di Hodgkin avevano tassi di sopravvivenza simili a quelli con questo tipo di linfoma all’interno della popolazione generale. Ci sono alcune prove che i farmaci AR possono causare un aumento del rischio di cancro, anche se alcuni dei trattamenti per AR e cancro possono occasionalmente sovrapporsi. Alcuni dati suggeriscono che i farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARD) possono aumentare il rischio di cancro. Più specificamente, sembra che alcuni DMARD tradizionali possano aumentare il rischio di specifici tumori. L’azatioprina è stata associata ad un aumentato rischio di disordini linfoproliferativi e altri tumori maligni in soggetti con AR, mentre la ciclofosfamide sembra aumentare il rischio di neoplasie ematologiche, del tratto urinario e di tumori della vescica, tra gli altri. Alcuni farmaci biologici per via endovenosa o iniettabile avvertono anche di un aumento dei rischi per alcuni tipi di cancro, come i linfomi, quando si elencano gli effetti collaterali.

Questo apparente rischio tra le terapie utilizzate per gestire la AR e il potenziale aumento della neoplasia potrebbe rappresentare una sfida significativa per ricercatori e medici. Le persone con AR hanno un aumentato rischio di linfoma e cancro ai polmoni, rispetto alla popolazione generale. Tuttavia, questo rischio sembra essere correlato ad avere AR stessa, piuttosto che con l’uso di farmaci biologici, come hanno dimostrato studi recenti di grandi dimensioni. Ad esempio, l’AR è associato a un rischio maggiore di raddoppiamento del linfoma. Questo rischio è più alto nei pazienti con attività ad alta malattia e con malattia più grave, incluso il coinvolgimento extra-articolare. La Arthritis Foundation suggerisce che le persone con AR devono essere consapevoli dei fattori di rischio che sono in grado di controllare. Ad esempio, smettere di fumare è importante, dal momento che la AR e la malattia polmonare sono legate a una prevalenza più elevata e con una prospettiva peggiore di mortalità. Dopo tutto, è stato scoperto che le persone con AR che fumano hanno il 40% di probabilità in più di sviluppare il cancro ai polmoni rispetto ai fumatori senza AR.

I ricercatori hanno notato che l’infiammazione cronica può essere un componente chiave di un aumento del rischio di cancro nelle persone con AR. Quindi è importante per le persone valutare i rischi e i benefici quando si sceglie un piano di trattamento per combattere la AR.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Calip GS et al. Int J Cancer. 2020; 147(5):1300-1305. 

Pala O, Diaz A et al. Clin Ther. 2018; 40(6):1034-45.

Klein A, Polliack A et al. Hematol Oncol. 2018 Jun 3.

Calip GS et al. Int J Cancer  2018; 143(5):1062-1071.

Regierer AC et al. Curr Opin Rheum 2018; 30(3):288.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI