HomeLAVORO & SALUTEVaccinazioni professionali: la scelta Pfizer per i sanitari e per le sanitarie...

Vaccinazioni professionali: la scelta Pfizer per i sanitari e per le sanitarie che allattano

Diversi vaccini vengono ora utilizzati in tutto il mondo per combattere la pandemia di coronavirus 2019 (COVID-19). Uno di questi è un vaccino mRNA sviluppato da Pfizer-BioNTech. Il vaccino BNT162b2 ha una nanoparticella lipidica contenente un RNA che codifica per la proteina spike del coronavirus SARS-CoV-2. Il vaccino viene somministrato per via intramuscolare in due dosi. Tuttavia, ci sono alcune prove che anche una sola dose del vaccino può fornire una certa protezione contro l’infezione asintomatica. In Italia, la vaccinazione è iniziata a fine dicembre 2020 con le prime dosi somministrate a gruppi prioritari identificati. Uno studio sugli operatori sanitari a cui è stata somministrata la prima dose del vaccino BNT162b2 in Italia ha mostrato che avevano ridotto i sintomi e una clearance virale più rapida anche entro sei giorni dalla somministrazione del vaccino. I ricercatori hanno studiato l’effetto di una dose di BNT162b2 sulla durata dei sintomi e sulla clearance virale negli operatori sanitari. Hanno riportato i loro risultati sulla rivista Vaccines.

Il team ha analizzato i dati raccolti di routine per gli operatori sanitari vaccinati tra dicembre 2020 e febbraio 2021. Hanno identificato casi documentati di infezione da SARS-CoV-2, tipi di sintomi, durata dei sintomi e tempo necessario per l’eliminazione del virus. Durante la somministrazione della prima dose del vaccino, 18 operatori sanitari sono risultati positivi entro 12 giorni dalla vaccinazione e la metà ha mostrato sintomi. Dare agli operatori sanitari la prima dose di vaccino ha ridotto la durata dei sintomi e la clearance virale anche entro sei giorni dalla somministrazione. Poiché il tempo medio di incubazione di SARS-CoV-2 è di circa 5-6 giorni, le infezioni probabilmente si sono verificate proprio intorno al momento della vaccinazione. Cinque sono risultati positivi tra 13 e 21 giorni dall’assunzione della prima dose e circa il 40% di loro ha mostrato sintomi. La presenza di sintomi e la clearance virale è stata molto più breve in questo caso. Pertanto, anche una sola dose del vaccino è efficace nel ridurre i sintomi e il tempo per l’eliminazione virale negli operatori sanitari vaccinati per meno di 6 giorni.

Sebbene i risultati mostrino il beneficio anche di una singola dose del vaccino mRNA, gli autori sottolineano alcune limitazioni, che includono un basso numero di campioni ottenuti rendendo l’analisi statistica di qualità inferiore. Con una carenza di vaccini in diversi paesi europei, si stanno prendendo in considerazione strategie per posticipare la seconda dose per fornire una protezione almeno parziale a una percentuale maggiore della popolazione. Tuttavia, esiste anche il rischio di una protezione incompleta, soprattutto per le persone ad alto rischio di infezione. I risultati indicano che una dose del vaccino riduce i sintomi e il tempo per la clearance virale, suggerendo un impatto elevato anche di una sola dose del vaccino. Poiché una durata più breve dei sintomi e il tempo per ridurre la carica virale possono ridurre la trasmissione del virus, anche la somministrazione di una dose del vaccino può ridurre significativamente la diffusione.

Tuttavia, la riduzione dei sintomi e una rapida diminuzione della carica virale possono portare a sottostimare il numero di individui asintomatici, che costituiscono una proporzione significativa nella trasmissione di COVID-19. Ciò rende importante studiare un passaggio a potenziali infezioni asintomatiche dopo solo una singola dose del vaccino. Attualmente, l’Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP) raccomanda di posticipare la somministrazione del vaccino BNT162b2 a persone con un’esposizione ad alto rischio supponendo che la prima dose non sia efficace. Tuttavia, come mostrato in questo studio, a causa della durata più breve della clearance virale e dei sintomi ridotti, somministrare almeno una dose potrebbe essere utile. Uno studio parallelo condotto da ricercatori polacchi ha confermato, invece, che livelli di anticorpi IgA e IgG specifici per la glicoproteina spike di SARS-CoV-2 aumentano sia nel latte materno che nei campioni di siero delle madri dopo la vaccinazione contro il COVID-19, con importanti implicazioni per ulteriori sforzi di pianificazione del vaccino.

La popolazione dello studio ha coinvolto 32 donne che allattavano al seno che in precedenza avevano deciso di assumere il vaccino a causa del loro impiego nel settore sanitario e del conseguente rischio professionale di contrarre il COVID-19. C’era anche un gruppo di controllo che comprendeva 28 donne che allattavano al seno, non vaccinate. Il vaccino Pfizer è stato somministrato per via intramuscolare in due dosi (a distanza di 21 giorni) secondo le normative locali e le caratteristiche del prodotto. Sia i campioni di siero che i campioni di latte materno sono stati raccolti in periodi prestabiliti dopo le vaccinazioni. In breve, è stata rilevata una forte secrezione di anticorpi IgA e IgG specifici per SARS-CoV-2 nel latte materno per sei settimane dopo la vaccinazione. Inoltre, il livello di IgG nel latte materno era rilevabile e altamente correlato ai livelli di IgG nei campioni di siero. Sia gli anticorpi IgG che IgA sono aumentati significativamente nel siero e nel latte materno dopo la vaccinazione – con le più alte concentrazioni di tutti gli anticorpi il giorno 29 dopo la prima dose di vaccino e una diminuzione il giorno 43.

I dati di questi due studi sono rassicuranti, ma il tema della vaccinazione fra i sanitari rischia di farsi serio, considerato che come dichiarato da fonti ufficiali almeno 45.000 professionisti della salute in Italia non sono ancora vaccinati contro il COVID e rischiano sanzioni professionali conseguenti.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Pubblicazioni scientifiche

Coppeta L et al. Vaccines 2021; 9(6):659.

Kelley C et al. J Nurses Prof Dev. 2021 Jun 11.

Trabucco AM et al. Vaccines 2021 May; 9(5):500.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI