Home ALIMENTAZIONE & SALUTE Burro a tavola: quanto se ne può mangiare e se fa bene

Burro a tavola: quanto se ne può mangiare e se fa bene

In che modo il burro influisce sul colesterolo?

Il burro contiene grassi saturi e trans, entrambi i quali possono aumentare il colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL) o “colesterolo cattivo” nel sangue di una persona. Un cucchiaio di burro non salato contiene 31 milligrammi (mg) di colesterolo e 7,2 grammi (g) di grassi saturi. La maggior parte del grasso saturo nella nostra dieta proviene da prodotti animali, tra cui carne rossa, uova e latticini. Questi alimenti contengono anche colesterolo. Molte persone credono che mangiare molto colesterolo aumenti direttamente il livello di colesterolo nel sangue. Tuttavia, le linee guida dietetiche USDA del 2015 dicono che ci sono poche prove per un legame tra livelli di colesterolo e colesterolo nel sangue. L’American Heart Association (AHA) raccomanda che chiunque abbia intenzione di abbassare il colesterolo LDL non dovrebbe ottenere più del 5-6% del suo apporto calorico totale da grassi saturi. Con una dieta da 2.000 calorie, ciò equivale a 11-13 g di grassi saturi al giorno. Pertanto, due cucchiai di burro forniscono più grassi saturi di quanto la maggior parte delle persone dovrebbe consumare quotidianamente. Mangiare tanti di grassi saturi può aumentare il livello di colesterolo LDL di una persona.

Poiché il burro contiene un sacco di grassi saturi, le persone con colesterolo alto dovrebbero essere consapevoli di quanto consumano ogni giorno. Tuttavia, una revisione dei documenti del 2014 suggerisce che le persone dovrebbero concentrarsi sul mantenimento di un rapporto favorevole tra i livelli di LDL e HDL. Gli autori affermano che potrebbe non esserci un forte legame tra il consumo di grassi saturi di una persona e il rischio di malattie cardiache o ictus. Nonostante questo, l’AHA raccomanda ancora che le persone con colesterolo alto controllino il loro consumo di burro. Suggeriscono di sostituirlo con alternative grasse sane come avocado e olio d’oliva. Il colesterolo alto può non produrre sempre sintomi evidenti. Pertanto, alcune persone potrebbero aver bisogno di un esame del sangue per verificarne i livelli con le analisi del sangue. È essenziale monitorare il colesterolo nel sangue poiché alti livelli possono portare a una condizione chiamata aterosclerosi. L’aterosclerosi può causare i seguenti problemi: arterie indurite, infarto, ictus, arteriopatia periferica e malattie renali.

Colesterolo e stile di vita
Mentre molte persone usano i farmaci a seguito di una diagnosi di colesterolo alto, le seguenti modifiche allo stile di vita possono anche aiutare:
• mangiare molti cibi sani, come cereali integrali fibrosi, grassi sani e cibi ricchi di acidi grassi omega-3
• limitare l’assunzione di oli parzialmente idrogenati, cibi fritti e alimenti contenenti grassi trans
• mangiare molta frutta e verdura
• sostituzione di carni grasse con carni magre, come tacchino, pollo e pesce
• includere fonti vegetali fibrose e ricche di proteine, tra cui lenticchie e fagioli, nella dieta
• esercizio fisico per almeno 30 minuti ogni giorno
• limitare l’assunzione di alcolici e smettere di fumare
• cercare di mantenere un peso sano.

Conclusioni
Gli oli ad alto contenuto di grassi insaturi ma a basso contenuto di grassi saturi e trans sono sostituti del burro per il cuore. Questi includono oli di avocado, oliva e girasole. Alcune persone usano la margarina al posto del burro, ma ci sono prove contrastanti riguardo a questa sostituzione. La margarina usa l’olio vegetale, quindi contiene spesso meno grassi saturi rispetto al burro, che contiene grassi a base animale. Tuttavia, la margarina dura può anche contenere grassi saturi e trans, quindi è meglio controllare le etichette nutrizionali. Se una persona ha il colesterolo alto, può chiedere al proprio medico di usare gli steroli a base naturale, che possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo. L’obiettivo dovrebbe essere quello di limitare il più possibile l’assunzione di grassi saturi e trans. Alcune persone con colesterolo alto possono aver bisogno di farmaci, ma i medici di solito raccomandano sempre questi cambiamenti dietetici aggiuntivi, principalmente cucinando con oli salutari, come olio di oliva, avocado o girasole; e usando yogurt invece di burro, panna o panna acida.

Curiosità e novità

Il burro, sebbene in piccole quantità, contiene trigliceridi composti da acido butirrico (tributirrina). Cento grammi di burro possiedono in media l’1% di tributirrina. Dopo idrolisi, si libera acido butirrico, che è un metabolita usato come carburante energetico dalle mucose intestinali, soprattutto del colon. Esso viene prodotto da alcune specie batteriche del microbiota intestinale per fermentazione delle fibre vegetali, solubili o insolubili. Oltre ad agire sulle cellule della mucosa, regola anche quelle immunitarie locali. Si ipotizza che la sua carenza sia responsabile della comparsa di disturbi intestinali come la malattia di Crohn e il cancro del colon-retto. Esistono in commercio da pochi anni integratori a base di acido butirrico che vengono somministrati in caso di malattia di Crohn.

Molte persone ritengono che non si debba mangiare il buro, dunque, perché può rappresentare un pericolo per la salute a causa dei trigliceridi e del colesterolo presenti, un po’ come usare latte scremato e non intero o parzialmente scremato per evitare di assumere troppi grassi. Quello che non è noto a molti è che mentre la parte liquida del latte contiene le vitamine idrosolubili, i suoi grassi contengono quelle solubili nei grassi (carotene e carotenoidi, vitamina A e tracce di vitamina D e vitamina E). Lo stesso dicasi per il burro, che ovviamente è un concentrato di queste vitamine. Sarebbe più opportuno, perciò, far più chiarezza su questi princìpi alimentari. Senza contare che la dieta chetogenica che adesso va così tanto di moda per dimagrire, incorpora proprio il burro nella sua lista.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com

ARTICOLI PIU' LETTI