HomeBIOMEDICINA & SALUTEInfluenza degli estrogeni sulle strutture articolari: quali opportunità cliniche per la menopausa?

Influenza degli estrogeni sulle strutture articolari: quali opportunità cliniche per la menopausa?

Più di 200 milioni di persone nel mondo soffrono di artrosi del ginocchio. La malattia degenerativa delle articolazioni, spesso causata dall’usura, è una delle principali cause di disabilità negli Stati Uniti. Parzialmente innescata da una rottura della fibrocartilagine tra le ossa dell’articolazione del ginocchio come il menisco, l’osteoartrite provoca dolore, rigidità e minor range di movimento. Il menisco è composto da cartilagine fibrosa nota come fibrocartilagine – un tessuto intermedio tra tessuto duro come tessuto osseo e tessuto molle come la cartilagine. Ha proprietà regionali in tutto il disco, compresi i cambiamenti nei tipi di cellule e nell’ambiente in cui vivono le cellule. Alcune regioni sono più vicine all’osso e alcune sono più vicine alla cartilagine morbida. Il menisco ha una struttura meccanica complessa, con alcune regioni difficili e altre più simili ai tessuti molli; queste aree sono state soprannominate “microambienti”. In generale, le donne sembrano sperimentare più degli uomini una predisposizione per l’artrosi, e si pensa sia che gli estrogeni possano giocare un ruolo nella salute del menisco sia poterli usare potenzialmente come terapia rigenerativa.

Il modo più semplice per pensarci è quando si perdono gli estrogeni nella post-menopausa e si hanno maggiori possibilità di osteoartrite. Le possibilità di recupero da una lesione al menisco dipendono da quale regione subisce danni. Ci sono diversi modi per danneggiare il menisco. A seconda della posizione e della gravità dello strappo, la riparazione è limitata. La parte del tessuto che è come la cartilagine non ha vasi sanguigni. La maggior parte dei tessuti che sono senza capillari sanguigni (avascolare), non ricevono i nutrienti e l’ossigeno necessari per rigenerare. In genere, una lesione nella regione avascolare non guarisce. Quindi, gli scienziati stanno cercando di scoprire come promuovere la rigenerazione in questa regione. Usando entrambi gli studi in vitro e in vivo, i ricercatori sperano di determinare in che modo gli estrogeni agiscono sui cambiamenti trascrizionali dei fibro-condrociti meniscali, sul tipo di cellule, sulla produzione di matrice extracellulare e sulla risposta ai segnali meccanici. Sono in corso studi per testare i trattamenti con estrogeni da soli e in combinazione con le modifiche al microambiente nei modelli 2D e 3D.

L’obiettivo della scienza di base è di sviluppare terapie mirate basate sugli estrogeni per curare le persone che altrimenti patirebbero l’artrosi per il resto della loro vita. L’obiettivo quindi è quello di creare un materiale standard, specifico per sesso ed età, che un chirurgo possa impiantare nel ginocchio anziché dopo una meniscectomia. In collaborazione con la chirurgia standard, in qualcosa che potremmo iniettare nel ginocchio e che interagirebbe con i tessuti, fornire supporto e dare segnali per la riparazione. A seconda dello stato quando si ha questo trattamento, questa terapia potrebbe inibire l’artrosi quando sei giovane o, se già hai l’osteoartrite, ridurre il tasso di ulteriore degenerazione. Secondo i ricercatori, i risultati del suo studio sul menisco potrebbero influenzare trattamenti futuri per parti del corpo oltre l’articolazione del ginocchio. In fondo, quello che si trova nel menisco è lo stesso tessuto di altre articolazioni tra cui la spalla, i dischi spinali o la spalla. E dagli effetti sul menisco si passa a quelli sulla cartilagine vera e propria. C’è un dibattito in corso sulla relazione tra osteoartrosi del ginocchio e terapia ormonale (HT), con studi su piccola scala che forniscono risultati misti.

Uno studio molto recente su larga scala in Corea mostra che le donne che hanno assunto terapia sostitutiva HT avevano una prevalenza significativamente inferiore dell’osteoartrosi del ginocchio sintomatica rispetto alle donne che non assumevano ormoni. I risultati degli studi sono pubblicati su Menopause, la rivista della North American Menopause Society (NAMS). Poiché gli estrogeni hanno un effetto antinfiammatorio ad alte concentrazioni, è stato ipotizzato che i cambiamenti ormonali nelle donne, in particolare la diminuzione dei livelli di estrogeni, può portare ad un aumento dell’osteoartrosi dopo la menopausa. Poiché il ginocchio è l’articolazione più sollecitata e quindi quella più comunemente colpita, l’artrosi del ginocchio è stata al centro di numerosi studi relativi all’efficacia dell’HT. I trattamenti più comuni per l’osteoartrite del ginocchio comprendono la chirurgia o farmaci anti-infiammatori (FANS), entrambi associati a rischi ed effetti collaterali. Diversi piccoli studi hanno dimostrato che l’HT non solo riduce i cambiamenti istologici nella cartilagine coinvolta nell’osteoartrite, ma riduce anche il dolore cronico. Ad oggi, tuttavia, nessuno studio su larga scala ha esaminato l’osteoartrite del ginocchio sintomatica e l’HT. Questo ultimo studio coreano si basa sui dati di quasi 4.800 donne in menopausa; ed ha concluso che la prevalenza dell’osteoartrosi del ginocchio era significativamente più bassa nei partecipanti che utilizzavano HT rispetto a quelli che non assumevano ormoni.

Gli autori hanno notato, tuttavia, che ulteriori ricerche sono giustificate per adeguarsi a tali altre variabili come l’età, lo stato diabetico e l’indice di massa corporea. Ci sarebbe, infine, da considerare la possibilità di utilizzare modalità “estrogeniche complementari” ovvero di derivazione naturale da impiegare nel trattamento dell’osteoartrosi. Da diversi decenni gli integratori a base di soia, trifoglio, salvia ed altre piante ad azione estrogenica sono impiegati nella gestione dei sintomi menopausali. Anche l’osteoporosi e l’osteoartrosi sono potenziali conseguenze della carenza di estrogeni dopo la menopausa. Quindi, c’è chi ha avanzato la proposta che gli stessi integratori possano essere assunti di complemento da donne che hanno una di queste due condizioni o entrambe. Il razionale è rafforzato anche dalle decine di pubblicazioni sperimentali in vitro ed in vivo che provano come estratti di soia o suoi polifenoli (genisteina, daidzeina, ecc.) hanno effetto protettivo sulle cartilagini in modo simile agli ormoni femminili. Il principio di fondo non è sbagliato, dunque; attende solamente corpose conferme cliniche controllate.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Toda T et al. J Food Sci Technol. 2020; 57(9):3409-14.

Xu X et al. Med Sci Monit. 2019 Apr 29; 25:3146-3153.

Jung JH et al. Menopause 2018 Dec 21; 26(6):598-602. 

Lai WC et al. Skeletal Radiol. 2018; 47(12):1635-1640. 

Jin X et al. Osteoarthritis Cartilage 2017; 25(7):1100-06. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI