Home PREVENZIONE & SALUTE Omega-3 ed infarto: oltre a quelli dal pesce, quelli vegetali fanno da...

Omega-3 ed infarto: oltre a quelli dal pesce, quelli vegetali fanno da spalla di protezione

La malattia coronarica (CAD) è la principale causa di mortalità nel mondo. I progressi nei metodi di riperfusione rapida hanno ridotto la mortalità acuta associata a infarto miocardico (IM); tuttavia, gli eventi cardiovascolari secondari (CV) continuano a rappresentare un fardello significativo oltre il periodo di cure acute per i sopravvissuti a IM. Pertanto, lo sviluppo di strategie per migliorare la prognosi dopo un infarto miocardico è un problema importante negli ambienti clinici e di salute pubblica. Le diete ricche di frutti di mare sono state fortemente associate a un minor rischio di eventi cardiovascolari fatali, in particolare morte cardiaca improvvisa. Il pesce grasso è la principale fonte di acido eicosapentaenoico omega-3 (EPA). Si ritiene che l’aumento della membrana dell’EPA sia alla base della maggior parte degli effetti cardiaci salutari associati al consumo a lungo termine di pesce grasso, oli di pesce e altri prodotti marini.

L’EPA alimentare viene facilmente incorporato nei fosfolipidi delle membrane dei cardiomiociti. La membrana EPA protegge da una varietà di fattori di stress cardiaci. Da notare, l’ischemia cardiaca innesca la scissione degli acidi grassi dalle membrane dei cardiomiociti; questi acidi grassi, come l’acido arachidonico (AA) possono essere convertiti in mediatori lipidici dagli enzimi. L’AA rilasciato genera principalmente eicosanoidi infiammatori che amplificano il danno ischemico del miocardio. Al contrario, l’EPA scisso viene convertito in eicosanoidi antinfiammatori. Questa osservazione ha dato origine all’idea che l’arricchimento EPA nelle membrane cardiache, dovuto al consumo prolungato di pesce grasso o oli di pesce, potrebbe limitare il grado di danno miocardico in caso di infarto miocardico, che è stato ripetutamente confermato in modelli animali

Un team di ricercatori del German Trias i Pujol Hospital and Research Institute (IGTP) e dell’Hospital del Mar Medical Research Institute (IMIM) ha dimostrato che il consumo regolare di alimenti ricchi di acidi grassi omega-3, sia di origine animale che vegetale, rafforza le membrane del cuore e aiuta a migliorare la prognosi in caso di infarto miocardico. Per arrivare a queste conclusioni, hanno utilizzato i dati di 950 pazienti. I livelli di omega-3 nel sangue di questi individui sono stati determinati quando sono stati ricoverati in ospedale per essere trattati per l’attacco di cuore. Questa misurazione indica, in modo molto accurato, quanto di questi grassi i pazienti avevano mangiato nelle settimane precedenti il ​​prelievo, in altre parole, prima dell’attacco cardiaco.

I pazienti sono stati monitorati per tre anni dopo essere stati dimessi ei ricercatori hanno osservato che avere alti livelli di omega-3 nel sangue al momento dell’infarto, che erano stati consumati nelle settimane precedenti l’attacco cardiaco, era associato a un minor rischio di complicanze. La principale novità di questo studio è che si è concentrato anche su un altro acido grasso omega-3, di origine vegetale, noto come acido alfa-linolenico (ALA). Questo grasso, che si trova nelle noci, nella soia e nei loro derivati, è molto meno studiato degli omega-3 marini. I ricercatori hanno osservato che EPA e ALA non competono, ma sono complementari l’uno all’altro. Mentre alti livelli di EPA sono associati a un minor rischio di riammissione ospedaliera per cause cardiovascolari, livelli più elevati di ALA sono associati a un ridotto rischio di morte.

L’idea che l’EPA circolante possa essere correlata a una prognosi migliore dopo IM è stata studiata solo nelle popolazioni del Giappone e della Spagna, due paesi con bassi tassi paradossali di CAD fatale, nonostante l’alta prevalenza di fattori di rischio CV. I tassi di CAD fatali inferiori al previsto in questi paesi potrebbero essere attribuibili, in parte, a fattori dietetici regionali. Questa ipotesi è stata supportata dal fatto che gli immigrati giapponesi negli Stati Uniti, hanno mostrato un aumento della mortalità per CAD dopo aver adottato abitudini alimentari locali. Una caratteristica comune delle diete giapponesi e spagnole che potrebbe in parte spiegare questo paradosso è l’elevato apporto dietetico di EPA. La ricerca è importante perché mette in evidenza gli effetti complementari (e non competitivi) dei due tipi di omega-3.

I risultati dello studio sono stati appena pubblicati sul prestigioso Journal of the American College of Cardiology.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lázaro I et al. J Amer College Cardiol. 2020 Oct; 76(18):2089-97.

Tsoupras A, Lordan R et al. Biomolecules. 2020 Jul; 10(7):1075.

Pertiwi K et al. Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2019; 29(4):343-350.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI