Home ALIMENTAZIONE & SALUTE Paleo-dieta: in menopausa fa mantenere il peso costante

Paleo-dieta: in menopausa fa mantenere il peso costante

Le donne in postmenopausa hanno un aumentato rischio di obesità, ad esempio a causa della riduzione della produzione di estrogeni in combinazione con un apporto energetico elevato e una ridotta attività fisica. È noto che persino l’avvicinarsi della menopausa (la cosiddetta pre-menopausa) altera il metabolismo e predispone al declino delle funzioni organiche. Con l’aggiungersi della sedentarietà e la diminuzione delle forze fisiche, la tendenza al sovrappeso e all’obesità franca non è un fenomeno così raro. Le donne in sovrappeso dopo la menopausa che mangiano una dieta paleolitica (Paleo-dieta) possono però mantenere la perdita di peso a lungo termine. Anche i livelli dei fattori di rischio del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari diminuiscono. Questo secondo degli studi pubblicati da un gruppo di ricerca dell’Università Umeå in Svezia.

La dieta paleolitica è caratterizzata da un elevato apporto di proteine ​​e grassi insaturi e ha un basso indice glicemico. La dieta consiste principalmente di verdure, carni magre, pesce, pollame, uova, crostacei, semi, noci, oli e frutta. La più grande differenza delle raccomandazioni di nutrizione nordica è che la dieta paleolitica esclude cereali, latte, zuccheri raffinati e sale aggiunto. I risultati non sono indifferenti: nonostante il fatto che le donne regnino liberamente per un consumo illimitato, la perdita di peso è rimasta stabile dopo due anni. Un fatto più significativo della perdita di peso è stato l’evidente miglioramento dei livelli di grasso nel sangue e dei markers dell’infiammazione. I ricercatori hanno trovato questi risultati seguendo per due anni un gruppo di 70 donne in postmenopausa, con un indice di massa corporea (BMI) superiore a 27, cioè donne sovrappeso dopo la menopausa.

La metà delle donne seguiva una dieta secondo le raccomandazioni di nutrizione nordica, mentre l’altra metà seguiva una dieta paleolitica. Nessuno dei due gruppi aveva restrizioni specifiche nella quantità che era loro concesso di consumare, le restrizioni ruotavano esclusivamente attorno alla composizione della dieta. Il follow up si è svolto dopo sei mesi e nuovamente dopo due anni. I risultati mostrano che entrambi i gruppi hanno perso peso. Le donne che avevano mantenuto una dieta paleolitica in media sono scese da 87 a 78 chili, a fronte di un calo da 86 a 80 chili per il gruppo che ha seguito le raccomandazioni di nutrizione nordica. La perdita di peso in entrambi i gruppi dietetici ha anche contribuito a ridurre l’infiammazione sia nel tessuto adiposo che nella circolazione. Le donne che seguivano la dieta paleolitica avevano una significativa riduzione del grasso addominale.

In particolare, si possono osservare livelli ridotti di alcuni acidi grassi e trigliceridi ematici, che è importante per lo sviluppo del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari. Si potrebbe anche vedere che gli enzimi coinvolti nella conservazione del grasso erano meno attivi nel gruppo che avevano aderito alla dieta Paleo. In conclusione, lo studio dimostra che la dieta paleolitica con un’alta percentuale di grassi insaturi (tipo omega-3) era più salutare per questo gruppo di donne, anche se le raccomandazioni sulla nutrizione nordica avevano anche effetti positivi sulla salute. L’ennesimo “schiaffo morale” del mangiar sano alla dieta occidentale.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Blomquist C et al. Eur J Nutr. 2018; 57(8):2877-2886.

Blomquist C et al. Obesity 2017 May; 25(5):892-900.

Otten J et al.  Int J Obes (Lond). 2016; 40(5):747-53. 

Stomby A et al. Int J Obes (Lond). 2015; 39(5):814-19. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI