HomeBENESSERE & SALUTELe sequele del COVID-19: un'analisi generica sugli strascichi riportati dai guariti

Le sequele del COVID-19: un’analisi generica sugli strascichi riportati dai guariti

Le infezioni virali sono auto-limitanti. Quando il sistema immunitario del corpo ha vinto la battaglia, il corpo dovrebbe riprendersi a breve. Tuttavia, molti convalescenti dalla malattia del coronavirus 2019 (COVID-19) manifestano sintomi persistenti che possono durare per mesi. Chiamati “lunghi trasportatori”, questi individui sperimentano una varietà di sintomi, come difficoltà di respirazione, tosse e affaticamento. Ora, i ricercatori del Wuhan Research Center for Communicable Disease Diagnosis and Treatment, l’Accademia cinese delle scienze mediche in Cina, hanno rivelato che alcuni pazienti che si erano ripresi da COVID-19 stanno vivendo sintomi che persistono per più di sei mesi. Nello studio, pubblicato su The Lancet, il team mirava a determinare le conseguenze sulla salute a lungo termine di COVID-19. Inoltre, volevano descrivere le conseguenze sulla salute a lungo termine dei pazienti con COVID-19 dimessi dall’ospedale.

Lo studio ha coinvolto più di 1.700 pazienti che sono stati trattati nella città di Wuhan, l’epicentro iniziale della pandemia di coronavirus quando è emersa per la prima volta alla fine del 2019. Ha rivelato che il 76% ha sofferto almeno un sintomo mesi dopo essere stato dimesso dall’ospedale. I ricercatori hanno condotto uno studio di coorte ambidirezionale su pazienti con COVID-19 confermato che erano stati dimessi dall’ospedale Jin Yin-tan tra il 7 gennaio 2020 e il 29 maggio 2020. Il follow-up è stato condotto tra il 16 giugno 2020, e 3 settembre 2020. I risultati dello studio indicano che anche coloro che si sono ripresi da COVID-19 potrebbero subire effetti sulla salute a lungo termine. Circa il 73% dei pazienti ha riportato almeno un sintomo al follow-up e una percentuale più alta è stata osservata nelle donne. Circa il 63% degli intervistati ha manifestato affaticamento o debolezza muscolare, il 26% ha avuto difficoltà a dormire e il 23% ha avuto ansia e depressione.

Molte segnalazioni di sintomi persistenti indicativi di sequele a lungo termine, inclusi sintomi neurologici, sono riportate in pazienti che si sono ripresi dalla malattia COVID-19. Sequela, una condizione conseguente a una precedente lesione o malattia, presenta nuove complicazioni ai sanitari. In questa pandemia in corso, medici e ricercatori hanno trovato diverse manifestazioni post-COVID. Molti pazienti COVID-19 manifestano sintomi e sindromi neurologici. L’impatto a lungo termine della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), l’agente eziologico di COVID-19) sul cervello è incerto. I sopravvissuti hanno mostrato una vasta gamma di sintomi neurologici: affaticamento, da problemi di memoria e attenzione ai disturbi del sonno, mialgie seguite da depressione / ansia, disturbi visivi, tremori e anosmia, la perdita dell’olfatto.

Una coorte di 165 persone è stata esaminata sei mesi dopo aver dimesso un’Unità COVID-19 dell’ASST Spedali Civili Hospital, in Italia, tra febbraio e aprile 2020. Un follow-up di 6 mesi era in corso dopo il ricovero e ha rilevato che i pazienti soffrivano di affaticamento (34%), memoria / attenzione (31%) e disturbi del sonno (30%) sono i più frequenti. All’esame neurologico, hanno scoperto che i pazienti mostravano anomalie neurologiche, deficit cognitivi, iposmia (diminuzione dell’olfatto) e tremore posturale, i più comuni. È stato osservato che i pazienti che hanno riportato sintomi neurologici erano quelli affetti da parametri di infezione respiratoria SARS-CoV-2 più gravi durante il ricovero. I pazienti con elevata gravità della malattia hanno riportato disturbi della memoria e disturbi visivi.

La cosa più caratteristica a livello del sistema nervoso è la comparsa della cosiddetta “brain fog” (nebbia al cervello). Si tratta di una condizione che comporta una sorta di disorientamento, difficoltà a concentrare i pensieri o di ricordare alcune cose. Più spesso è stata riferita come se ci volesse più tempo del solito per ricordare qualcosa. Molti di coloro sono guariti anche senza bisogno di ospedalizzazione hanno riferito la persistenza di una condizione ansiosa o di apprensione ingiustificata. Sebbene non si sappia ancora esattamente come il SARS-CoV2 provochi queste alterazioni nella chimica cerebrale, è innegabile che queste si verifichino. Fino ad ora si sa che il recettore cellulare usato dal virus per entrare, ACE2, si trova distribuito in quasi tutte le cellule del corpo umano, dall’intestino ai reni, in altri organi e nel sistema nervoso centrale.

Certe aree cerebrali sembrano più ricche di altre della proteina ACE2, come rilevato l’anno scorso da studi di immuno-istochimica. Ma qual è il significato di una replicazione del virus dentro le cellule nervose e come questo possa causare i sintomi riportati da ex-pazienti COVID questo è tutto da approfondire.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Huang C, Huang L, Wang Y et al. The Lancet 2021 Jan 8.

Nehme M et al. Ann Intern Med.2020 Dec 8:M20-5926.

Simonetti A et al. Front Psychiatry 2020 Sep 29; 11:579842.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI