HomeRICERCA & SALUTEImmunoterapia per i tumori mammari: e se invece degli standard si colpissero...

Immunoterapia per i tumori mammari: e se invece degli standard si colpissero altri ormoni?

In un nuovo studio condotto da ricercatori dello Yale Cancer Center, la combinazione del farmaco immunoterapico durvalumab e dell’inibitore di PARP olaparib con la chemioterapia ha migliorato la risposta al trattamento per le donne con carcinoma mammario HER2-negativo ad alto rischio, incluso un sottogruppo di tumori positivi al recettore degli estrogeni. I risultati, parte dello studio clinico I-SPY2, sono stati appena pubblicati sulla rivista Cancer Cell. Durvalumab è un’immunoterapia inibitrice del checkpoint progettata per liberare le cellule T del sistema immunitario contro i tumori inibendo una proteina sulla superficie delle cellule T chiamata PD-1. I farmaci inibitori di PARP, come olaparib, aiutano a riparare i danni al DNA causati dalla chemioterapia. I ricercatori hanno studiato i risultati di un piccolo studio clinico randomizzato, di fase II, I-SPY2 sul carcinoma mammario HER2-negativo in stadio II/III. Settantatre pazienti sono stati trattati con durvalumab e olaparib seguiti da chemioterapia neoadiuvante standard, mentre 299 pazienti hanno ricevuto lo standard di cura.

I risultati hanno mostrato che i pazienti trattati con durvalumab più olaparib hanno migliorato i tassi di risposta patologica completa stimata (sovracontrollo) dal 20% al 37% nei tumori HER2-negativi, dal 14% al 28% nei tumori HR-positivi/HER2-negativi e dal 27% al 47% nel carcinoma mammario triplo negativo (TNBC). I-SPY (Investigation of Serial Studies to Predict Your Therapeutic Response with Imaging and Molecular Analysis) 2 è uno studio multicentrico di fase 2 per valutare nuovi agenti come terapia pre-chirurgica per il cancro al seno. Lo studio è una collaborazione tra 20 centri di ricerca sul cancro americani, la FDA degli Stati Uniti e la Foundation for the National Institutes of Health Cancer Biomarkers Consortium. Il supporto principale per I-SPY 2 è venuto dal Quantum Leap Healthcare Collaborative. Il prossimo passo per questa ricerca è condurre uno studio di convalida randomizzato più ampio. Gli scienziati sperano che i risultati cambieranno la pratica nel trattamento di questa malattia. Il finanziamento per questo studio è stato fornito da AstraZeneca.

Una seconda modalità di sfruttare il sistema immunitario in modo innovativo è in via di elaborazione da parte del team del Professor Yanzhang Wei del Dipartiemto di Biologia del Collegio Cinese delle Scienze. La maggior parte delle terapie mirate al cancro al seno ha come bersaglio uno dei tre recettori: recettori degli estrogeni, recettori del progesterone o recettori del fattore di crescita epidermico. Tuttavia, fino al 20% dei tumori al seno non esprime questi recettori. Questi tumori sono noti come cancro al seno triplo negativo. Il triplo negativo è il sottotipo più letale di cancro al seno a causa dell’elevata eterogeneità, dell’elevata frequenza di metastasi, della recidiva precoce dopo la chemioterapia standard e della mancanza di opzioni terapeutiche efficienti. In questa nuova ricerca, Wei e i suoi ricercatori hanno preso di mira i recettori della prolattina. La prolattina è un ormone naturale nel corpo e svolge un ruolo nella crescita del seno e nella produzione di latte durante l’allattamento.

Oltre il 90% delle cellule del cancro al seno esprime i recettori della prolattina, comprese le cellule del cancro al seno triplo negativo. Il professor Wei e il suo team hanno sviluppato una proteina bifunzionale. Una parte è una forma mutata di prolattina che può ancora legarsi al recettore della prolattina ma blocca la trasduzione del segnale che promuoverebbe la crescita del tumore. L’altra parte è un dominio extracellulare della proteina correlata alla catena di classe I del complesso maggiore di istocompatibilità (MICA). Quando la MICA si lega al recettore della prolattina, attiva i linfociti natural killer (NK). Wei sta ora cercando finanziamenti per uno studio su un modello animale per confermare i risultati. Una grande domanda è se la proteina bifunzionale porterà le cellule natural killer alle cellule sane del corpo che esprimono anche i recettori della prolattina e li uccidono, causando gravi effetti collaterali. Se gli studi sui modelli animali avranno successo, il potenziale nuovo trattamento potrebbe passare agli studi clinici sull’uomo.

Lo sviluppo di una nuova immunoterapia per il cancro non è una novità per il professor Wei. La sua ricerca che combina le cellule tumorali con le cellule dendritiche, una parte importante del sistema immunitario adattativo del corpo, ha portato a un vaccino contro il dendritoma che si è dimostrato efficace nei pazienti con melanoma, carcinoma a cellule renali e neuroblastoma. Il vaccino è stato brevettato e concesso in licenza a tre aziende biotecnologiche e due società stanno perseguendo la terapia vaccinale o quella correlata.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Antill Y et al. J Immunother Cancer. 2021; 9(6):e002255.

Ding H et al. PLoS One 2021 Jun 2;16(6):e0252662.

Isaacs J et al. Curr Treat Options Oncol. 2021; 22(5):38.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI