HomeATTUALITA' & SALUTEUna dose per schermarli tutti: i guariti dal COVID hanno bisogno del...

Una dose per schermarli tutti: i guariti dal COVID hanno bisogno del vaccino una sola volta

Le persone che si sono riprese da COVID-19 hanno avuto una robusta risposta anticorpale dopo la prima dose di vaccino mRNA, ma scarso beneficio immunitario dopo la seconda dose, secondo una nuova ricerca della Pennsylvania University. I risultati, pubblicati oggi su Science Immunology, suggeriscono che potrebbe essere necessaria solo una singola dose di vaccino per produrre una risposta anticorpale sufficiente. Il team ha scoperto che coloro che non avevano COVID-19 – chiamati COVID naïve – non hanno avuto una risposta immunitaria completa fino a dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino, rafforzando l’importanza di completare le due dosi raccomandate per raggiungere forti livelli di immunità. Lo studio fornisce maggiori informazioni sull’immunobiologia sottostante dei vaccini a mRNA, che potrebbe aiutare a plasmare le future strategie vaccinali. La risposta immunitaria umana ai vaccini e alle infezioni si traduce in due risultati principali: la produzione di anticorpi che forniscono un’immunità rapida e la creazione di cellule B della memoria, che aiutano nell’immunità a lungo termine.

Questo studio rappresenta uno dei primi a scoprire in che modo le risposte delle cellule B della memoria differiscono dopo la vaccinazione nelle persone che hanno precedentemente sperimentato l’infezione, rispetto a quelle che non hanno avuto COVID-19. I ricercatori hanno reclutato 44 individui sani che hanno ricevuto il vaccino BioNTech / Pfizer o Moderna presso l’Università della Pennsylvania Health System. Di questa coorte, 11 avevano una precedente infezione da COVID-19. Sono stati raccolti campioni di sangue per analisi immunitarie profonde quattro volte prima e dopo le dosi di vaccino. I dati mostrano differenze chiave nelle risposte immunitarie al vaccino in individui naïve a COVID rispetto a soggetti guariti da COVID-19. I risultati suggeriscono che solo una singola dose di vaccino in individui recuperati da COVID-19 può essere sufficiente per indurre una risposta immunitaria massima, basata sia sulle risposte anticorpali forti che sulle cellule B della memoria. Ciò è probabilmente dovuto a una risposta immunitaria primaria a causa della loro infezione naturale.

Al contrario, sono state necessarie due dosi di vaccino per dimostrare una considerevole risposta anticorpale e delle cellule B della memoria per coloro che non avevano COVID-19.Ciò è alla base dell’importanza del programma vaccinale mRNA a due dosi per raggiungere livelli ottimali di immunità. Questi risultati si sono riflessi anche in un’analisi degli anticorpi contro la mutazione D614G e la variante B.1.351 sudafricana di COVID-19. Per coloro che non avevano COVID-19, è stata necessaria una seconda dose per ottenere un livello di immunità abbastanza robusto contro la mutazione e la variante, mentre quelli recuperati da COVID-19 avevano una risposta anticorpale abbastanza forte dopo una dose. I ricercatori hanno anche esaminato gli effetti collaterali indotti dal vaccino in relazione alle risposte immunitarie. Sebbene visti in una coorte più piccola di 32 persone naïve al COVID, hanno scoperto che coloro che hanno manifestato effetti collaterali sistemici dopo aver ricevuto una dose di vaccino – come febbre, brividi, mal di testa e fatica – avevano anticorpi sierici post-vaccinazione più forti, ma non cellule B di memoria.

Sebbene siano necessari più dati e tutti i soggetti abbiano sviluppato un’immunità robusta, è possibile che l’infiammazione e gli effetti collaterali subito dopo la vaccinazione possano segnalare reazioni immunitarie più forti. I ricercatori stanno portando avanti studi su scala più ampia, necessari per esaminare completamente la questione di un regime a una o due dosi negli individui guariti da COVID-19 e per vedere quanto durano gli anticorpi del vaccino. Il team sta continuando a studiare l’effetto del vaccino sulle risposte delle cellule T specifiche del virus, un altro elemento della risposta immunitaria del corpo. L’autore senior E. John Wherry, PhD, presidente del dipartimento di farmacologia dei sistemi e terapia traslazionale e direttore del Penn Institute of Immunology presso la Perelman School of Medicine, ha spiegato: “I precedenti studi sui vaccini mRNA COVID-19 su individui vaccinati si sono concentrati su anticorpi più che le cellule B della memoria. Le cellule B memoria sono un forte predittore delle risposte anticorpali future, motivo per cui è fondamentale misurare le risposte delle cellule B a questi vaccini. Questo sforzo per esaminare le cellule B memoria è importante per comprendere la protezione a lungo termine e la capacità di rispondere alle varianti. I nostri risultati sono incoraggianti per l’efficacia del vaccino sia a breve che a lungo termine, e questo si aggiunge alla nostra comprensione della risposta immunitaria del vaccino mRNA attraverso l’analisi dei linfociti B memoria”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Goel RR, Apostolidis SA et al. Sci Immunol 2021 Apr 15.

Pollet J et al. Hum Vaccin Immunother. 2021 Apr 13:1-11. 

Kalimuddin S, Tham CY et al. Medicine (NY). 2021 Apr 8. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI