Home ALIMENTAZIONE & SALUTE Frutti di bosco: la nuova medicina complementare dei problemi cognitivi

Frutti di bosco: la nuova medicina complementare dei problemi cognitivi

Le abitudini di stile di vita giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’obesità, del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari. È sempre più riconosciuto che il T2DM potenzia il rischio di declino cognitivo, ad es. diminuzione della memoria di lavoro, memoria verbale, funzionamento esecutivo, velocità di elaborazione delle informazioni, attenzione e aumento del rischio di demenza, compreso il morbo di Alzheimer. Inoltre, molte delle caratteristiche chiave individuali che definiscono la sindrome metabolica (MetS), ad es. ipertensione, alterazione della regolazione del glucosio, dislipidemia, obesità e infiammazione, predisposizione al declino cognitivo. La dieta è probabilmente il fattore di stile di vita più importante per l’eziologia dei MetS, rendendo la dieta un obiettivo essenziale in una strategia volta a prevenire le malattie cardiovascolari e probabilmente anche il declino cognitivo associato a sindrome metabolica e diabete. Per quanto riguarda la salute cardio-metabolica, alcuni alimenti, ad es. alimenti integrali, legumi, fibre alimentari e alimenti a basso indice glicemico, sono stati trovati essere vantaggiosi.

Inoltre, sono disponibili pubblicazioni che suggeriscono come alimenti e schemi alimentari che inducono benefici cardiometabolici, possono anche migliorare le funzioni cognitive. Frutta e verdura sono fonti ricche di sostanze fitochimiche, ad es. polifenoli e carotenoidi e sono buone fonti di fibre. È stato riportato che il consumo di bacche ha effetti cardio-protettivi. Ad esempio, un mix di bacche (mirtilli, mirtilli rossi, ribes nero, fragole, chokeberries e lamponi) ha consumato per 8 settimane una pressione sanguigna più bassa e un migliore profilo lipidico nel sangue in soggetti di mezza età che mostravano fattori di rischio cardiovascolare. Inoltre, un supplemento di 8 settimane di mirtillo ha ridotto i marcatori dello stress ossidativo in uomini e donne obesi con il MetS e ha migliorato la sensibilità all’insulina nei soggetti obesi con insulino-resistenza. Per quanto riguarda le funzioni cognitive, studi prospettici indicano che un maggiore apporto di bacche come mirtilli e fragole è associato a funzioni cognitive potenziate nei soggetti anziani.

Uno studio molto recente ha testato l’effetto dell’ingestione di bacche sulla salute cardiovascolare e sulla memoria / cognitività. Quaranta soggetti sani tra i 50 e i 70 anni hanno ricevuto una bevanda a base di bacche (150 g di mirtilli, 50 g di ribes nero, 50 g di sambuco, 50 g di mirtilli rossi, 50 g di fragole e 100 g di pomodori) o una bevanda di controllo, ogni giorno durante 5 settimane in un design cross-over randomizzato. I test cognitivi hanno incluso test di capacità di memoria di lavoro, attenzione selettiva e tempo di reazione psicomotoria. Le variabili cardiometaboliche studiate erano la pressione sanguigna, le concentrazioni ematiche di glucosio a digiuno, insulina, lipidi nel sangue e marcatori di infiammazione e stress ossidativo. L’intervento sulle bacche ha ridotto il colesterolo totale e il colesterolo LDL rispetto al basale (entrambi P <0,05) e rispetto alla bevanda di controllo. La bevanda di controllo ha aumentato le concentrazioni di glucosio e di insulina rispetto alla bevanda a bacca. I soggetti hanno ottenuto risultati migliori nel test della memoria di lavoro dopo la bevanda a bacca rispetto a quella di controllo.

Altri studi sono stati condotti su ratti e cani beagle sugli effetti dell’integrazione di polifenoli nella funzione cerebrale, sull’efficienza della memoria e su altri parametri cognitivi. Studi pilota, studi randomizzati controllati e studi clinici su soggetti umani hanno mostrato risultati positivi. Sono stati studiati anche meccanismi sottostanti. Ci sono rivendicazioni di attività di scavenging dei radicali liberi, soppressione delle reazioni infiammatorie cerebrali (cellule microgliali), effetti sull’espressione genica e modulazione della chimica del cervello (metabolismo dei neurotrasmettitori). I flavonoidi, infatti, sono in grado di esercitare tutte le suddette azioni, a seconda del contesto cellulare o biologico. Esistono anche effetti vascolari dipendenti dai polifenoli: alcuni di essi, ad esempio, migliorano l’integrità dei vasi sanguigni, eliminando i ROS dalle pareti arteriose, promuovono la vasodilatazione e un migliore flusso sanguigno. Questo è anche associato a una migliore funzione neuronale, a causa della maggiore quantità di nutrienti e di ossigeno.

La conferma più concreta di questi approcci sperimentali arriva da un trial clinico controllato eseguito l’hanno scorso e pubblicato qualche settimana fa da ricercatori dell’Università Cattolica di S. Antonio a Murcìa, in Spagna. Una coorte di 108 soggetti divisa in parti uguali fra controlli e consumatori di prodotti a base di frutti di bosco, è stata seguita per 16 settimane e poi studiata tramite tests attitudinali e cognitivi. Il consumo del prodotto in studio ha migliorato nettamente la memoria a breve termine, verbale e non verbale, secondo i risultati ottenuti nel test RIST. I risultati hanno mostrato un miglioramento della funzione esecutiva in termini di memoria a breve termine, memoria di lavoro, attenzione selettiva e sostenuta e velocità di elaborazione. Sembra che certa frutta e verdura possano diventare precursori di una nuova generazione di cure per le malattie, attraverso la dieta e lo stile di vita, dal consumo di nutraceutici. Sono disponibili molti integratori alimentari di origine vegetale in commercio, ma quelli a base di bacche e similari potrebbero diventare medicina di complemento per trattare la demenza senile.

a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Carrillo JA et al. Antioxidants 2021 Jan 15; 10(1):116.

Barfoot KL et al. Eur J Nutr. 2019 Oct; 58(7):2911-2920. 

Nilsson A e tal. PLoS One. 2017 Nov; 12(11):0188173.

Kent K et al. J Hum Nutr Diet. 2017 Jun; 30(3):260-274.

Lee J et al. Exp Gerontol. 2017 Jan; 87(Pt A):121-128.

Lamport DJ et al. Am J Clin Nutr. 2016; 103(3):775-83.

Jagla F et al. Oxid Med Cell Longev. 2015; 2015:721514.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI