HomeATTUALITA' & SALUTELa protezione dei vaccini COVID contro le varianti: la rete delle informazioni...

La protezione dei vaccini COVID contro le varianti: la rete delle informazioni si espande

Nelle situazioni di pandemia del mondo reale, la maggior parte dei vaccini COVID-19 ha mostrato un’efficacia equivalente contro l’originale SARS-CoV-2 e la variante B.1.1.7 o Alpha o inglese. Tuttavia, in generale, gli anticorpi indotti dalla vaccinazione o dall’infezione naturale hanno mostrato un’efficacia significativamente inferiore nel neutralizzare le varianti B.1.351 e P1, che sono state identificate per la prima volta in Sud Africa e Brasile, rispettivamente. La presenza di mutazioni spike E484K e K417N nella variante B.1.351 e mutazioni spike E484K e K417T nella variante P1 è stata attribuita alle loro capacità di evasione immunitaria. Uno studio caso-controllo a livello nazionale condotto in Francia ha valutato l’efficacia dei vaccini COVID-19 a base di mRNA contro il coronavirus originale SARS-CoV-2 e le sue varianti, tra cui B.1.1.7 (Alpha), B.1.351 (Beta) e P1. In situazioni di pandemia reale, il regime a due dosi di vaccini mRNA ha mostrato un’efficacia protettiva equivalente contro il virus originale e la variante Alpha e un’efficacia leggermente ridotta contro le varianti Beta e P1.

Questo studio caso-controllo a livello nazionale è stato condotto su 7.288 adulti infettati dal virus SARS-CoV-2 originale, 31.313 con la variante Alpha, 2.550 con le varianti Beta. Inoltre, 3.644 individui non infetti sono stati inclusi come controlli. A tutti i partecipanti è stato chiesto di completare un questionario di indagine online progettato per raccogliere informazioni sulle caratteristiche sociodemografiche, condizioni di salute preesistenti, recenti risultati dei test SARS-CoV-2, recenti esposizioni virali correlate all’attività e dettagli sulla vaccinazione. Nello specifico, gli scienziati miravano a valutare l’efficacia di due vaccini mRNA, BNT162b2 (Pfizer/BioNTech) e mRNA-1273 (Moderna), in contesti di pandemia del mondo reale. Tuttavia, a causa della mancanza di informazioni sulla vaccinazione, potrebbero determinare separatamente l’efficacia di due vaccini. Sulla base dei risultati dell’indagine, la suscettibilità all’acquisizione dell’infezione B.1.1.7 o B.1.351/P1 era relativamente più elevata tra i partecipanti di sesso maschile, gli operatori non sanitari e quelli con livelli di istruzione più elevati.

Una suscettibilità significativamente maggiore all’acquisizione dell’infezione da B.1.351/P1 è stata osservata tra i partecipanti anche dopo aver ricevuto due dosi di vaccini mRNA. Una storia recente di infezione da SARS-CoV-2 confermata dalla PCR (2-6 mesi) è risultata protettiva dall’83% all’88% contro tutte le varianti virali testate. Allo stesso modo, una storia relativamente lontana di infezione da SARS-CoV-2 (più di 6 mesi) è risultata essere protettiva del 74-84% contro tutte le varianti virali. L’efficacia protettiva dei vaccini mRNA 7 giorni dopo la 2a dose è risultata essere dell’88% contro l’originale SARS-CoV-2, l’86% contro la variante Alpha e il 77% contro le varianti Beta/P1. Questo non è il solo studio ad aver indagato l’effetto dei vaccini sulle varianti: un’altra ricerca ha studiato l’effetto del vaccino Moderna sulle varianti Alpha e Beta, basandosi sui dati raccolti in Qatar, dove furono evidenziate le due varianti del coronavirus. I cicli settimanali di test casuali hanno raccolto 3.924 campioni identificativi, fornendo proporzioni approssimative per Alpha e Beta nella popolazione del 66,4% e del 24,7%, rispettivamente.

Contro la variante B.1.1.7, definita da quelli con tampone B.1.1.7 positivo, il vaccino ha generato una risposta immunitaria trascurabile per due settimane dopo la prima dose, pur raggiungendo l’81,6% e il 94,4% nelle settimane tre e quattro. La seconda dose ha quindi indotto un’immunità del 99,2% per due settimane, salendo al 100% per almeno due settimane successive. Allo stesso modo, il vaccino ha generato una scarsa risposta immunitaria per le prime due settimane dopo la prima dose contro la variante di preoccupazione B.1.351, raggiungendo il 47,9% e il 73,7% nelle settimane tre e quattro. Tuttavia, la seconda dose del vaccino ha causato un aumento dell’efficacia al 96,4% due settimane o più dopo. Anche le varianti B.1.1.7 e B.1.351 SARS-CoV-2 hanno registrato cali simili in termini di gravità della malattia o probabilità di decesso in seguito alla somministrazione dei vaccini, con scarso effetto nelle settimane uno e due, aumentando rapidamente al 70,3% e al 92,1% di efficacia nelle settimane tre e quattro. Due o più settimane dopo la seconda dose, l’efficacia del vaccino nel limitare la gravità della malattia ha raggiunto il 95,7%, con un’efficacia del vaccino contro l’infezione sintomatica (cioè individui infetti, ma senza sintomi) determinata al 98,6%.

L’efficacia del vaccino contro l’infezione asintomatica, in assenza di infezione, è stata calcolata pari al 92,5%. Lo sviluppo della protezione contro la variante Beta ha mostrato un tasso di accumulo più lento rispetto alla variante Alpha. Inoltre, la maggior parte della protezione viene fornita dopo la somministrazione di una sola dose dopo un tempo sufficiente, il che è supportato da altri studi e suggerisce che una seconda dose ritardata o assente può essere una valida strategia di risparmio del vaccino. In ogni caso, questi risultati suggeriscono che il vaccino mantiene una buona efficacia contro le varianti B1.1.7 e B.1.351 sotto tutti gli aspetti, paragonabile a quella osservata contro il SARS-CoV-2 originale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Charmet T et al. Lancet Reg Health Eur 2021; 8:100171.

Cheimatelly H, Yassine HM et al. Nature Med 2021 Jul 9.

Badel LR et al. New Engl J Med. 2021; 384:403–416.

Lopez Bernal J et al. British Med J. 2021; 373:n1088.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI