HomeBIOMEDICINA & SALUTEOmega-3 per la salute: cosa ne pensa la scienza per psoriasi e...

Omega-3 per la salute: cosa ne pensa la scienza per psoriasi e malattie cardiache?

Gli acidi grassi omega-3 hanno dimostrato di avere vari benefici per la salute, tra cui migliori condizioni della pelle e aumento della salute del cuore. La ricerca ha suggerito che gli omega-3 possono migliorare vari segni e sintomi della psoriasi. Una revisione completa degli studi scientifici, pubblicata sul Journal of the American Academy of Dermatology un paio di anni fa, ha mostrato che i sintomi della psoriasi delle persone che assumevano omega-3 sono migliorati in 12 studi su 15. I benefici includevano miglioramenti nel prurito, nell’arrossamento della pelle, desquamazione e infiammazione. I ricercatori suggeriscono che se assunto per via orale, per un periodo di 3 mesi o più, l’omega-3 è stato più efficace. Insieme ai sintomi esterni, gli omega-3 possono anche aiutare con i rischi per la salute a lungo termine. Le persone con psoriasi hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache e gli omega-3 possono ridurre il rischio di morte cardiaca e malattie cardiache. Le attuali linee guida dietetiche americane affermano che includere i frutti di mare nella dieta è associato a un ridotto rischio di malattie cardiache. Inoltre, le persone possono avere un rischio ridotto di obesità quando consumano frutti di mare.

Tuttavia, non tutti gli studi sono d’accordo. È anche importante notare che molti studi di ricerca danno ai partecipanti alte dosi di omega-3 o somministrano omega-3 mediante iniezione endovenosa o flebo (IV). Di conseguenza, i risultati non riflettono sempre ciò che le persone potrebbero sperimentare nella loro vita quotidiana. Per ottenere i benefici degli omega-3, le persone dovrebbero assicurarsi che i loro integratori contengano un equilibrio di EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico). Questi sono presenti nella maggior parte degli integratori di olio di pesce. Parlando di loro, attualmente i medici o i dermatologi raccomandano che le persone inizino lentamente quando iniziano a prendere integratori di omega-3. Le persone dovrebbero assumere integratori di omega-3 durante o immediatamente dopo un pasto per ottenere i migliori effetti. Prima di prendere gli omega-3 per la psoriasi, dovrebbero parlare con un medico. La ricerca è ancora in corso per quanto riguarda le migliori fonti di omega-3. Gli integratori sono un’opzione più economica per gli omega-3, in particolare quando qualcuno non mangia pesce.

Tuttavia, l’omega-3 può essere assorbito meglio dall’organismo se ottenuto da fonti alimentari rispetto a quando assunto come integratore. Esistono molti modi per integrare gli omega-3 nella dieta. Prodotti specifici hanno ingredienti diversi, quindi le persone dovrebbero leggere le etichette nutrizionali per saperne di più su cosa contiene ogni integratore. Alcune fonti di cibo sano per gli omega-3 includono: salmone, aringhe, sardine, sgombri, noci, olio di lino e semi di chia. Al momento non ci sono ricerche che suggeriscano che una fonte di omega-3 sia migliore di un’altra per la psoriasi. A seconda delle preferenze di una persona, può scegliere tra una gamma di fonti popolari di integratori di omega-3. Le persone possono trovarli in molti supermercati o farmacie. I tipi più comuni di integratori di omega-3 sono: olio di pesce, olio di krill, olio di alghe e olio di semi di lino. Medici e scienziati continuano a non sapere quali integratori siano i migliori per migliorare i sintomi della psoriasi, ma la ricerca è in corso.

Ma riguardo alle malattie cardiache, cosa si deve fare? Gli omega-3 è noto che hanno un effetto benefico sulla prevenzione delle maggiori malattie cardiovascolari; sono promossi come fonti alimentari e come integratori accodati alle principali classi di farmaci dedicati alle cardiopatie. Era stato persino detto che la loro assunzione regolare potesse prevenire una buona percentuale di morti improvvise dovute ad arresto cardiaco imprevisto.Un ultimo studio però fa spuntare dei dubbi: una ricerca dell’Intermountain Healthcare Heart Institute di Salt Lake City rileva che livelli ematici più elevati di EPA da soli hanno ridotto il rischio di eventi cardiaci maggiori e morte nei pazienti, mentre il DHA ha attenuato i benefici cardiovascolari dell’EPA. Livelli di DHA più elevati a qualsiasi livello di EPA hanno peggiorato i risultati di salute. In questo studio, i ricercatori di Intermountain hanno utilizzato il registro INSPIRE, un database Intermountain Healthcare avviato nel 1993 che contiene più di 35.000 campioni di sangue di quasi 25.000 pazienti.

Attraverso INSPIRE, i ricercatori hanno identificato 987 pazienti sottoposti al loro primo studio angiografico coronarico documentato presso Intermountain Healthcare tra il 1994 e il 2012. Da quei campioni di sangue, sono stati misurati i livelli circolanti di EPA e DHA nel sangue. I ricercatori hanno quindi monitorato quei pazienti per 10 anni, alla ricerca di eventi avversi cardiaci importanti, che includevano infarto, ictus, insufficienza cardiaca che richiedeva ricovero in ospedale o morte. Hanno scoperto che i pazienti con i più alti livelli di EPA avevano un rischio ridotto di eventi cardiaci maggiori. Nel valutare come l’EPA e il DHA si influenzano a vicenda, hanno scoperto che un DHA più elevato smorza i benefici dell’EPA. In particolare, hanno anche scoperto che quei pazienti con livelli più elevati di DHA rispetto all’EPA erano più a rischio di problemi cardiaci. In parole povere, i ricercatori sono favorevoli al consumo alimentare delle fonti di omega-3 a tavola ma non raccomandano l’assunzione di integratori standardizzati.

Sarà meglio? Difficile dirlo adesso, dato che le nozioni cambiano con gli aggiornamenti sulle scoperte e con l’allargamento delle prove cliniche che si accumulano ogni anno.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Harris WS, Tintle NL et al. Nat Commun. 2021 Apr; 12(1):2329. 

Choi H et al. Eur Rev Med Pharmacol Sci. 2021; 25(4):2079-92. 

Sekikawa A, Cui C et al. Nutrients. 2019 Oct 30; 11(11):2599.

Kristensen S et al. Scandin J Rheumatol. 2018; 47(1):27-36.

Yousefzadeh H et al. Complement Ther Med. 2017; 33:65-71.

Afifi L et al. Dermatol Ther (Heidelb). 2017 Jun; 7(2):227-242.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI