HomeALIMENTAZIONE & SALUTENutrizione a tavola: la fibromialgia può risentire positivamente di diete vegetariane o...

Nutrizione a tavola: la fibromialgia può risentire positivamente di diete vegetariane o vegane?

La fibromialgia (FM) è una malattia cronica non degenerativa, ad eziologia poco chiara senza un trattamento medico efficace che colpisce soprattutto le donne. Allo stato attuale, i criteri diagnostici e di classificazione sono ancora oggetto di dibattito. Di conseguenza, anche i trattamenti per la FM sono in fase di studio. Nessun singolo trattamento ha ottenuto una riduzione dei sintomi. La prevalenza della FM non è stata determinata utilizzando una base di popolazione ampia o internazionale, ma si stima comunemente che colpisca l’1-3% della popolazione. La FM è la terza malattia muscoloscheletrica più comune e la sua presenza aumenta con l’età. Il dolore provato non solo riduce la qualità complessiva della vita, ma ha anche un impatto significativo sulle funzioni di base come il sonno e le capacità cognitive. È spesso accompagnato da altri sintomi caratteristici, come affaticamento o rigidità mattutina, mal di testa, sindrome dell’intestino irritabile, ansia o depressione. Il comportamento alimentare e l’assunzione alimentare sono fattori dello stile di vita che potrebbero influenzare l’insorgenza, il mantenimento e la percezione del dolore muscoloscheletrico cronico.

La mancanza di un trattamento efficace ha portato i pazienti affetti da FM a chiedersi se i cambiamenti nella dieta possano apportare miglioramenti. Pertanto, è di importanza cruciale rivedere ciò che è noto e indagare su cos’altro potrebbe essere fatto per migliorare la salute e la qualità della vita in questi pazienti. Prove scientifiche più recenti hanno scoperto che alcuni trattamenti come la farmacoterapia, le terapie psicologiche, l’educazione del paziente, la fisioterapia e gli interventi dietetici sono efficaci per ridurre i sintomi. Una dieta sana è essenziale, soprattutto nei pazienti con malattie croniche. Nella dieta occidentale onnivora si trovano sempre più cibi ricchi di nutrienti pro-infiammatori come il glutammato. Questi composti aggravano i sintomi della FM. Una dieta ricca di antiossidanti come una dieta a base vegetale (dieta vegetariana e vegana) aiuta ad alleviare questi sintomi. L’American Dietetic Association afferma che le diete vegetariane o vegane sono sane, adeguate dal punto di vista nutrizionale e forniscono benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento delle malattie.

Una dieta vegetariana consiste nel non mangiare carne, pesce o pollame. Tuttavia, i modelli alimentari dei vegetariani possono essere molto diversi. Un latto-ovo-vegetariano è caratterizzato da una dieta a base di cereali, verdura, frutta, legumi, semi, noci, latticini e uova, ma esclude carne, pesce e pollame. Il latto-vegetariano esclude le uova, ma anche carne, pesce e pollame. La dieta vegana o vegetariana pura è come il modello latto-vegetariano, con l’ulteriore esclusione di latticini e altri prodotti animali. Le diete a base vegetale sono caratterizzate da livelli più bassi di grassi saturi, colesterolo e un migliore controllo della glicemia. Inoltre, un’elevata assunzione di alimenti vegetali e quantità limitate di alimenti animali forniscono fibre, magnesio, potassio, boro, acido folico, antiossidanti come vitamine C ed E, carotenoidi e plifenoli. Tuttavia, le diete vegane possono contenere apporti inferiori a quelli raccomandati di vitamina B2, B-12, vitamina D, calcio e zinco. Seguire una dieta vegetariana aiuta a ridurre l’incidenza di ipertensione, malattie cardiovascolari, ictus e sindrome metabolica.

Ha anche un effetto protettivo contro l’incidenza e la mortalità della cardiopatia ischemica e del cancro. La fibromialgia è fortemente associata all’infiammazione. Una dieta vegetariana potrebbe essere un metodo utile per controllare l’infiammazione. Haghighatdoost et al. hanno scoperto nella loro meta-analisi che il vegetarianismo è associato a concentrazioni sieriche di proteina C-reattiva più basse, quando le persone seguono una dieta vegetariana per almeno 2 anni. Allo stesso modo, Craddock et al. hanno scoperto che i modelli vegetariani erano associati a ridotte concentrazioni plasmatiche di proteina C-reattiva, fibrinogeno e leucociti totali. Questi risultati sono coerenti con la ricerca condotta da Aleksandrova et al. che ha trovato un’associazione tra diete a base vegetale e bassi livelli di infiammazione e stress ossidativo. Diverse revisioni hanno dimostrato che le diete vegetariane portano a una maggiore perdita di peso, grasso viscerale, lipidi nel sangue, marker di stress ossidativo e farmaci in alcune malattie croniche (come il diabete di tipo 2, la malattia renale cronica o le malattie reumatiche) rispetto alle diete senza restrizioni alimentari.

Gluba-Brzózka et al. ha esaminato l’effetto delle diete vegetariane sulle malattie croniche, in particolare sulle malattie renali. Questa revisione ha rilevato che i pazienti che hanno seguito diete vegetariane hanno ottenuto un’alimentazione adeguata e benefici cardiovascolari e funzionali. D’altra parte, Hänninen et al. hanno concluso che i soggetti che consumano alimenti vegetali hanno livelli aumentati di carotenoidi, vitamine C ed E e concentrazioni sieriche ridotte di colesterolo. Inoltre, hanno osservato che i soggetti che seguivano una dieta vegana avevano un peso corporeo ridotto, dolori articolari e qualità della vita rispetto agli onnivori. Kahleova et al. ha esaminato l’effetto di una dieta vegana in pazienti con diabete di tipo 2. I risultati che hanno trovato nella revisione sono stati una diminuzione di peso, glucosio plasmatico, HbA1c, lipidi, grasso viscerale, marker di stress ossidativo e farmaci ipoglicemizzanti a causa della minore resistenza all’insulina in quei pazienti che seguivano una dieta a base vegetale, rispetto a quelli che seguivano una dieta onnivora.

Tutte e tre le revisioni sopra menzionate hanno concluso che le diete a base vegetale riducono i fattori di rischio per la salute per le malattie croniche. È stato quindi ipotizzato che una dieta prevalentemente a base vegetale come una dieta vegetariana e vegana fornisca alcuni effetti benefici per le malattie croniche, migliorando la gravità dei sintomi subiti nella FM. Lo scopo di questa revisione sistematica è valutare l’efficacia di diete principalmente a base vegetale come le diete vegane e vegetariane (intervento) in pazienti con FM (popolazione) rispetto alle diete onnivore (confronto), ed esaminare i principali effetti di queste diete sui sintomi dei pazienti e sul miglioramento della loro qualità di vita (risultati).Una recensione pubblicata qualche mese fa ha indagato sugli effetti di una dieta priva di cibi animali sui sintomi e la qualità di vita di pazienti affetti da fibromialgia. Di 88 studi raccolti, meno di una decina hanno soddisfatto i criteri investigativi. Tra gli studi selezionati in questa recensione, quattro di loro hanno analizzato in modo specifico l’effetto delle diete a base vegetale sui sintomi della FM utilizzando diversi questionari e test.

Kaartinen et al. hanno mostrato che seguire una dieta a base di cibo fresco riduceva significativamente il dolore a riposo (p = 0,005). Questo effetto positivo è scomparso quando sono stati reintrodotti gli alimenti di origine animale. Inoltre, è stato riscontrato un miglioramento della qualità del sonno (p = 0,0001), una riduzione della rigidità mattutina (p = 0,000001) e nel questionario generale del reumatologo (p = 0,038). Per quanto riguarda l’impatto della FM sulla vita della persona, misurato attraverso il questionario FIQ nella ricerca di Donaldson et al., è stata osservata una diminuzione considerevole (p <0,05) in quei pazienti che seguivano un modello dietetico vegetariano puro. Per quanto riguarda la VAS (scala analogica visiva), Martínez-Rodríguez et al. hanno riscontrato una diminuzione dell’intensità del dolore somatico quando è stata applicata una dieta latto-vegetariana insieme al programma di stabilizzazione del core; non sono state riscontrate differenze senza l’intervento sportivo e in aumento nel gruppo di controllo. Michalsen et al. ha utilizzato questa scala anche per valutare la gravità del dolore dopo l’intervento, è stata riscontrata una diminuzione di intensità in quei pazienti che seguivano un digiuno, ma non era significativa rispetto a coloro che seguivano una dieta vegetariana.

Hannine et al. hanno riscontrato un miglioramento della rigidità articolare (p = 0,001) e del dolore (misurato dalla scala VAS) (p = 0,003) in quei pazienti che hanno seguito una dieta LF durante l’intervento. È innegabile dire che i benefici di questi modelli dietetici nei sintomi della FM sono principalmente dovuti all’apporto di nutrienti che forniscono. Queste diete consistono principalmente di verdure, frutta, noci e semi, funghi, legumi e cereali integrali. Pertanto, forniscono alti livelli di vitamine antiossidanti (come vitamina C e vitamina E), minerali, fibre e polifenoli rispetto alla dieta onnivora. Questi nutrienti contrastano lo stress ossidativo prodotto da un’alimentazione inadeguata e portano ad un miglioramento dei sintomi della FM. Queste informazioni hanno portato all’ipotesi principale dello studio, in cui ci si aspettava che migliorassero i sintomi della FM grazie alle loro proprietà antinfiammatorie. Gli studi inclusi in questa revisione hanno mostrato un miglioramento significativo della qualità della vita, del dolore, dei disturbi psicologici della qualità del sonno come ansia e depressione e dello stato di salute generale. Livelli elevati di BMI sono stati direttamente collegati all’aumento del dolore e dello stato funzionale anche nei pazienti con fibromialgia.

Gli autori della recensione indicano che le prove a sostegno di una dieta vegetariana o vegana nel conferire beneficio in caso di fibromialgia ci sono. Dato che però gli studi raccolti sono stati complessivamente pochi, la significatività statistica è stata raggiunta ma non a fronte di una coorte molto larga di soggetti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sarzi-Puttini P et al. Nat Rev Rheumatol 2020; 16:645–660.

Silva A.R., Bernardo A et al. Annals Med. 2019; 51:2–14. 

Bjørklund G et al. Biomed Pharmacother 2018; 103:531–38. 

Heidari F et al. Rheumatol. Int. 2017; 37:1527–1539. 

Haghighatdoost F et al. Public Health Nutr. 2017; 20:2713.

Kahleova H., Pelikanova T. J Amer Coll Nutr. 2015; 34:448.

Barnard N.D et al. J Acad Nutr Diet. 2015; 115:954–969. 

Cordero MD et al. Rheumatol. Int. 2014; 34:419–422.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI