Home RICERCA & SALUTE Il biologico contro i trigliceridi alti: i dati preliminari dai congressi internazionali

Il biologico contro i trigliceridi alti: i dati preliminari dai congressi internazionali

Si ritiene che l’ipertrigliceridemia grave, definita come trigliceridi superiori a 500 mg / dL, sia responsabile di circa il 10% di tutti i casi di pancreatite acuta che colpisce più di 200mila pazienti all’anno negli Stati Uniti. È una condizione infiammatoria del pancreas che causa dolore addominale e febbre e in alcuni individui può essere pericolosa per la vita. La pancreatite acuta ricorrente in genere richiede frequenti ricoveri e le cause più comuni sono i calcoli biliari e l’alcolismo. Il farmaco sperimentale evinacumab ha ridotto i trigliceridi in pazienti con ipertrigliceridemia grave (sHTG) e una storia di ricoveri per pancreatite acuta in uno studio globale di fase 2 condotto dal Monte Sinai. I risultati dello studio saranno presentati alla sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology, il 16 maggio. L’anticorpo monoclonale completamente umano ha prodotto riduzioni sostenute dei livelli di trigliceridi fino all’82%, a seconda del genotipo del paziente, riducendo anche il rischio. di pancreatite acuta ricorrente. Nel loro studio su 52 pazienti con ipertrigliceridemia grave, i ricercatori hanno scoperto che i miglioramenti clinici dipendevano dalle varianti genetiche.

Le riduzioni maggiori dei trigliceridi, fino all’82%, si sono verificate in una coorte di pazienti senza due mutazioni nella via della lipoproteina lipasi (LPL). LPL è un enzima responsabile del metabolismo o della scomposizione dei trigliceridi. In una seconda coorte di pazienti con una malattia genetica nota come sindrome da chilomicronemia multifattoriale (MCS) – che può essere esacerbata da comorbidità, farmaci e persino stili di vita – i trigliceridi sono stati ridotti di circa il 65%. E in una terza coorte – di quelli con perdita di mutazioni funzionali in due geni che codificano la lipoproteina lipasi, una condizione nota come sindrome da chilomicronemia familiare (FCS) – non c’è stata alcuna riduzione dei livelli di trigliceridi. Evinacumab agisce legandosi e bloccando la funzione della proteina 3 simile all’angiopoietina (ANGPTL3), una proteina che si ritiene abbia un ruolo nel metabolismo del colesterolo. Le persone che mancano o hanno un ANGPTL3 molto basso a causa di cause genetiche, sono note per avere livelli di lipidi significativamente ridotti.

Robert S. Rosenson, MD, Professore di Medicina presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai e ricercatore principale dello studio, ha spiegato: “Evinacumab ha il potenziale non solo di abbassare i trigliceridi, ma anche il rischio di pancreatite acuta, la qualità della vita , e il rischio di eventi cardiovascolari in una popolazione di pazienti altamente vulnerabili. Il bisogno clinico non soddisfatto non potrebbe essere maggiore. Anche dopo le attuali opzioni terapeutiche di consulenza dietetica, fibrati e prodotti a base di omega-3, molti individui con ipertrigliceridemia grave hanno livelli elevati di trigliceridi superiore a 500 mg/dL, e alcune migliaia. La nostra ricerca ha sottolineato l’importanza dei test genetici del percorso LPL per determinare quali pazienti hanno maggiori probabilità di rispondere bene alla terapia con evinacumab. Anche nei pazienti con due mutazioni LPL che non hanno avuto riduzione trigliceridi, sono state osservate riduzioni del colesterolo non HDL e del contenuto di colesterolo delle lipoproteine ​​ricche di trigliceridi, dimostrando che evinacumab era impatto sulla via dei trigliceridi”.

Evinacumab, di Regeneron Pharmaceuticals, è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense nel febbraio 2021 (con il nome Evkeeza™) per l’ipercolesterolemia familiare omozigote, una malattia ereditaria che rende difficile per il corpo eliminare il colesterolo LDL (il cosiddetto “colesterolo cattivo”) dal sangue. Il prossimo studio clinico per evinacumab in pazienti con ipertrigliceridemia grave è progettato per valutare la riduzione del rischio di pancreatite acuta e dovrebbe iniziare a breve, con il Monte Sinai che giocherà nuovamente un ruolo fondamentale a livello globale. Il professor Rosenson ha concluso: “Sulla base dei risultati che abbiamo visto fino ad oggi, riteniamo che evinacumab possa ridurre significativamente il rischio di pancreatite acuta ricorrente nelle persone con trigliceridi gravemente elevati. Allo stesso tempo, questo nuovo farmaco potrebbe aiutare ad alleviare l’onere finanziario su un sistema sanitario che fornisce assistenza continua a questi pazienti ad alto rischio che sono frequentemente ricoverati in ospedale per episodi ricorrenti di pancreatite acuta”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sica V, Martins I et al. Adipocyte. 2020 Dec; 9(1):116-119. 

Colhoun HM et al. Cardiovasc Diabetol. 2020; 19(1):14.

Morelli MB et al. Expert Opin Ther Targets 2020; 24(1):79-88. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com

ARTICOLI PIU' LETTI