Home PSICHE & SALUTE Isolamento e diabete mellito: quali possono essere le ragioni?

Isolamento e diabete mellito: quali possono essere le ragioni?

Diversi fattori ambientali e di stile di vita, oltre a fattori psicosociali come depressione e stress, sono stati identificati come rilevanti per lo sviluppo del diabete di tipo 2 (T2D). Recentemente, c’è stato un crescente interesse per il ruolo delle caratteristiche dei social network nello sviluppo di T2D. Le strategie di prevenzione che promuovono l’integrazione sociale e la partecipazione possono rivelarsi promettenti. Tra gli individui con T2D, sono stati riportati effetti benefici del supporto sociale sulla cura del diabete, l’attivazione per l’autogestione e comportamenti relativi alla salute. È noto che il supporto di amici negativi aumenta le probabilità di T2D del 30% in uomini e donne; inoltre, diversi studi hanno scoperto che vivere da soli era un predittore indipendente di DMT2 negli uomini, ma non nelle donne. Ad esempio, uno studio olandese pubblicato nel 2017 prova che le persone che sono socialmente isolate hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2, rispetto alle persone che hanno una più ampia cerchia sociale. Gli autori del documento suggeriscono che la promozione dell’integrazione sociale possa rappresentare un nuovo approccio per prevenire lo sviluppo del diabete.

L’autore corrispondente del documento, Miranda Schram (Centro medico dell’Università di Maastricht), raccomanda che i gruppi ad alto rischio per il diabete di tipo 2 allarghino il loro social network e facciano nuovi amici, oltre a diventare membri di un club, come un’organizzazione di volontariato, una società sportiva o gruppo di discussione. Lo studio ha dimostrato che gli uomini che vivono da soli sembrano essere a maggior rischio di malattia e il dott. Schram suggerisce anche che questo gruppo dovrebbe essere riconosciuto come ad alto rischio nel settore sanitario. Lo studio ha coinvolto 2861 uomini e donne (di età compresa tra 40 e 75 anni) provenienti dalla parte meridionale dei Paesi Bassi. All’ingresso nello studio, 1623 (56,7%) avevano un normale metabolismo del glucosio, 430 (15,0%) avevano pre-diabete, 111 (3,9%) avevano un diabete di tipo 2 di nuova diagnosi e 697 (24,4%) presentavano diabete di tipo 2. La mancanza di partecipazione a club o altri gruppi sociali è stata associata a un aumento del rischio di pre-diabete del 60% e del 112% di rischio di diabete di tipo 2 nelle donne, mentre negli uomini è stato associato a un rischio maggiore del 42% di diabete di tipo 2

Analizzando i circoli sociali dei partecipanti, gli autori hanno scoperto che ogni goccia in un membro del cerchio era associata ad un aumento del rischio di diabete di tipo 2 di nuova diagnosi o diagnosi precedente del 5-12%. Inoltre, tra gli uomini che vivono da soli, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 è aumentato del 94%. Un altro aspetto importante è che questa associazione non è stata osservata con il pre-diabete. Questi risultati supportano l’idea che la risoluzione dell’isolamento sociale possa aiutare a prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 2. Tuttavia, questo sembra prevalente con l’uomo e non fra le donne. Ci sono un paio di possibili spiegazioni, alcune delle quali non supportate da prove scientifiche. Fra queste, per esempio, che le donne sono generalmente più resistenti degli uomini; forse questo non è il caso dei disturbi depressivi ma l’autogestione è, per sua natura, più pronunciata nelle donne rispetto agli uomini. Anche in caso di lutto di un coniuge, gli uomini possono abbattersi per la tristezza più duramente delle donne, anche se ciò può dipendere dalla cultura e dalle abitudini in base ai paesi e ai luoghi. Tra i fattori con prove scientifiche solide c’è il fatto che gli ormoni femminili hanno azione protettiva a vari livelli.

Sebbene gli studi maggiori siano stati condotti sulla cognitività, i tumori e l’osteoporosi, ci sono oramai prove convincenti che gli estrogeni condizionano positivamente anche la funzione del pancreas. È lecito supporre perciò che, quantomeno prima della menopausa inoltrata, le donne siano più protette degli uomini nello sviluppare il diabete grazie proprio alla loro componente ormonale. L’umore però può influire notevolmente: non tutti affrontano un improvviso cambiamento (una malattia, un trauma, un lutto) allo stesso modo. Si può ritenere che chi ha una fragilità personale intrinseca maggiore fra gli uomini, possa sviluppare un diabete per una diretta influenza della chimica cerebrale (e la sua componente ormonale) sulle funzioni del pancreas. La Medicina tradizionale orientale asserisce che il pancreas è l’organo del corpo associato alla gioia, e ritiene che la perdita cronica di gioia sia responsabile di una maggiore tendenza a sviluppare il diabete. Che la tristezza non faccia bene questo è sicuro, ma capire la neurochimica dietro queste associazioni sarebbe davvero interessante.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Hackett RA et al. Diabetologia. 2020; 63(11):2329-2338.

Bravo MA et al. Am J Epidemiol. 2018; 187(7):1467-1476.

Brinkhues S et al. BMC Public Health 2017; 17(1):955.

Jones SM et al. Aging Ment Health. 2016; 20(3):309-17.

Bos-Touwen I, Schuurmans M et al. PLoS One 2015:10(5).

Hill PL et al. Psychology Health. 2014; 29(7):753–767.

Shankar A et al. Psychosom Med. 2013; 75(2):161-70.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com

ARTICOLI PIU' LETTI