HomeALIMENTAZIONE & SALUTEPer evitare di riprendere i chili persi, la dieta o l'esercizio separatamente...

Per evitare di riprendere i chili persi, la dieta o l’esercizio separatamente non bastano

In tutto il mondo, quasi il 40% è in sovrappeso e il 13% convive con l’obesità. La metà della popolazione danese è in sovrappeso, mentre il 17% convive con l’obesità. Il recupero di peso dopo una perdita di peso iniziale di successo nelle persone con obesità, costituisce un problema importante e irrisolto. I fattori più considerati nella questione sono stati considerati cattive abitudini alimentari, tipologia di cibo e squilibri ormonali. Fino ad ora, non è stato disponibile nessuno studio ben documentato su quale metodo di trattamento sia il migliore per mantenere una sana perdita di peso. L’anno scorso, ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno pubblicato sulla rivista medica The New England Journal of Medicine. una ricerca rivoluzionaria. Testando quattro diversi tipi di trattamento a seguito di una perdita di peso indotta dalla dieta, i ricercatori guidati dal professor Signe Torekov dimostrano per la prima volta come sia possibile per le persone obese mantenere la perdita di peso a lungo termine.

In uno studio clinico randomizzato, il gruppo di ricercatori ha dimostrato un trattamento altamente efficace dopo una perdita di peso indotta dalla dieta, combinando un esercizio da moderato a intenso, intenso con la liragalutide, un analogo dell’ormone GLP-1 che inibisce l’appetito. Il professor Torekov ha spiegato: “Questa è una nuova conoscenza da utilizzare nella pratica per medici, dietologi e fisioterapisti. L’appetito aumenta contemporaneamente alla diminuzione del consumo di energia e questo contrasta il mantenimento della perdita di peso. Abbiamo un ormone stimolante l’appetito, che aumenta notevolmente quando perdiamo peso, e contemporaneamente il livello di ormoni che sopprimono l’appetito diminuisce drasticamente. Inoltre, una perdita di peso può provocare la perdita di massa muscolare, mentre il corpo riduce il consumo di energia. Quindi, quando il focus nel trattamento dell’obesità è stato su come ottenere una perdita di peso – piuttosto che su come mantenerla – è davvero difficile fare qualcosa al riguardo”.

Un totale di 215 danesi con obesità e bassi livelli di fitness hanno partecipato allo studio. I partecipanti inizialmente hanno seguito una dieta ipocalorica per otto settimane, dove hanno perso circa 13 kg ciascuno, il che ha portato miglioramenti significativi alla loro salute con un calo della glicemia e della pressione sanguigna. I partecipanti sono stati poi divisi casualmente in quattro gruppi. Due dei gruppi hanno ricevuto farmaci placebo, mentre gli altri due gruppi hanno ricevuto farmaci per l’obesità. Tra i due gruppi placebo, un gruppo ha seguito un programma di esercizi di almeno 150 minuti di attività fisica a intensità moderata o 75 minuti a intensità vigorosa durante la settimana o una combinazione dei due. Mentre l’altro gruppo ha mantenuto il livello attuale di attività fisica.  Tutti i partecipanti allo studio sono stati pesati mensilmente e hanno ricevuto consulenza nutrizionale e dietetica con l’obiettivo di una sana perdita di peso secondo le linee guida delle amministrazioni alimentari e sanitarie danesi.

Dopo un anno, il gruppo con solo esercizio fisico e il gruppo con farmaci per l’obesità da soli hanno mantenuto la perdita di peso di 13 kg e miglioramenti della salute. Il gruppo placebo ha guadagnato metà del peso con il deterioramento di tutti i fattori di rischio, ad esempio per lo sviluppo del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari. I miglioramenti più drammatici si sono verificati nel gruppo di combinazione, che ha seguito il programma di esercizi e ha ricevuto farmaci per l’obesità. I ricercatori hanno osservato un’ulteriore perdita di peso in questo gruppo e la perdita di peso totale è stata di circa 16 kg in un anno. I benefici per la salute erano anche il doppio di quelli di ciascuno dei singoli trattamenti. I due gruppi che si sono esercitati hanno aumentato la loro valutazione della forma fisica, perso massa grassa e guadagnato massa muscolare. Ciò potrebbe indicare una perdita di peso più sana rispetto alle persone che avevano perso solo massa grassa senza aumentare la valutazione della forma fisica.

Il professor Torekov sottolinea che molte persone con obesità hanno provato a perdere peso prima, solo per poi riguadagnare il peso. Questo accade, perché il consiglio generale è quello di mangiare in modo più sano e fare più esercizio: “È un’ottima notizia per la salute pubblica che si possa mantenere una significativa perdita di peso con l’esercizio per circa due ore a settimana, eseguito principalmente a intensità vigorosa, come andare in bicicletta. E che combinando l’esercizio con i farmaci per l’obesità, l’effetto è doppio rispetto a ciascuno dei singoli trattamenti. Senza un follow-up sul fatto che le persone abbiano effettivamente supporto per eseguire l’esercizio, il trattamento non sarà sufficiente. Pertanto, abbiamo anche seguito i partecipanti su base continuativa per garantire che ricevessero il supporto di cui avevano bisogno per esercitare. Ciò è necessario, perché mantenere la perdita di peso è estremamente difficile. Le persone devono capire che dovranno probabilmente continuare per anni con la disciplina”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lundgren JR et al. N Engl J Med. 2021 May; 384(18):1719-1730. 

Jensen SBK, Lundgren JR et al. BMJ Open. 2019; 9(11):e031431.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI