HomeALIMENTAZIONE & SALUTESalute a tavola: cos'è la dieta senza lectine?

Salute a tavola: cos’è la dieta senza lectine?

Introduzione

Prove di lunga data suggeriscono che il consumo di una dieta ricca di alimenti a base vegetale svolge un ruolo significativo nella prevenzione e nella riduzione delle malattie croniche, come malattie cardiovascolari, cancro, ictus, demenza, diabete, cataratta e altre. Modelli dietetici ben studiati tra cui il Mediterraneo, gli approcci dietetici per fermare l’ipertensione (DASH), i vegani e i vegetariani, così come la dieta dei cacciatori-raccoglitori (Paleolitico), tutti forniscono ampie quantità di cibi integrali in una certa capacità, tra cui frutta, verdura, noci, legumi e / o cereali integrali. Sebbene aspetti specifici di questi schemi alimentari possano differire, tutti incoraggiano una varietà di cibi vegetali ricchi di nutrienti e non trasformati e un consumo ridotto di cereali trasformati, zuccheri aggiunti e sale a tavola.

Gli alimenti a base vegetale, oltre a micro e macronutrienti, contengono concentrazioni significative di composti vegetali bioattivi. La ricerca dimostra che la riduzione del rischio di malattie croniche può essere attribuita agli effetti sinergici di questi fitochimici anti-infiammatori, tra cui una serie infinita di polifenoli, alcaloidi, carotenoidi, composti organosolforici, terpenoidi e fitosteroli. A causa delle diverse e complesse interazioni di vitamine, minerali e sostanze fitochimiche in un singolo alimento, gli effetti sulla salute di un alimento intero o di una combinazione di alimenti saranno probabilmente significativamente diversi da quelli dei composti isolati.

Per complicare ulteriormente la ricerca, l’interazione di sostanze fitochimiche e microbiota all’interno dell’ambiente intestinale potrebbe alterare sia la biodisponibilità che gli effetti biologici. Più di recente, varie ricerche hanno messo in dubbio la salubrità degli alimenti vegetali a causa della presenza di alcuni composti, chiamati “anti-nutrienti”. Si ritiene che questi presunti antinutrienti, che includono lectine, ossalati, fitati, fitoestrogeni e tannini, limitino la biodisponibilità dei nutrienti chiave, mentre altri studi concludono che possono avere effetti di promozione della salute.

Cosa sono le lectine?

Le lectine sono proteine ​​nelle piante che gli studi hanno collegato a effetti sulla salute sia positivi che negativi. Alcuni esperti hanno proposto l’idea che una dieta priva di lectine possa giovare alla salute, ma la ricerca disponibile non supporta questa affermazione. Alcuni alimenti a base vegetale – come fagioli e legumi, cereali integrali e alcune verdure – contengono un’elevata quantità di lectine. Le lectine hanno alcuni legami con l’infiammazione e i ricercatori hanno studiato escludendole per gestire specifici problemi di salute, come la sclerosi multipla (SM). Le lectine sono un tipo di proteina che, nell’uomo, può favorire lo sviluppo cellulare e supportare la comunicazione tra le cellule. Inoltre svolgono un ruolo nella risposta immunitaria umana. Esistono diversi tipi di lectine. Le lectine possono avere un impatto sulla salute in molti modi, dalla digestione al rischio di malattie croniche. La ricerca ha anche dimostrato che causano aggregazione nei globuli rossi. La ricerca non supporta attualmente nessuno dei presunti benefici per la salute della dieta priva di lectina. Alcuni medici classificano le lectine come anti-nutrienti, poiché bloccano l’assorbimento di alcuni nutrienti.

Il tipo di lectina presente nei fagioli rossi si chiama fito-emagglutinina (PHA). È responsabile dell’avvelenamento da fagioli rossi, che deriva dal consumo di fagioli crudi o poco cotti. Secondo la Food and Drug Administration (FDA), consumare solo quattro fagioli crudi potrebbe causare sintomi come nausea grave, vomito e diarrea. Se una persona ha deficit di enzimi digestivi, il consumo di lectine in eccesso può portare a carenze nutrizionali e problemi digestivi. Questo perché il corpo non può abbattere le lectine. Invece, si legano ai nutrienti e alle cellule che rivestono il tratto gastrointestinale. Tuttavia, le lectine si attaccano spesso ai carboidrati e lasciano il corpo prima che possano causare effetti dannosi. Questa azione sui carboidrati ha portato ad alcuni studi di laboratorio che suggeriscono che le lectine potrebbero influenzare la crescita delle cellule tumorali. Invero, alcuni anni fa, la ricerca ha provato che alcune lectine si legano ai recettori dell’insulina e del fattore di crescita EGF, bloccandoli. Anche i nutrienti che accompagnano le lectine negli alimenti a base vegetale sono essenziali e rimuoverli dalla dieta può avere conseguenze dannose.

Proprietà delle lectine

Sebbene le lectine siano abbastanza resistenti alla digestione enzimatica nel tratto gastrointestinale, possono essere rimosse dagli alimenti mediante vari processi. Ad esempio, l’ammollo, la sterilizzazione in autoclave e l’ebollizione causano una denaturazione irreversibile della lectina. La bollitura dei legumi per un’ora a 95 °C ha ridotto l’attività emoagglutinante del 94–99,8%. Anche l’ebollizione dei fagioli rossi e bianchi, notoriamente ricchi di fitoemoggluttinina (PHA), porta alla completa eliminazione delle lectine. I forni a microonde, invece, non sono un metodo efficace per la disattivazione della lectina. Sebbene il microonde distrugge le emoagglutinine nella maggior parte dei semi di legumi, non influenza in modo significativo le lectine nei fagioli comuni. Inoltre, è stato dimostrato che la fermentazione oltre le 72 ore distrugge quasi tutte le lectine nelle lenticchie (Lens culinaris)

La dieta lectin-free

Il Dr. Steven Gundry ha coniato il termine “dieta priva di lectina”. Il dottor Gundry è un ex cardiochirurgo che ha spostato la sua attenzione sul cibo e sui medicinali a base di integratori. Descrive le lectine come il principale pericolo nella dieta occidentale. Ha quindi scritto un libro che fornisce informazioni su come evitare le lectine, le scelte alimentari alternative e le ricette. Secondo il libro, il piano del Dr. Gundry aiuta le persone a migliorare la loro salute e ridurre il loro peso corporeo. Tuttavia, nessuna prova supporta l’esclusione delle lectine dalla dieta al di fuori di una dieta specifica. Per la maggior parte delle persone, i benefici per la salute di una dieta priva di lectina non sono chiari. Tuttavia, rimuovere le lectine dalla dieta si è rivelato utile per gruppi di persone con condizioni specifiche. Ad esempio, una revisione degli studi del 2019 ha evidenziato che una dieta priva di lectine può apportare benefici alle persone con malattia di Crohn e sclerosi multipla. Tuttavia, la ricerca non ha ancora confermato i suoi benefici per la popolazione più ampia. Inoltre, la dieta priva di lectina è un piano restrittivo, che può rendere difficile per alcune persone seguirlo a lungo termine. Il piano limita o elimina anche molti alimenti nutrienti, come fagioli e determinate verdure.

La dieta priva di lectine ha delle somiglianze di principio con un altro stile alimentare che risale a due decenni fa, chiamato la “dieta del gruppo sanguigno”. Promossa dal medico americano Peter d’Adamo ed in Italia dal Dr. Mozzi, questo protocollo alimentare riconosce il principio per cui ogni proteina vegetale ed animale si comporta da “lectina” a secondo del gruppo sanguigno di chi ingerisce. Questo perché ci sarebbe una mimesi molecolare fra certe proteine alimentari e le lectine vere: molte lectine sono proteine con catene di carboidrati (glicoproteine), come lo sono anche gli antigeni dei globuli rossi (A, B, AB e 0). Così come le lectine agglutinano i globuli rossi, anche i frammenti proteici digestivi potrebbero fare lo stesso e interagendo con gli antigeni dei globuli rossi, e causare aggregazione. Nella dieta del gruppo sanguigno, molta enfasi viene data alla capacità che le lectine o le proteine “dannose” al gruppo, avrebbero sul fenomeno dell’insulino-resistenza. Ovvero, proteine o loro frammenti digestivi non tollerati dallo specifico gruppo possono interferire con la funzione del pancreas e fare accumulare grassi all’organismo. Per ulteriori dettagli, si può consultare in questo sito l’articolo “Dieta del gruppo sanguigno: princìpi scientifici di fondo”, pubblicato nel Dicembre 2017.

Un’ulteriore conferma viene da uno studio eseguito nel 2017 da un gruppo di ricercatori dell’Accademia Cinese delle Scienze, che ha voluto capire come le lectine possano causare reazioni infiammatorie silente e così diffuse. Dato che le lectine non sono molto digeribili dall’organismo è davvero probabile che esse possano innescare diabete autoimmune, artrite reumatoide, morbo di Crohn ed altro ancora. Ma come fanno è rimasto sempre oscuro. Il team ha appurato che come proteine intere, le lectine possono essere inglobate dalle cellule nei lisosomi, gli “intestini” delle cellule. Ma neppure lì vengono degradate: cominciano così a perturbare il flusso dl calcio dentro le cellule ed attivano un complesso proteico che i ricercatori conoscono ormai molto bene: l’inflammosoma. Esso è responsabile delle infiammazioni non batteriche che compaiono nella febbre mediterranea familiare, nella gotta, nell’artrite reumatoide, le artriti senza causa apparente e nelle diete ricche di grassi, tanto per citare le condizioni più conosciute. Stando a quello che hanno scoperto i ricercatori, le basi logiche e molecolari delle lesioni potenziali che le lectine possono provocare alla salute sono più che giustificate.

Requisiti e problematiche

Una dieta priva di lectina può essere difficile da seguire non solo per le persone normali, ma anche per i vegetariani o i vegani, poiché legumi, noci, semi e cereali integrali forniscono proteine ​​a base vegetale. Legumi, cereali integrali e bucce di frutta e verdura forniscono anche fibre alimentari. Una dieta priva di lectina può provocare stitichezza se l’assunzione di fibre nella dieta diminuisce. Il Dr. Gundry consiglia i seguenti alimenti per le persone che desiderano limitare l’assunzione di lectina: carni allevate al pascolo, latte A2, patate dolci cotte, verdure a foglia verde, verdi, broccoli e cavoletti di Bruxelles, asparagi e sedano, aglio e cipolle, funghi, avocado, olive o olio extra vergine di oliva. Dall’altro lato, le persone potrebbero voler limitare i seguenti alimenti quando cercano di evitare le lectine: zucca, legumi, compresi fagioli, piselli, lenticchie e arachidi; solanacee, come melanzane, peperoni, patate e pomodori, frutta, sebbene la dieta consenta una moderata quantità di frutta e cereali di stagione. Se una persona vuole consumare grano, il piano raccomanda prodotti a base di farina bianca anziché di grano. Inoltre, seguire una dieta priva di lectina può essere costoso, poiché il piano raccomanda latte speciale, carne allevata al pascolo e integratori costosi.

Conclusioni

Sebbene le lectine possano causare alcuni danni alle persone con intolleranza o se le persone le mangiano in eccesso, esistono forti ricerche per sostenere i benefici del consumo di alimenti vegetali. Alcune persone con SM o malattie infiammatorie intestinali possono trarre beneficio dalla limitazione delle lectine nella dieta. Tuttavia, le prove attuali non supportano questa dieta come strumento generale per la gestione del peso corporeo. Molte piante sono ricche di lectine. Tuttavia, i livelli di lectina possono differire in modo significativo tra i tipi di piante. Esistono anche molti tipi di lectine e alcuni sembrano fornire benefici per la salute. È anche importante notare che gran parte della ricerca sulle lectine è stata condotta attraverso studi su animali o provette. Nessuna ricerca recente supporta escludendoli dalla maggior parte delle diete. Inoltre, molti studi hanno esaminato singole lectine invece dei cibi che le contengono. Sono necessarie ulteriori ricerche prima che i medici possano raccomandare di seguire una dieta priva di lectine.

Per ulteriori approfondimenti, si può consultare in questo sito l’articolo: “Allergia alle solanacee: il dito puntato su pomodori, patate e melenzane”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Petroski W, Minich DM. Nutrients 2020 Sep 24; 12(10):2929.

Mishra A., Behura A et al. Food Chem Toxicol 2019; 134:110827.

Panacer K, Whorwell PJ. World J Gastroenterol. 2019; 25(24):2973.

Wahls TL, Chenard CA, Snetselaar LG. Nutrients 2019 Feb; 11(2).

Gong T, Wang X, Yang Y et al.  J Immunol. 2017; 198:2082–2092.

Vojdani A. Altern Therapic Health Med. 2015; 21 Suppl 1:46-51.

Van Buul VJ, Brouns FJ. J Cereal Sciences 2014; 59:112–117.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI