HomeBENESSERE & SALUTEMicrobiota ed asma: chi vive in fattoria si rafforza e cresce meglio...

Microbiota ed asma: chi vive in fattoria si rafforza e cresce meglio che in città

L’asma colpisce milioni di bambini già in giovane età. Siamo nati con un ambiente pieno di piccoli organismi chiamati microbiota. Entro i primi minuti e le prime ore della nostra vita, iniziano a stimolare ma anche a educare il nostro sistema immunitario. Il più grande organo immunitario è il nostro intestino, dove la maturazione del sistema immunitario e la maturazione dei batteri colonizzatori, il microbioma intestinale, vanno di pari passo. Dopo profonde perturbazioni nel primo anno di vita, il processo di maturazione, la composizione del microbioma intestinale si stabilizza gradualmente e ci accompagna per la nostra vita. I bambini che crescono in una fattoria hanno un rischio inferiore di sviluppare l’asma rispetto ai bambini che non vivono in una fattoria. I meccanismi alla base di questo effetto protettivo della fattoria sull’asma infantile sono in gran parte sconosciuti. Un gruppo di ricercatori dell’Helmholtz Zentrum München e dell’ospedale pediatrico von Hauner dell’Università Ludwig Maximilians di Monaco ha chiarito in che modo il microbioma intestinale dei bambini è coinvolto nel processo di protezione. Precedenti ricerche del gruppo hanno mostrato un effetto protettivo contro l’asma da parte di un microbioma ambientale diversificato, particolarmente pronunciato nei bambini abitanti fattorie.

La domanda ora era se questo effetto potesse essere attribuito al processo di maturazione del microbioma intestinale precoce. La vita in fattoria sembra aumentare la maturazione del microbioma intestinale nei bambini. I ricercatori hanno analizzato campioni fecali di oltre 700 neonati in parte cresciuti in fattorie tradizionali di età compresa tra 2 e 12 mesi che hanno preso parte a PASTURE, una coorte europea, che funziona da quasi 20 anni con finanziamenti della Commissione europea. Hanno scoperto che una parte relativamente ampia dell’effetto protettivo della fattoria sull’asma infantile era mediato dalla maturazione del microbioma intestinale nel primo anno di vita. Ciò suggerisce che i bambini della fattoria sono in contatto con fattori ambientali possibilmente microbici che interagiscono con il microbioma intestinale e dànno questo effetto protettivo. I ricercatori hanno anticipato gli effetti della nutrizione sulla maturazione del microbioma intestinale, ma sono rimasti sorpresi di trovare forti effetti delle esposizioni legate all’allevamento, come i soggiorni nelle stalle degli animali. Ciò sottolinea l’importanza dell’ambiente per l’effetto protettivo. Inoltre, il parto vaginale e l’allattamento al seno hanno favorito un microbioma protettivo nei primi due mesi di vita.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto un’associazione inversa dell’asma con il livello misurato di butirrato fecale. Il butirrato è un acido grasso a catena corta che è noto per avere un effetto protettivo contro l’asma nei topi. I ricercatori hanno concluso che i batteri intestinali come Roseburia e Coprococcus con il potenziale di produrre acidi grassi a catena corta possono contribuire alla protezione dell’asma anche negli esseri umani. I bambini con un microbioma intestinale maturo hanno mostrato una quantità maggiore di questi batteri rispetto ad altri bambini. I ricercatori hanno dimostrato che l’effetto protettivo dell’asma non dipende da un solo batterio, ma dalla maturazione dell’intero microbioma intestinale. Questa scoperta mette in dubbio l’approccio dell’utilizzo di singoli batteri come probiotici per la prevenzione dell’asma. I probiotici dovrebbero piuttosto essere testati per quanto riguarda il loro effetto prolungato sulla struttura compositiva del microbioma intestinale e la sua maturazione all’inizio della vita. Gli aspetti nutrizionali analizzati in questo studio possono servire per strategie di prevenzione come il consumo di latte vaccino. Il latte crudo non trasformato, tuttavia, non può essere raccomandato a causa del rischio di infezioni potenzialmente letali come da Escherichia coli.

Il dottor Markus Ege, professore di epidemiologia clinico-respiratoria presso l’ospedale pediatrico von Hauner, ha commentato: “Il nostro studio fornisce ulteriori prove che l’intestino può avere un’influenza sulla salute del polmone. Un microbioma intestinale maturo con un livello elevato di acidi grassi a catena corta ha avuto un effetto protettivo sulla salute respiratoria dei bambini in questo studio. Ciò suggerisce l’idea di un asse intestino-polmone rilevante negli esseri umani. Ciò significa anche, tuttavia, che un microbioma intestinale immaturo può contribuire allo sviluppo di malattie. Ciò sottolinea la necessità di strategie di prevenzione nel primo anno di vita, quando il microbioma intestinale è altamente plastico e suscettibile di modifiche”. Gli scienziati del von Hauner Children’s Hospital stanno attualmente conducendo una sperimentazione clinica sugli effetti del latte minimamente lavorato ma microbiologicamente sicuro per la prevenzione dell’asma e delle allergie (studio MARTHA).

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Depner M, Taft DH et al. Nature Medicine 2020 Nov 2.

Kirjavainen PV et al. Nat Med.2019 Aug; 25(8):1319.

Boutin S et al. Mediat Inflamm 2017; 2017:5047403.

Birzele LT, Depner M et al. Allergy 2017; 72(1):109. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI