HomeMALATTIEMALATTIE ALLERGICHELe reazioni allergiche ai vaccini anti-COVID: cosa sappiamo ad oggi?

Le reazioni allergiche ai vaccini anti-COVID: cosa sappiamo ad oggi?

Le tipologie di reazione allergica

Le vaccinazioni contro le malattie infettive sono una delle misure di salute pubblica più efficaci esistenti. Lo sviluppo di un vaccino contro la SARS-CoV-2 è stato visto come uno strumento per controllare la pandemia globale di COVID-19 e come un percorso verso il recupero per la nostra società. Tuttavia, recenti rapporti di reazioni allergiche al vaccino COVID-19 hanno portato a domande su come ea chi il vaccino può essere somministrato in sicurezza. Le reazioni avverse ai vaccini sono comunemente riportate, ma la maggior parte non sono immunologicamente mediate. Le reazioni mediate non immunologicamente sono tipicamente correlate alla farmacologia del vaccino e consistono in reazioni tossiche, effetti collaterali e interazioni farmacologiche. Le reazioni immunologicamente mediate includono reazioni mediate da IgE e da cellule T, nonché altri meccanismi immunologici che si verificano a seguito dell’esposizione agli allergeni.

Queste risposte, in particolare l’anafilassi grave, si verificano raramente. Tuttavia, coloro che non hanno una storia di malattia allergica possono anche manifestare gravi reazioni avverse. La maggior parte delle reazioni immunologicamente mediate ad esordio acuto sono IgE-mediate, il che significa che il paziente ha anticorpi IgE preformati verso un componente del vaccino. In questo tipo di reazione, i sintomi possono iniziare entro pochi minuti dall’esposizione all’allergene, generalmente entro 30 minuti, e meno comunemente entro diverse ore. I sintomi vanno da orticaria, gonfiore e disturbi gastrointestinali, a distress respiratorio e collasso cardiovascolare associati a grave anafilassi. Le reazioni ritardate si verificano tipicamente da ore a giorni dopo l’esposizione all’antigene trigger e più tipicamente si manifestano come una reazione cutanea.

Gli allergeni dei vaccini

I vaccini sono costituiti da antigeni che provocano la risposta immunitaria desiderata e da una varietà di altri componenti tra cui adiuvanti, proteine ​​di trasporto e conservanti. La maggior parte delle reazioni mediate da IgE non si verificano in risposta ai componenti antigenici. Più comunemente, altri componenti sono i colpevoli delle reazioni allergiche. Spesso, i componenti alimentari dei vaccini sono stati implicati nelle reazioni ai vaccini. Ad esempio, i pazienti con anafilassi al vaccino MMR avevano evidenza di ipersensibilità IgE-mediata alla gelatina, che è comunemente usata come agente stabilizzante del vaccino. Il latte e le uova sono allergeni alimentari comuni che si trovano anche nei vaccini. Alcuni vaccini utilizzano le proteine ​​del latte come stabilizzanti; tuttavia, le segnalazioni di reazioni avverse nei bambini allergici al latte sono estremamente rare.

Gli adiuvanti sono componenti del vaccino che migliorano la risposta immunitaria del paziente all’antigene. I più comuni di questi sono l’idrossido di alluminio e il fosfato di alluminio. Questi causano più comunemente irritazione al sito di iniezione e non è stato ancora documentato un caso di ipersensibilità mediata da IgE a questi ingredienti. Tuttavia, altri adiuvanti sono stati implicati. L’esposizione al lattice è un altro possibile colpevole dell’anafilassi del vaccino. I tappi di gomma o gli stantuffi in alcune fiale di vaccino contengono lattice, esponendo il paziente a tracce di proteine ​​del lattice. Sono stati segnalati casi di anafilassi associata all’esposizione al lattice mediata dal vaccino. Tuttavia, questo è raro. Gli individui con allergia al lattice dovrebbero evitare i vaccini confezionati o somministrati con prodotti contenenti lattice.

I vaccini anti-COVID

In origine, due vaccini COVID-19 hanno ottenuto l’autorizzazione per l’uso di emergenza dalla FDA: il vaccino Pfizer-BioNTech e il vaccino Moderna. Anafilassi non è stata osservata negli studi clinici per nessuno dei due vaccini. Al di fuori degli studi, ci sono state segnalazioni negli Stati Uniti e all’estero di reazioni anafilattiche che si sono verificate dopo la somministrazione del vaccino COVID-19. Sulla base dei dati iniziali statunitensi di 1,8 milioni di dosi del vaccino Pfizer somministrato entro Febbraio, sono stati segnalati 175 casi di grave reazione allergica al Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS). Ventuno di questi sono stati ritenuti compatibili con l’anafilassi. Di questi, 17 casi si sono verificati in persone con una storia di allergia o reazioni allergiche e il 70% delle reazioni si è verificato entro 15 minuti dalla somministrazione del vaccino. Sono stati segnalati 10 casi di possibile anafilassi al vaccino Moderna (2,5 casi di anafilassi per milione di dosi somministrate). In particolare, il PfzerBioNTech ha un tasso di anafilassi quattro volte quello del vaccino Moderna. Questo tasso di anafilassi è significativamente più alto di quello riportato in precedenza per milione di dosi di vaccinazione osservate con altri vaccini, ma è ancora piuttosto raro (11,1 casi per milione di dosi di vaccino del vaccino Pfizer).

L’eziologia dell’anafilassi in questi casi non è completamente compresa ed è un’area di ricerca attiva. Qualsiasi componente di un vaccino può potenzialmente causare reazioni avverse. Entrambi i vaccini COVID-19 contengono mRNA, lipidi, polietilen-glicole (PEG) -2000, elettroliti, saccarosio e un diluente salino. Non contengono prodotti alimentari o conservanti. Non c’è esposizione al lattice perché i tappi delle fiale sono realizzati con polimeri sintetici. In particolare, il PEG è stato associato a casi di anafilassi ad altri agenti. Il polietilen-glicole e i relativi polisorbati sono ingredienti nelle preparazioni per colonscopia, farmaci per la stitichezza, innesti vascolari, gel chirurgici, farmaci biologici, composti domestici e industriali e sono usati come eccipienti nei farmaci orali e iniettabili, compresi i vaccini. Questi componenti sono stati precedentemente implicati in reazioni anafilattiche. Un’altra considerazione teorica è l’attivazione del complemento mediata dall’esposizione all’RNA. È possibile che un meccanismo non mediato da IgE possa essere implicato come l’attivazione del complemento, con conseguenti sintomi simili all’anafilassi; meccanismi come questo meritano ulteriori indagini.

Considerazioni e precauzioni

Per valutare ulteriormente la possibile anafilassi associata alle vaccinazioni COVID-19, tutti i pazienti che manifestano sintomi coerenti con i criteri clinici per la diagnosi di anafilassi, devono dosati i livelli sierici di triptasi e componenti del complemento (CH50 e / o C5b-9). Questi valutano l’attivazione dei mastociti osservata nell’anafilassi e l’attivazione del sistema del complemento. Una valutazione più ampia, compreso il test cutaneo di ipersensibilità immediata al PEG, può essere eseguita in un secondo momento da un allergologo / immunologo certificato dal consiglio. I pazienti che hanno avuto anafilassi con la prima dose del vaccino COVID-19 devono essere esclusi dal ricevere la seconda dose. Al momento, non ci sono raccomandazioni basate sull’evidenza per reazioni meno gravi.

Attualmente, i sintomi lievi e autolimitanti (ad es. Prurito o orticaria) non sono visti come controindicazioni assolute. per ricevere il dosaggio successivo dei vaccini COVID-19. Questi sintomi possono essere trattati sintomaticamente con antistaminici orali. È improbabile che eruzioni cutanee ritardate o reazioni locali ritardate (insorgenza> 24 ore dopo l’iniezione) rappresentino un’allergia mediata da IgE e questi soggetti possono ricevere la seconda dose di vaccino COVID-19 senza precauzioni. Per i pazienti che ricevono un vaccino COVID-19, gli esperti raccomandano che quelli con una storia di anafilassi debbano essere tenuti sotto osservazione per 30 minuti dopo la vaccinazione. Tutti gli altri pazienti possono essere osservati per 15 minuti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Stone CA et al. J Allergy Clin Immunol Pract 2019; 7(5):1533-40.

Su JR et al. J Allergy Clin Immunol 2019; 143(4):1465–1473.

McNeil MM et al. J Allergy Clin Immunol 2018; 141(2):463-72.

McNeil MM et al. J Allergy Clin Immunol 2016; 137(3):868–878.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI