HomeATTUALITA' & SALUTEDosi distanti o vicine? Pfizer e Astra-Zeneca più efficaci se somministrati a...

Dosi distanti o vicine? Pfizer e Astra-Zeneca più efficaci se somministrati a distanza

I vaccini COVID-19 attualmente in fase di lancio in molti paesi hanno mostrato una notevole potenza nel controllo dell’infezione da coronavirus 2 della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2) e dell’infezione sintomatica da COVID-19. La maggior parte di questi vaccini segue un regime a due dosi somministrato a intervalli fissi. Negli studi clinici, la più alta risposta immunitaria negli individui vaccinati è stata osservata 1-2 settimane dopo la 2a dose. Tuttavia, per accelerare la copertura vaccinale, alcuni paesi hanno pianificato di aumentare l’intervallo tra due dosi in modo che un’ampia percentuale della popolazione generale possa essere vaccinata con almeno una dose di vaccino. Gli studi che determinano l’efficacia del vaccino in situazioni pandemiche del mondo reale hanno dimostrato che questa strategia di vaccinazione a intervalli prolungati è altamente efficace nell’indurre risposte immunitarie più robuste. Infatti, scienziati dell’Università di Birmingham e della Public Health England, Regno Unito, hanno recentemente studiato le dinamiche delle risposte immunitarie negli anziani che hanno ricevuto due dosi del vaccino Pfizer/BioNTech COVID-19 a intervalli standard o prolungati.

I risultati dello studio rivelano che una vaccinazione a intervallo prolungato può aumentare la risposta immunitaria umorale di 3,5 volte. In questo studio, gli scienziati hanno esaminato la variazione della risposta immunitaria nelle persone anziane che hanno ricevuto due dosi del vaccino COVID-19 BNT162b2 (Pfizer/BioNTech) a un intervallo standard o a un intervallo prolungato. Il vaccino BNT162b2 basato su mRNA e mirato alla proteina spike ha mostrato un’efficacia superiore al 90% nel ridurre l’infezione e la malattia sintomatica quando somministrato con un intervallo di tre settimane tra le due dosi. Inoltre, studi hanno dimostrato che circa il 90% delle persone anziane (80 anni e oltre) che hanno ricevuto solo una singola dose di vaccino sviluppa risposte immunitarie umorali dopo 5 settimane di immunizzazione. Lo studio è stato inizialmente avviato con 172 individui di età pari o superiore a 80 anni. Di tutti i partecipanti, 99 hanno ricevuto le due dosi di vaccino BNT162b2 a un intervallo di 3 settimane (intervallo standard); considerando che, 73 partecipanti hanno ricevuto le due dosi a un intervallo di 11-12 settimane (intervallo prolungato).

Tuttavia, nelle coorti finali, 10 partecipanti dal gruppo a intervallo standard e 5 partecipanti dal gruppo a intervallo esteso sono stati esclusi in quanto sieropositivi contro SARS-CoV-2. Nel gruppo con intervallo standard, gli anticorpi specifici per il picco sono stati rilevati nel 100% dei partecipanti in entrambi i punti temporali. Tra i partecipanti, è stata osservata una risposta anticorpale di picco dopo la seconda dose, seguita da una riduzione di 2,6 volte nelle settimane successive. Nel gruppo a intervallo prolungato, gli anticorpi sono stati rilevati nel 91% e nel 100% dei partecipanti rispettivamente al 1 ° e al 2 ° tempo. Tra i partecipanti, è stato osservato un aumento di 242 volte della risposta anticorpale dopo la seconda dose di vaccino rispetto alla prima dose. Confrontando la robustezza dell’immunità umorale dopo la seconda dose di vaccino, è stata osservata una risposta anticorpale 3,5 volte superiore nei partecipanti vaccinati con il regime a intervalli prolungati. Tra i partecipanti al gruppo con intervallo standard, circa il 60% ha mostrato una risposta delle cellule T specifica per i picchi 2-3 settimane dopo la seconda dose. Tuttavia, dopo 8-9 settimane, solo il 15% di loro ha mostrato una risposta delle cellule T.

Al contrario, solo l’8% dei partecipanti nel gruppo a intervallo prolungato ha dimostrato la risposta delle cellule T dopo la prima dose. Tuttavia, la percentuale di partecipanti è aumentata al 31% dopo la seconda dose di vaccino. Confrontando le risposte cellulari di picco dopo la 2a dose, è stato osservato che il regime a intervalli standard è più efficace del regime a intervalli prolungati nell’indurre la risposta delle cellule T. I risultati dello studio, quindi, evidenziano l’importanza di un regime a intervalli prolungati per il vaccino BNT162b2 in termini di induzione di una risposta anticorpale più forte tra gli anziani. Sebbene associata a una risposta delle cellule T inferiore, una strategia di vaccinazione a intervallo prolungato può essere particolarmente efficace per fornire una protezione duratura contro l’infezione da SARS-CoV-2 tra gli individui vulnerabili. Un altro studio simile indica che la maggior parte dei vaccini mostra sieroconversione all’antigene del picco del virus entro quattro settimane dalla prima dose Pfizer o Astra-Zeneca (Oxford), anche se prima con il vaccino Pfizer. Tuttavia, a quattro settimane, entrambi mostrano un’efficacia equivalente in termini di proporzione di individui sieroconvertiti in entrambi i gruppi (96%) e titoli anticorpali con picco a otto settimane.

I tassi di sieroconversione leggermente inferiori rispetto ai tassi del 97% e del 99% riportati a 14 o più giorni da una dose dei vaccini Oxford e Pfizer potrebbero essere dovuti alla natura eterogenea di questa coorte, inclusi sia coloro che sono più anziani che quelli con altre malattie. Lo studio REACT2 ha mostrato solo l’84% di sieroconversione dopo una singola dose del vaccino Pfizer, forse a causa dell’uso di un test diverso. Gli studi di modellizzazione confermano i risultati dello studio. Gli individui immunocompromessi mostrano i tassi di sieroconversione più bassi rispetto ad altri. La sieroconversione si è verificata nell’86% dei primi contro il 97% dei secondi. In particolare, solo un terzo dei destinatari di trapianto di organi si è sieroconvertito e poco più della metà dei destinatari di radioterapia. Oltre l’83% di coloro che assumevano steroidi o altri immunosoppressori, inclusa la chemioterapia antitumorale e la terapia mirata, erano sieropositivi a 28 o più giorni dalla prima dose. Sorprendentemente, dopo due dosi, la maggior parte delle persone era sieropositiva (95% -100%), anche se questo è sceso all’80% in quelli con tumori del sangue.

Il vaccino Pfizer ha suscitato un titolo mediano di 41 U / mL a 28 giorni e 42 giorni, rispetto a 30 e 35 U/mL con il vaccino di Oxford in questi punti temporali. Tuttavia, non è stata osservata alcuna differenza a 56 giorni o oltre. Insieme al diabete e alle malattie cardiovascolari, l’immunità soppressa è anche il fattore di rischio più significativo per titoli anticorpali con picchi inferiori dopo la prima dose. Gli anziani (≥80 anni) hanno titoli anticorpali inferiori (26 U/mL) rispetto a 63 U/mL nei soggetti di età compresa tra 18 e 34 anni. Questa disparità è stata suggerita da dati precedenti. Tuttavia, ciò non ha un evidente impatto clinico in termini di numero di infezioni gravi o morte. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che, anche all’inizio, le persone anziane sono già a maggior rischio di esiti negativi.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lopez Bernal J et al. BMJ. 2021 May 13; 373:n1088. 

Vasileiou E et al. Lancet. 2021; 397(10285):1646-57.

Emary KRW et al. Lancet. 2021; 397(10282):1351-62. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI