HomeRICERCA & SALUTESclerosi multipla: il confronto tra farmaci sicuri e innovativi per le forme...

Sclerosi multipla: il confronto tra farmaci sicuri e innovativi per le forme intermittenti

La sclerosi multipla (SM) è una malattia complicata da trattare e deve essere attentamente monitorata poiché viene gestita con vari farmaci, alcuni dei quali possono avere gravi effetti collaterali. I farmaci ad alta efficacia sono prescritti nella sclerosi multipla precoce per trattare in modo più aggressivo la malattia e si è scoperto che prevengono in modo più efficace le riacutizzazioni e modificano la progressione, ma si sa meno sull’efficacia di queste terapie possono essere successivamente quando le transizioni della SM recidivante-remittente a SM secondaria progressiva. Alla maggior parte delle persone con SM viene inizialmente diagnosticata una SM recidivante-remittente, caratterizzata da riacutizzazioni dei sintomi chiamate ricadute seguite da periodi di quiete chiamati remissione. Più della metà di queste persone alla fine passa alla SM secondaria progressiva, che è un peggioramento lento, costante della malattia che può includere o meno ricadute. Trovare trattamenti per la SM avanzata è stato difficile.

Questo processo è stato complicato dalla scoperta di ulteriori sottotipi di MD che sono stati fraintesi in precedenza. Ma una nuova ricerca può aiutare i neurologi a identificare quali farmaci sono i migliori per le persone con la forma avanzata di SM chiamata SM secondaria progressiva (SPMS). Il nuovo studio, pubblicato nel numero online del 30 giugno di Neurology di quest’anno, la rivista medica dell’American Academy of Neurology, ha scoperto che i più potenti farmaci modificanti la malattia sono più efficaci nel ridurre le riacutizzazioni nella SM secondaria progressiva, rispetto ai farmaci meno potenti che tendono ad essere più sicuri da assumere. Tuttavia, i ricercatori non hanno riscontrato differenze nella velocità di progressione della malattia tra questi due tipi di farmaci. Lo studio ha coinvolto 1.000 persone con SM secondaria progressiva. I partecipanti sono stati seguiti per 10 anni per vedere se avevano ricadute e se diventavano più disabili nel tempo.

I ricercatori hanno diviso i partecipanti in due gruppi, quelli trattati con uno dei farmaci più ad alta efficacia (natalizumab, alemtuzumab, mitoxantrone, ocrelizumab, rituximab, cladribina e fingolimod) e quelli trattati con uno dei farmaci meno potenti, o farmaci a bassa efficacia (interferone, glatiramer acetato e teriflunomide). Le persone in ciascun gruppo sono state abbinate per fattori come il livello di disabilità e per quanto tempo avevano la sindrome premestruale. Dopo aver tenuto conto del tempo di ritardo prima che una persona inizi a sperimentare il beneficio di un farmaco, i ricercatori hanno scoperto che nelle persone con malattia attiva o in quelle che hanno avuto ricadute negli ultimi due anni, le persone trattate con farmaci ad alta efficacia hanno sperimentato il 30% in meno di recidive rispetto alle persone trattate con farmaci a bassa efficacia. Le persone nel gruppo ad alta efficacia hanno sperimentato una media di 0,17 recidive all’anno rispetto a 0,27 recidive all’anno nel gruppo a bassa efficacia.

Un limite dello studio era che i partecipanti erano raggruppati per coloro che assumevano terapie ad alta o bassa efficacia. Tuttavia, le terapie non sono state studiate individualmente. L’autore dello studio Tomas Kalincik, MD, PhD, dell’Università di Melbourne in Australia, ha dichiarato: “Il nostro studio che ha scoperto che le terapie ad alta efficacia sono superiori alle terapie a bassa efficacia solo nel ridurre le ricadute nelle persone con SM progressiva secondaria attiva fornisce una guida preziosa per neurologi quando scelgono le terapie più efficaci per le persone con questa forma di SM. Quando l’obiettivo è alleviare l’attività di recidiva in corso, è giustificata una terapia più potente. Ma quando l’obiettivo è limitare la progressione della disabilità nella SM secondaria progressiva, entrambi i tipi di farmaci mostrano efficacia comparabile. È possibile che le singole terapie possano avere effetti diversi su sintomi e disabilità e raccomandino di essere esaminate separatamente in ricerche future”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Chataway J et al. Curr Med Res Opin. 2021; 37(6):995-1004. 

Coban H et al. Mult Scler Relat Disord. 2021 May; 53:103021. 

Hamatani M, Kondo T. Brain Nerve. 2021 May; 73(5):450-457.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI