Home BIOMEDICINA & SALUTE Gruppo sanguigno e rischio patologie (IV): le connessioni con problemi renali e...

Gruppo sanguigno e rischio patologie (IV): le connessioni con problemi renali e digestivi

Studi precedenti hanno scoperto che le persone con sangue di tipo A o B avevano maggiori probabilità di avere malattie cardiovascolari o di avere un coagulo di sangue rispetto alle persone con sangue di tipo O e che le persone con sangue di tipo 0 avevano maggiori probabilità di avere una condizione di sanguinamento. Uno dei primi studi di questo tipo fu pubblicato nel 1962, dimostrando una relazione tra il sistema AB0 e la cardiopatia ischemica. Altri hanno suggerito che le persone con determinati gruppi sanguigni potrebbero essere più suscettibili ad alcune malattie infettive. Altri esempi importanti includono associazioni con rischi di una serie di malattie infettive, nella misura in cui la distribuzione allelica degli antigeni del gruppo sanguigno si è evoluta per riflettere alcune aree endemiche di queste malattie infettive. Ciò è in parte vero per malattie infettive come la malaria da Plasmodium falciparum, la gastropatia da Helicobacter pylori e il Vibrio cholerae, dove i gruppi sanguigni ABO sono coinvolti in diversi aspetti della patogenesi, dall’attaccamento dei microbi e l’ingresso nelle cellule al successivo sviluppo e alla gravità della malattia.

Ora un team di scienziati del Karolinska Institutet, Svezia, suggerisce in uno studio pubblicato su eLife, che le persone con determinati gruppi sanguigni hanno maggiori probabilità di avere coaguli di sangue o condizioni di sanguinamento, calcoli renali o ipertensione indotta dalla gravidanza, Lo studio conferma in precedenza identificato connessioni tra alcuni tipi di sangue e il rischio di coaguli di sangue e sanguinamento, e crea una nuova connessione tra calcoli renali e avere sangue di tipo B rispetto a O. Le scoperte possono portare a nuove intuizioni su come il gruppo sanguigno di una persona può predisporli sviluppare una certa malattia. Utilizzando il database Scandinavian Donation and Transfusion (SCANDAT), il team ha precedentemente studiato le associazioni tra gruppi sanguigni ABO e sottotipi di cancro, malattie cardiovascolari e tromboemboliche, insorgenza di demenza e degradazione delle valvole aortiche bioprotesiche in relazione al gruppo sanguigno ABO.

L’antigene RhD, d’altra parte, ha un legame meno chiaro con i risultati sulla salute. Lo stato di RhD è stato principalmente collegato all’alloimmunizzazione delle donne in gravidanza con conseguente malattia emolitica del feto e del neonato (HDFN). Inoltre ci sono ancora pochissime informazioni disponibili sul fatto che le persone con gruppi sanguigni RhD-positivi o RhD-negativi possano essere a rischio di determinate malattie, o quante altre malattie possono essere influenzate dal gruppo sanguigno o dal gruppo. In questo ampio studio di coorte su 5,1 milioni di persone uniche seguite per oltre 70 milioni di anni-persona, gli scienziati hanno eseguito un’analisi agnostica delle associazioni tra i gruppi sanguigni AB0 e RhD e il rischio di 1.217 categorie di malattie distinte. Dopo più aggiustamenti del test e confronto con una coorte di convalida, 49 e 1 associazioni tra categorie di malattie e gruppo sanguigno per AB0 e RhD sono rimaste significative, rispettivamente.

I loro risultati hanno confermato che le persone con sangue di tipo A avevano maggiori probabilità di sviluppare un coagulo di sangue e che quelle con sangue di tipo O avevano maggiori probabilità di soffrire di un disturbo emorragico. Hanno anche verificato che le donne con sangue di tipo 0 o RhD positivo avevano maggiori probabilità di soffrire di ipertensione indotta dalla gravidanza. La tireotossicosi era anche meno comune nel gruppo sanguigno A e AB rispetto al gruppo 0. Il cancro al pancreas era l’unica neoplasia che rimaneva associata a un gruppo sanguigno, in particolare il gruppo sanguigno A rispetto a 0. Una nuova scoperta era quella del rene e dell’uretere calcoli, che sono risultati essere meno comuni nel gruppo sanguigno B rispetto a 0. La colelitiasi, che è stata contestata, era più comune nel gruppo sanguigno A e AB rispetto al gruppo sanguigno O. Comunque sia, la maggior parte delle persone indagate malattie o gruppi di malattie, tuttavia, non sembrano essere fortemente influenzati dal gruppo sanguigno ABO dell’individuo.

Per quanto riguarda i possibili meccanismi che spiegano le associazioni individuate, il team può solo ipotizzare ipotesi da testare ulteriormente. È tuttavia peculiare identificare una condizione, come i calcoli renali, con distribuzione molto variabile, rispetto alla regione geografica, per avere un’associazione con il gruppo sanguigno. Un possibile meccanismo potrebbe essere, se si considera l’intero spettro delle categorie di malattie studiate, che un pH urinario più basso nei pazienti diabetici, una categoria di malattia associata anche a una maggiore incidenza nel gruppo sanguigno B, può provocare la formazione di calcoli. Una limitazione dello studio che impedisce una forte inferenza casuale è la possibilità che alcune delle associazioni osservate tra il gruppo AB0 e le categorie di malattie siano state guidate da altre associazioni di malattie con il gruppo AB0. Questo potrebbe essere il caso, ad esempio, delle associazioni tra il gruppo A e il diabete e l’iperlipidemia, che sono potenzialmente guidate da un’associazione tra il gruppo A e la cardiopatia ischemica all’occorrenza.

Di ricordi che dietro queste condizioni ci sono diabete e disturbi lipidici sottoposti a screening e quindi frequentemente diagnosticati. Gli autori affermano che sono necessari ulteriori studi per confermare i risultati e determinare in che modo diversi gruppi sanguigni o gruppi possono aumentare il rischio di determinate malattie o se ci sono spiegazioni alternative per queste relazioni.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dahlén T et al. eLife 2021 Apr 27 (online); 10:e65658.

Vasan SK et al. Cancer Epidemiol 2016; 44, 40-43.

Franchini M et al. Crit Rev Clin Lab Sci 2012; 49:137.

Edgren G et al. Am J Epidemiol 2010; 172:1280-1285.

Clark P, Wu O. Thromb Haemost 2008; 100, 469-74.

Bronte-Stewart B et al. Brit Med J 1962; 1:1646-1650.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI