HomeATTUALITA' & SALUTELa viariante COVID francese: si svela il clade virale B19 con una...

La viariante COVID francese: si svela il clade virale B19 con una possibile alta trasmissibilità

ULTIM’ORA – BREAKING NEWS

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Emerging Infectious Diseases dei CDC ha confermato l’emergere di una nuova variante del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave chiamata HMN.19B dal clade virale 19B in Francia. Il clade virale 19B (che include la variante D614G) era prevalente alla fine del 2019, ma da allora era stato osservato raramente dall’inizio del 2020 a causa dei nuovi cladi virali. La variante è caratterizzata da 18 mutazioni di amminoacidi, tra cui N501Y, L452R e H655Y. È stato dimostrato che la variante può diffondersi più rapidamente rispetto ad altri ceppi di SARS-CoV-2. Considerando i dati limitati disponibili su questa nuova variante, gli autori dello studio sottolineano una maggiore necessità di sorveglianza e tracciamento genomico. I ricercatori sono stati avvisati di una nuova variante di interesse SARS-CoV-2 il 21 gennaio 2021, dal test PCR di un membro del personale ospedaliero immunocompromesso che presentava mal di testa, affaticamento e rinite.

Anche il suo partner nella stessa famiglia e due infermiere a stretto contatto sono risultati positivi per la variante. Tutti e quattro i pazienti hanno manifestato sintomi lievi e non hanno richiesto il ricovero in ospedale. Il membro del personale dell’ospedale e il partner avevano una storia di infezione da COVID-19, ma entrambi erano risultati negativi per gli anticorpi della proteina N SARS-CoV-2 nel gennaio 2021. Uno degli infermieri aveva ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer-BioNTech 11 giorni prima del test positivo per il virus. Il sequenziamento genomico ha mostrato quattro membri del cluster infettati con una nuova variante correlata al clade 19B. La variante contiene 25 sostituzioni nucleotidiche, comprese 2 delezioni e 8 sostituzioni amminoacidiche sulla proteina spike SARS-CoV-2. Quattro settimane dopo, i ricercatori hanno identificato la variante HMN.19B nel sequenziamento genomico di 12 persone che vivono a Parigi che sono risultate positive all’infezione da COVID-19.

Uno era un impiegato del personale della prigione che lavorava nella zona nord-est di Parigi e 3 del dipartimento di ematologia di un ospedale. Otto casi indipendenti dal 3 al 23 febbraio si sono verificati in diversi ospedali di Parigi. Contemporaneamente, il Centro nazionale di riferimento per le infezioni virali respiratorie di Lione, in Francia, ha rilevato altre 17 persone con virus strettamente correlati alla variante HMN.19B. I virus correlati contenevano più di sette mutazioni di proteine ​​spike simili. Tre persone provenivano dalla grande area di Parigi, 10 dalla Francia sud-orientale e 4 dalla Francia sud-occidentale. Secondo gli esperti, resta da determinare se l’HMN.19B sarà meno suscettibile alla protezione da risposte immunitarie naturali, terapeutiche o indotte dal vaccino. È stato dimostrato che molte delle sue sostituzioni spike (N501Y, L452R e H655Y) richiedono livelli più elevati di anticorpi neutralizzanti per essere controllati, sia in vitro che in vivo. 

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Fourati S et al. Emerg Infect Dis 2021 May; 27(5):1540-43.

Korber B, Fischer WM et al. Cell. 2020; 182:812–827.

Baum A, Fulton BO et al. Science. 2020; 369:1014–18.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI