HomeBIOMEDICINA & SALUTELa vitamina D fa bene ai muscoli? Le rivelazioni di una metanalisi...

La vitamina D fa bene ai muscoli? Le rivelazioni di una metanalisi di tutto quello che si sa oggi

Studi osservazionali hanno precedentemente suggerito che l’integrazione di vitamina D può aiutare la salute dei muscoli. Tuttavia, in una nuova meta-analisi, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione di integratori di vitamina D non giova alla salute dei muscoli. Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che in alcune misure, l’integrazione di vitamina D riduceva la salute muscolare rispetto al placebo. Lo studio, che appare nel Journal of Bone and Mineral Research, fornisce prove preziose e di alta qualità su un argomento che in precedenza aveva mostrato risultati contrastanti. La vitamina D ha molteplici ruoli nel corpo. Aiuta a promuovere ossa e denti sani; sostenere la salute del sistema immunitario, cerebrale e nervoso, regolare i livelli di insulina e supportare la gestione del diabete. Può anche supportare la funzione polmonare e la salute cardiovascolare e influenzare l’espressione dei geni coinvolti nello sviluppo del cancro Secondo il National Institutes of Health Office of Dietary Supplements, la vitamina D è importante per la crescita sana delle ossa. Svolge anche un ruolo nel ridurre l’infiammazione e influenza la crescita cellulare, il metabolismo del glucosio e il sistema immunitario.

I nostri corpi sintetizzano la vitamina D in seguito all’esposizione diretta alla luce solare. Alcuni alimenti contengono anche vitamina D, inclusi pesci grassi e oli di pesce, uova e funghi esposti alla luce ultravioletta. In uno studio basato sui dati negli Stati Uniti tra il 2011 e il 2014, i ricercatori hanno scoperto che il 5% delle persone di età superiore a 1 anno negli Stati Uniti era a rischio di carenza di vitamina D, mentre il 18,3% era a rischio di insufficienza di vitamina D. Una delle ragioni principali della carenza di vitamina D è che le persone non si espongono abbastanza alla luce solare con una forza sufficiente. La quantità di esposizione al sole che si ottiene è il fattore più importante perché le fonti naturali di vitamina D negli alimenti sono molto rare. Paesi con meno esposizione alla luce solare e periodi invernali prolungati, persone con pelle più scura, età avanzata e indice di massa corporea più elevato, tutte queste cose sono associate alla carenza di vitamina D. Questo è il motivo per cui gli Stati Uniti e altri paesi hanno iniziato a integrare il latte con la vitamina D. Poiché altre forme di latte, come il latte di soia e il latte di mandorle, stanno diventando più popolari e non sono integrate con la vitamina D, questo rischia di diventare un grosso problema di sanità pubblica.

Recentemente, i ricercatori hanno esaminato l’integrazione di vitamina D per vedere se è protettiva contro il COVID-19. Tuttavia, in un editoriale per il la rivista BMJ, i ricercatori hanno evidenziato che esiste una ricerca limitata sul legame tra vitamina D e COVID-19. Inoltre, le prove che esistono sono contraddittorie sul fatto che la vitamina D sia benefica o meno. Un’altra area che i ricercatori hanno studiato è il possibile ruolo che l’integrazione di vitamina D può svolgere nel migliorare le prestazioni e la salute muscolare. Gli integratori di vitamina D sono stati in larga misura raccomandati alle persone che lamentano affaticamento muscolare. Tuttavia, i ricercatori hanno notato che le prove degli effetti della vitamina D sulle prestazioni muscolari e sulla salute sono state contrastanti e limitate dai dati demografici coinvolti dagli studi. Per cercare di ottenere informazioni più affidabili, la dott.ssa Bislev e i suoi coautori hanno condotto una meta-analisi delle ricerche disponibili. I ricercatori hanno incluso solo studi randomizzati controllati in doppio cieco, controllati con placebo. Il team ha attinto ai dati di 54 studi che hanno coinvolto un totale di 8.747 partecipanti.

La maggior parte delle precedenti meta-analisi riportano dati sulla forza della presa, il test Timed Up and Go o un endpoint composito, come la forza muscolare globale, con grandi variazioni tra gli studi. Questo studio riporta invece gli effetti sui dieci esiti più comunemente riportati negli individui trattati con vitamina D2 o D3 rispetto al placebo. Molti di questi endpoint non sono stati precedentemente riassunti in una meta-analisi. È stato incluso un gran numero di individui e la variazione tra gli studi era bassa. Recentemente, due studi che riportavano gli effetti benefici della vitamina D sulla forza muscolare, inclusi nella maggior parte delle precedenti meta-analisi, sono stati ritirati a causa di frodi scientifiche. Inoltre, sono stati recentemente pubblicati i risultati di un gran numero di studi clinici randomizzati che sottolineano l’importanza di riassumere i dati disponibili. I ricercatori non hanno trovato prove di alcun beneficio che gli integratori di vitamina D forniscano per la forza e la salute dei muscoli. Inoltre, il team ha scoperto che gli integratori di vitamina D hanno ridotto le prestazioni muscolari nei test Timed Up and Go, nei test di flessione del ginocchio e nei test Short Physical Performance Battery.

La dottoressa Bislev ha affermato che i risultati negativi nei test di flessione del ginocchio potrebbero essere dovuti al tipo e alla quantità di dose di vitamina D: “Per la flessione del ginocchio, la maggior parte degli studi inclusi ha utilizzato dosaggi giornalieri di vitamina D superiori a 2.800 unità internazionali (UI), ed è possibile che il risultato dannoso su questo esito sia causato dalla dose giornaliera relativamente elevata. Ipotizziamo anche che la terapia in bolo ad alte dosi possa svolgere un ruolo negativo rispetto alla terapia giornaliera a basse dosi. Tuttavia, potrebbe esserci ancora valore nelle persone con una significativa carenza di vitamina D che assumono un integratore per la forza muscolare. La maggior parte degli studi non include individui con bassi livelli di vitamina D; e nessuno studio include solo individui con grave carenza di vitamina D. Pertanto, dobbiamo ancora indagare se la vitamina D può esercitare un effetto benefico in individui con livelli molto bassi. Tuttavia, nonostante i risultati negativi per alcune misure di forza muscolare, questo non è un motivo per cui le persone dovrebbero interrompere l’assunzione di vitamina D. In generale, dobbiamo interpretare con cautela i risultati degli studi osservazionali”.

Poi ha concluso: “La conclusione principale del nostro studio è che la vitamina D non ha un effetto benefico sulla forza muscolare e può anche avere un piccolo effetto dannoso. Non è noto se questo piccolo risultato negativo sia di rilevanza clinica. Le persone non dovrebbero riconsiderare l’assunzione di un integratore a basso dosaggio per proteggere o curare l’osteoporosi, ma dato l’enorme interesse pubblico per la vitamina D, dobbiamo essere consapevoli dei possibili effetti negativi di eventuali dosi elevate”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bislev LS et al. J Bone Miner Res. 2021 Aug 17.

Bislev LS et al. .Nutrients. 2020 May; 12(5):1310.

Bislev LS et al. Endocrine. 2018; 62(1):182-194.

Rejnmark L et al. PLoS One 2017; 12(7):e0180512.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI