Home ALIMENTAZIONE & SALUTE Proteine vegetali e delle uova: da preferire alla carne per evitare il...

Proteine vegetali e delle uova: da preferire alla carne per evitare il diabete

Le proteine ​​alimentari influenzano il peso corporeo influenzando quattro obiettivi per la regolazione del peso corporeo: sazietà, termogenesi, efficienza energetica e composizione corporea. L’ingestione di proteine ​​si traduce in livelli di sazietà più elevati rispetto a quantità equicaloriche di carboidrati o grassi. Il loro effetto sulla sazietà è dovuto principalmente all’ossidazione degli amminoacidi alimentati in eccesso; questo effetto è maggiore con l’ingestione di specifiche proteine ​​”incomplete” (vegetali) che con proteine animali. La termogenesi indotta dalla dieta è maggiore per le proteine ​​rispetto ad altri macronutrienti. L’aumento del dispendio energetico è causato dalla sintesi di proteine ​​e urea e dalla gluconeogenesi. Questo effetto è maggiore con le proteine ​​animali che contengono quantità maggiori di aminoacidi essenziali rispetto alle proteine ​​vegetali. In particolare, la termogenesi indotta dalla dieta aumenta dopo l’ingestione di proteine ​​del 20-30%, ma solo del 5-10% dopo i carboidrati e dello 0-5% dopo l’ingestione di grassi.

Il consumo di quantità maggiori di proteine ​​durante il trattamento dietetico dell’obesità ha comportato una maggiore perdita di peso rispetto a quantità inferiori di proteine ​​negli studi dietetici della durata fino a un anno. Durante la perdita di peso e la diminuzione dell’apporto calorico, un contenuto proteico relativamente aumentato della dieta ha mantenuto la massa magra (cioè massa muscolare) e un maggiore equilibrio del calcio, con conseguente conservazione del contenuto minerale osseo. Ciò è di particolare importanza durante la perdita di peso dopo la chirurgia bariatrica perché questi pazienti sono a rischio di malnutrizione proteica. Un adeguato apporto di proteine ​​nella dieta nel diabete di tipo 2 è di specifica importanza poiché le proteine ​​sono relativamente neutre per quanto riguarda il metabolismo del glucosio e dei lipidi, e preservano la massa muscolare e ossea, che può essere ridotta nei soggetti con diabete scarsamente controllato.

L’ingestione di proteine ​​alimentari nel diabete di tipo 1 esercita un aumento postprandiale ritardato dei livelli di glucosio nel sangue a causa della stimolazione della secrezione pancreatica di glucagone indotta dalle proteine. Quantità superiori alle minime di proteine ​​nella dieta necessarie per l’equilibrio azotato possono svolgere un ruolo importante per il crescente numero di soggetti obesi anziani nelle nostre società industrializzate, poiché le proteine ​​esercitano effetti benefici in condizioni di sovrappeso, sindrome metabolica, fattori di rischio cardiovascolare, salute e sarcopenia. Sono stati osservati effetti avversi dell’aumento delle proteine ​​alimentari in soggetti con insufficienza renale: questo problema è frequentemente osservato nella popolazione anziana, ipertesa e diabetica. Tuttavia, le proteine ​​alimentari meritano più attenzione di quanto non abbiano ricevuto in passato. Basti pensare solamente che quasi 30 milioni di persone negli Stati Uniti sono affette da diabete, con il diabete di tipo 2 che rappresenta il 90-95% di tutti i casi.

Una parte essenziale della gestione del diabete è partecipare a un’attività fisica regolare, prendendo farmaci per abbassare i livelli di glucosio nel sangue e seguendo un piano alimentare salutare.  Secondo l’Istituto Nazionale del Diabete e delle Malattie Digestive e Renali (NIDKD) americano, un’alimentazione sana consiste nel consumare tutti i gruppi di alimenti, con verdure che occupino metà della piastra, cereali o un altro amido su un quarto del piatto e carne o altra proteina che comprende il secondo quarto. Si raccomanda di evitare la carne grassa o lavorata. optando come alternativa per la carne magra, come il pollo senza pelle. Il consumo di carne è stato spesso esplorato come una variabile associata al diabete, e la ricerca precedente ha trovato un collegamento tra un elevato apporto globale di proteine ​​e proteine ​​animali e un maggior rischio di diabete di tipo 2. Mangiare in abbondanza carne rossa lavorata, in particolare, è stato collegato con la condizione.

Studi pubblicati qualche anno fa sul British Journal of Nutrition aggiungono al crescente numero di prove che suggeriscono che la fonte delle proteine ​​alimentari può essere importante per alterare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2Utilizzando i dati del Kuopio Ischemic Heart Disease Risk Factor Study (KIHD), che è stato effettuato presso l’Università della Finlandia orientale, i ricercatori hanno cercato di studiare i legami tra diverse fonti di proteine ​​alimentari e il rischio di diabete di tipo 2. Quando è iniziato lo studio KIHD negli anni tra il 1984 e il 1989, sono state valutate le diete di 2332 uomini di età compresa tra 42 e 60 anni. Nessuno degli individui aveva il diabete di tipo 2 all’inizio dello studio. Nel corso del follow-up di 19 anni, 432 uomini sono stati diagnosticati con diabete di tipo 2 e i dati sono stati chiari: una dieta ricca di carne era associata ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2.

L’associazione è stata vista su tutti i tipi di carne in generale, tra cui carni rosse lavorate e non trasformate, carni bianche e carni di varietà. I ricercatori dicono che l’associazione potrebbe essere il risultato di altri composti trovati in carne diversa dalle proteine, poiché le proteine ​​della carne da sole non erano collegate al rischio di diabete di tipo 2. Anche gli uomini che includevano un maggior apporto di proteine ​​vegetali nelle loro diete avevano abitudini di vita più sane. Tuttavia, le loro abitudini di vita non hanno dimostrato di spiegare pienamente il loro ridotto rischio di diabete. I partecipanti allo studio maschi che avevano il più alto apporto di proteine ​​vegetali avevano il 35% in meno di probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto agli uomini con il più basso apporto di proteine ​​vegetali. Inoltre, utilizzando un modello computerizzato, gli scienziati stimano che la semplice sostituzione di 5 grammi di proteine ​​animali con proteine ​​vegetali al giorno, ridurrebbe il rischio di diabete del 18%.

Il legame tra proteine ​​vegetali e rischio ridotto di diabete può essere spiegato dall’effetto delle proteine ​​vegetali nella dieta sui valori di glicemia. Quelle persone che avevano consumato più proteine ​​vegetali avevano livelli più bassi di glucosio nel sangue all’inizio dello studio. Le fonti primarie di proteine ​​vegetali in questo studio erano i prodotti a base di cereali, con fonti aggiuntive incluse le patate e altri vegetali simili. Una dieta che preferisce proteine ​​vegetali alle proteine della carne può aiutare a proteggere dal diabete di tipo 2. Gli autori concludono che la sostituzione dell’1% di energia da proteine ​​animali con l’energia derivante dalle proteine ​​vegetali era associata a un rischio ridotto del 18% di diabete di tipo 2. Questa associazione è rimasta dopo l’aggiustamento per l’indice di massa corporea. Proteine ​​complessive, proteine ​​del latte e proteine ​​del pesce non erano collegate a un rischio di diabete di tipo 2, ma un maggior apporto di proteine dell’uovo era in grado di ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Questa nozione deriva da un precedente studio pubblicato dal team nel 2015, utilizzando la stessa coorte di soggetti dello studio KIHD. Le associazioni tra assunzione di colesterolo e rischio di diabete, glucosio plasmatico, insulina sierica e proteina C-reattiva (PCR) erano principalmente non significative, specialmente dopo aver tenuto conto del consumo di uova. Nel 2017, un altro studio di un team indipendenti di ricercatori ha confermato che il consumo di una quantità compresa fra 6 e 12 uova settimanali non influenzava le concentrazioni di colesterolo plasmatico totale, colesterolo LDL e trigliceridi. Questo è un dato importante poiché il colesterolo è considerato un fattore pro-aterogeno per le cardiovasculopatie, una complicanza che fa parte del quadro cronologico di una grossa fetta dei pazienti diabetici. Ci sono Autori che pensano che il consumo di carne predisponga al diabete per il processo di cottura intrinseco della carne.

Oltre che bollita o cotta al vapore, la carne è gustosamente consumata a tavola specie se grigliata. A differenza dei vegetali o le uova, la carne contiene creatina che per reazione con altre sostanze libere nella carne (glucosio, aminoacidi, ecc.) porti alla formazione non solo di composti potenzialmente cancerogeni, ma anche alla comparsa dei cosiddetti complessi AGE (prodotti finali di glicazione avanzata). Queste sostanze compaiono anche in caso di complicanze diabetiche e sono responsabili di effetti infiammatori e di aspetti dell’insulino-resistenza mediati dal recettore naturale per questi composti (RAGE). Si presume che fra i meccanismi di un maggiore rischio di diabete per consumo di carne animale, perciò, ci siano non solo la qualità proteica ma anche una precisa chimica alimentare che non compare in fonti proteiche come le uova, il pesce o le proteine di origine vegetale.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni relative

Parwani K, Mandal P. Arch Physiol Biochem. 2020 Jul 30:1-13.

Medeiros AF et al. Medicine (Baltimore) 2019; 98(39):e17326. 

Virtanen HEK et al. Br J Nutr. 2017 Mar;117(6):882-893.

Richard C et al. Can J Diabetes. 2017 Aug; 41(4):453-463.

Tamez M et al. Brit J Nutr. 2016 Jun; 115(12):2212-18.

Virtanen JK et al. Am J Clin Nutr. 2015; 101(5):1088-96.

Keller U. Int J Vitam Nutr Res 2011 Mar; 81(2-3):125-33.

Djoussé L, Kamineni A et al. Am J Clin Nutr. 2010; 92(2):422. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI