Home PSICHE & SALUTE Psicologia delle cospirazioni: cosa porta le persone a credere alle teorie complottistiche?

Psicologia delle cospirazioni: cosa porta le persone a credere alle teorie complottistiche?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la diffusione di false informazioni sul coronavirus (COVID-19) “un’infodemia” e i risultati sono ampiamente visibili in tutta la società. Il rifiuto di alcune persone di indossare una maschera o di allontanarsi socialmente, o di mettersi in quarantena quando sono esposti al virus, è spesso motivato da false informazioni o teorie del complotto che sono popolari sui social media. Allora cosa devono fare i funzionari della sanità pubblica? In un paio di studi recentemente pubblicati, i ricercatori dell’Università del Delaware hanno gettato nuova luce sullo stigma, sugli stereotipi e sulle teorie del complotto che si sono diffusi insieme al nuovo coronavirus. In definitiva, più la disinformazione è evidente, più difficile sarà per le comunità tenere sotto controllo la pandemia.

Il primo studio, “Anticipated Stigma, Stereotypes, and COVID-19 Testing”, apparso sulla rivista Stigma and Health, suggerisce che gli stereotipi e lo stigma previsto possono essere ostacoli agli sforzi di test COVID-19. I risultati, ha detto Earnshaw, sono molto simili a studi precedenti sullo stigma dell’HIV e dell’Ebola. Gli scienziati sanno dagli studi sulla malattia mentale e sull’HIV che lo stigma impedirà alle persone di fare i test. E gli stereotipi sono un modo in cui le persone sperimentano lo stigma. Gli stereotipi sono il modo in cui lo stigma entra nelle nostre teste e plasma le nostre opinioni. Gli stereotipi aiutano le persone a sentirsi al sicuro. Gli stereotipi aiutano le persone a credere che coloro che contraggono il COVID, o l’HIV, siano diversi da loro o stiano facendo la cosa sbagliata. Gli stereotipi a volte possono dare alle persone una falsa coperta di sicurezza.

I partecipanti che prevedevano più stigma e quelli che sostenevano stereotipi più dannosi, hanno riferito che avrebbero avuto meno probabilità di essere testati per COVID-19. Al contrario, i partecipanti che hanno dimostrato una maggiore conoscenza di COVID-19 hanno riferito che sarebbero stati più propensi a fare il test”. Un secondo studio, apparso sulla rivista Translational Behavioral Medicine, ha rilevato che un terzo dei partecipanti credeva in una o più cospirazioni su COVID-19, e i risultati suggeriscono che credere nelle teorie del complotto rende una persona meno propensa a sostenere le politiche di salute pubblica, progettate per rallentare la diffusione del virus. I partecipanti che credevano nelle teorie del complotto hanno affermato che avevano meno probabilità (4 volte) di essere vaccinati e si fidavano di meno degli esperti di salute pubblica. 

I risultati di entrambi gli studi derivano da un sondaggio online condotto su 845 adulti statunitensi condotto nell’aprile 2020. Il sondaggio è stato pubblicato su Amazon Mechanical Turk, un mercato di crowdsourcing che i ricercatori utilizzano per raccogliere dati rapidi e di alta qualità per studi psicologici. Nonostante la prevalenza di disinformazione, entrambi gli studi suggeriscono che le persone si fidano del loro medico personale, indipendentemente dalle loro convinzioni sulla cospirazione. Nel primo studio, la maggior parte dei partecipanti ha convenuto che sarebbero stati sottoposti a test se ordinato dal proprio medico. Nel secondo studio, oltre il 90% ha affermato di fidarsi delle informazioni su COVID-19 fornite dal proprio medico.

Valerie Earnshaw, professore associato del Dipartimento di Sviluppo Umano e Scienze familiari del Delaware, e autrice principale di entrambi gli studi, ha spiegato: “Comprendere l’impatto della disinformazione è importante per identificare potenziali ostacoli agli sforzi di salute pubblica per combattere il virus. Le prove suggeriscono che le persone sono più propense a credere alle teorie del complotto quando si sentono ansiose, impotenti e incapaci di controllare i loro risultati, così come in tempi di crisi e di fronte a eventi su larga scala con gravi conseguenze. Pandemie come COVID-19 sono contesti potenti in cui gli individui possono rivolgersi a teorie del complotto, nel tentativo di ripristinare sentimenti di sicurezza e controllo. I medici sono fonti altamente affidabili di possono quindi svolgere un ruolo di primo piano nella lotta alla disinformazione perché anche le persone che credono alle teorie del complotto credono ancora alle informazioni su COVID dai loro medici”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Earnshaw VA et al. Transl Behav Med. 2020; 10(4):850-856.

Eaton LA, Allen A et al. J Behav Med. 2020 Feb; 43(1):34-43. 

Earnshaw VA et al. J Health Psychol. 2019; 24(2):219–228.

Stangl AL, Earnshaw VA et al. BMC Med 2019 Feb; 17(1):31. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI